Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Operano ciò che è bene nel momento del bisogno

Operano ciò che è bene nel momento del bisogno

 Operano ciò che è bene nel momento del bisogno

“OPERIAMO ciò che è bene verso tutti”, esortò l’apostolo Paolo, “ma specialmente verso quelli che hanno relazione con noi nella fede”. (Galati 6:10) In tutto il mondo i testimoni di Geova si sforzano diligentemente di applicare questo principio nella loro vita, operando ciò che è bene verso tutti, ma in particolare verso i loro compagni di fede. Lo si è visto spesso nei momenti di bisogno. Consideriamo ad esempio ciò che è avvenuto di recente in tre paesi.

Nel dicembre del 2002 un violento tifone, con venti che soffiavano a oltre 300 chilometri orari, investì Guam. Molte case riportarono gravi danni e alcune furono completamente distrutte. Le congregazioni del posto formarono rapidamente delle squadre di soccorso per aiutare le famiglie di Testimoni più colpite. La filiale di Guam fornì materiali e manodopera per riparare le case danneggiate e quella delle Hawaii provvide aiuti. Nel giro di qualche settimana arrivò dalle Hawaii una squadra di carpentieri per dare una mano nei lavori di ricostruzione e alcuni fratelli locali presero qualche giorno di vacanza per assisterli. Questo spirito di gioiosa collaborazione fu una testimonianza per tutta la comunità.

In un sobborgo della città di Mandalay, nel Myanmar, scoppiò un incendio non lontano da una Sala del Regno. Nelle vicinanze abitavano una sorella inattiva e la sua famiglia. Il vento soffiava in direzione della loro casa, perciò la sorella corse alla Sala del Regno a chiedere aiuto. In quel periodo si stava ristrutturando il locale, quindi sul posto c’erano molti fratelli. Rimasero sorpresi vedendola, perché non sapevano che abitasse nella zona. Senza perdere tempo la aiutarono a portare in salvo gli averi della famiglia. Informato dell’incendio, il marito, che non era Testimone, corse a casa e trovò i fratelli che si stavano prendendo cura dei suoi familiari. Oltre ad essere favorevolmente impressionato e riconoscente, tirò un sospiro di sollievo perché in situazioni del genere si verificano spesso episodi di sciacallaggio. Questa dimostrazione di benignità da parte dei fratelli spinse la sorella e suo figlio a ricominciare a frequentare la congregazione cristiana e ora assistono a tutte le adunanze.

Nello scorso anno di servizio, molti in Mozambico hanno sofferto per la carestia dovuta alla siccità e alla scarsità dei raccolti. La filiale locale dei testimoni di Geova è corsa prontamente in aiuto dei bisognosi fornendo loro dei viveri. La distribuzione è avvenuta nelle Sale del Regno, a volte dopo le adunanze di  congregazione. Una sorella con figli ma senza marito ha detto: “Quando andai all’adunanza ero depressa, perché non sapevo cosa avrei dato da mangiare ai miei figli una volta tornata a casa”. L’amorevole aiuto provveduto dai fratelli le risollevò subito il morale. “È stata come una risurrezione per me!”, ha detto.

I Testimoni ‘operano ciò che è bene’ anche in senso spirituale, diffondendo il messaggio di conforto e speranza contenuto nella Bibbia. Hanno la stessa convinzione di un saggio dell’antichità, che disse: ‘In quanto a chi ascolta la sapienza divina, risiederà al sicuro e sarà indisturbato dal terrore della calamità’. — Proverbi 1:33.

[Immagini a pagina 31]

1, 2. Distribuzione dei viveri ai bisognosi in Mozambico

3, 4. Il tifone che investì Guam distrusse molte case

[Fonti]

Bambino, a sinistra: Andrea Booher/FEMA News Photo; donna, sopra: AP Photo/Pacific Daily News, Masako Watanabe