Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Punti notevoli del libro di Levitico

Punti notevoli del libro di Levitico

 La Parola di Geova è vivente

Punti notevoli del libro di Levitico

NON è ancora passato un anno da che gli israeliti sono stati liberati dalla schiavitù egiziana. Ora sono una nuova nazione, in cammino verso il paese di Canaan. Geova si propone di far dimorare in quel paese una nazione santa. Tuttavia le pratiche religiose dei cananei e i loro costumi sono molto degradati. Perciò il vero Dio dà alla congregazione d’Israele dei regolamenti che la terranno separata per il suo servizio. Questi regolamenti si trovano nel libro biblico di Levitico. Scritto dal profeta Mosè nel deserto del Sinai probabilmente nel 1512 a.E.V., il libro abbraccia appena un mese lunare di storia. (Esodo 40:17; Numeri 1:1-3) Geova esorta ripetutamente i suoi adoratori a essere santi. — Levitico 11:44; 19:2; 20:7, 26.

Oggi i testimoni di Geova non sono sotto la Legge che Dio diede tramite Mosè. La morte di Gesù Cristo abolì quella Legge. (Romani 6:14; Efesini 2:11-16) Tuttavia i regolamenti che troviamo in Levitico possono esserci utili, insegnandoci molte cose riguardo all’adorazione del nostro Dio, Geova.

OFFERTE SANTE: VOLONTARIE E OBBLIGATORIE

(Levitico 1:1–7:38)

Alcuni sacrifici e offerte previsti dalla Legge erano volontari mentre altri erano obbligatori. L’olocausto, ad esempio, era volontario. Era presentato a Dio nella sua interezza, come Gesù Cristo diede volontariamente e interamente la sua vita come sacrificio di riscatto. Il sacrificio di comunione era volontario e veniva condiviso. Una parte veniva offerta a Dio sull’altare, un’altra parte veniva mangiata dal sacerdote e un’altra ancora dall’offerente. In modo analogo, per i cristiani unti la Commemorazione della morte di Cristo è un pasto di comunione. — 1 Corinti 10:16-22.

Le offerte per il peccato e le offerte per la colpa erano obbligatorie. Con le prime si espiavano i peccati commessi per sbaglio o involontariamente. Le seconde servivano a fare ammenda, nei confronti di Dio, di un diritto violato o a far riacquistare al trasgressore pentito certi diritti, oppure entrambe le cose. Si facevano anche offerte di cereali in riconoscimento della generosità di Geova. Tutte queste cose ci interessano perché i sacrifici previsti dal patto della Legge indicavano Gesù Cristo e il suo sacrificio o i benefìci che ne derivano. — Ebrei 8:3-6; 9:9-14; 10:5-10.

Risposta a domande bibliche:

2:11, 12: Perché il ‘miele come offerta fatta mediante il fuoco’ non era accettevole a Geova? Il miele a cui si fa riferimento qui non poteva essere miele di api. Pur non essendo consentito ‘come offerta fatta mediante il  fuoco’, era incluso fra ‘le primizie del prodotto del campo’. (2 Cronache 31:5) Evidentemente questo miele era il succo sciropposo di alcuni frutti. Dato che poteva fermentare, non era accettevole come offerta sull’altare.

2:13: Perché ‘insieme a ogni offerta’ si doveva presentare del sale? Lo scopo non era di accentuare il sapore dei sacrifici. Il sale si usa in ogni parte del mondo come conservante. Probabilmente veniva presentato insieme alle offerte perché rappresenta assenza di corruzione e di decadimento.

Lezioni per noi:

3:17. Dato che il grasso era considerato la parte migliore o di maggior pregio, il divieto di mangiarlo serviva evidentemente a imprimere nella mente degli israeliti che la parte migliore apparteneva a Geova. (Genesi 45:18) Questo ci ricorda che dovremmo dare il nostro meglio a Geova. — Proverbi 3:9, 10; Colossesi 3:23, 24.

7:26, 27. Gli israeliti non dovevano mangiare sangue. Agli occhi di Dio il sangue rappresenta la vita. “L’anima [la vita] della carne è nel sangue”, dice Levitico 17:11. La norma di astenersi dal sangue è ancora valida per i veri adoratori d’oggi. — Atti 15:28, 29.

ISTITUITO IL SACERDOZIO SANTO

(Levitico 8:1–10:20)

A chi fu affidata la responsabilità di assolvere i doveri relativi ai sacrifici e alle offerte? Ai sacerdoti. Seguendo le istruzioni di Dio, Mosè tenne una cerimonia d’insediamento per Aaronne, il sommo sacerdote, e per i suoi quattro figli, che dovevano essere sottosacerdoti. A quanto pare la cerimonia durò sette giorni e il giorno successivo il sacerdozio cominciò a officiare.

Risposta a domande bibliche:

9:9: Cosa significa il fatto che fu versato sangue alla base dell’altare e ne fu messo sui corni dell’altare? Dimostrò che Geova accettava il sangue ai fini dell’espiazione. La disposizione dell’espiazione era interamente basata sul sangue. “Quasi tutte le cose sono purificate col sangue secondo la Legge”, scrisse l’apostolo Paolo, “e se il sangue non è versato non ha luogo nessun perdono”. — Ebrei 9:22.

10:1, 2: Cosa poteva essere implicato nel peccato commesso da Nadab e Abiu, i figli di Aaronne? Subito dopo che Nadab e Abiu ebbero agito impropriamente nell’adempimento dei loro doveri sacerdotali, Geova vietò ai sacerdoti di far uso di vino e di bevanda inebriante mentre servivano nel tabernacolo. (Levitico 10:9) Ciò farebbe pensare che nell’occasione di cui si parla qui i due figli di Aaronne fossero sotto l’effetto dell’alcool. Ma in effetti la ragione per cui morirono fu che avevano offerto “fuoco illegittimo, che [Geova] non aveva loro prescritto”.

Lezioni per noi:

10:1, 2. Oggi i servitori di Geova maturi devono conformarsi alle norme divine. Inoltre non devono diventare presuntuosi mentre assolvono le loro responsabilità.

10:9. Non si devono svolgere compiti affidati da Dio mentre si è sotto l’effetto di bevande alcoliche.

 L’ADORAZIONE DI DIO RICHIEDE PUREZZA

(Levitico 11:1–15:33)

I regolamenti di carattere alimentare inerenti agli animali puri e impuri recavano beneficio agli israeliti in due modi. Li proteggevano dalle infezioni causate da organismi nocivi e rafforzavano la barriera che li separava dalle persone delle nazioni circonvicine. Altri regolamenti riguardavano l’impurità dovuta al contatto con i corpi morti, la purificazione delle donne dopo il parto, le procedure da seguire riguardo alla lebbra e l’impurità dovuta a perdite dai genitali dell’uomo e della donna. I sacerdoti dovevano occuparsi di coloro che erano divenuti impuri.

Risposta a domande bibliche:

12:2, 5: Perché il parto rendeva “impura” la donna? Gli organi della riproduzione furono fatti per trasmettere la vita umana perfetta. Tuttavia, a causa del peccato ereditario, alla progenie fu trasmessa una vita imperfetta e peccaminosa. I temporanei periodi di ‘impurità’ legata al parto come pure ad altre cose, quali mestruazioni ed emissioni seminali, ricordavano loro che avevano ereditato il peccato. (Levitico 15:16-24; Salmo 51:5; Romani 5:12) I regolamenti relativi alla purificazione richiesta avrebbero aiutato gli israeliti a capire la necessità di un sacrificio di riscatto che coprisse la peccaminosità dell’umanità e la riportasse alla perfezione. In tal modo la Legge divenne il loro ‘tutore che conduceva a Cristo’. — Galati 3:24.

15:16-18: Cos’è l’“emissione seminale” menzionata in questi versetti? Sembra si riferisca sia a una polluzione notturna che ai rapporti sessuali fra coniugi.

Lezioni per noi:

11:45. Geova Dio è santo e richiede che quelli che gli rendono sacro servizio siano santi. Devono coltivare la santità e mantenersi fisicamente e spiritualmente puri. — 2 Corinti 7:1; 1 Pietro 1:15, 16.

12:8. Geova permetteva ai poveri di presentare volatili come offerta di sacrificio anziché una pecora che costava di più. Egli ha considerazione per i poveri.

BISOGNA MANTENERSI SANTI

(Levitico 16:1–27:34)

I sacrifici più importanti per i peccati erano offerti nell’annuale giorno di espiazione. Venivano sacrificati un toro per i sacerdoti e la tribù di Levi e un capro per le tribù non sacerdotali di Israele. Un capro vivo veniva mandato via nel deserto dopo aver confessato su di esso i peccati del popolo. I due capri erano considerati un’unica offerta per il peccato. Tutto questo indicava che Gesù Cristo sarebbe stato sacrificato e avrebbe anche portato via i peccati.

I regolamenti sul mangiare carne e su altre questioni mettono in evidenza che quando  adoriamo Geova dobbiamo essere santi. Appropriatamente i sacerdoti dovevano mantenersi santi. Le tre feste annuali erano occasioni per rallegrarsi grandemente e rendere grazie al Creatore. Inoltre, Geova diede al suo popolo norme circa l’errato uso del suo santo nome e l’osservanza dei sabati e del Giubileo, come pure comandi che stabilivano come comportarsi con i poveri e come trattare gli schiavi. Le benedizioni che il popolo avrebbe ricevuto ubbidendo a Dio sono messe in contrasto con le maledizioni che si sarebbe attirato se avesse disubbidito. Ci sono regolamenti anche sulle offerte relative ai voti e alle valutazioni, ai primogeniti degli animali e al dare ogni decima parte come “qualcosa di santo a Geova”.

Risposta a domande bibliche:

16:29: In che modo gli israeliti dovevano ‘affliggere le loro anime’? Era qualcosa che si faceva il giorno di espiazione e aveva relazione con la richiesta del perdono dei peccati. Digiunare in quel periodo significava evidentemente riconoscersi peccatori. Con tutta probabilità, quindi, con l’espressione ‘affliggersi l’anima’ si intendeva il digiuno.

19:27: Cosa significa il comando di non “accorciare in tondo i riccioli ai lati della testa” e non “distruggere l’estremità” della barba? Questa legge fu data evidentemente per impedire agli ebrei di tagliarsi la barba e i capelli come si faceva in certe usanze pagane. (Geremia 9:25, 26; 25:23; 49:32) Tuttavia il comando di Dio non significava che gli ebrei non potessero tagliarsi affatto la barba o i baffi. — 2 Samuele 19:24.

25:35-37: Era sempre sbagliato che gli israeliti chiedessero un interesse quando facevano prestiti? Se il denaro veniva prestato per motivi d’affari, si poteva chiedere un interesse. La Legge, comunque, proibiva di chiedere un interesse ai poveri. Era sbagliato approfittare delle difficoltà economiche di chi era nell’indigenza. — Esodo 22:25.

26:19: Come possono ‘i cieli divenire come il ferro e la terra come il rame’? Per la mancanza di pioggia, i cieli sul paese di Canaan avrebbero assunto un aspetto duro e compatto come quello del ferro. E la terra senza pioggia avrebbe avuto riflessi metallici simili a quelli del rame.

26:26: Cosa voleva dire che ‘dieci donne avrebbero cotto il pane in un solo forno’? Normalmente ogni donna, avendo tante cose da cuocere, aveva bisogno di un forno tutto per sé. Ma queste parole indicavano che ci sarebbe stata una tale penuria di cibo che sarebbe bastato un unico forno per dieci donne. Era una delle conseguenze che, come predetto, avrebbero subìto se non si fossero mantenuti santi.

Lezioni per noi:

20:9. Agli occhi di Geova uno spirito malvagio e pieno di odio equivaleva all’omicidio. Perciò egli stabilì che chi vituperava i genitori era soggetto alla pena di morte come chi li uccideva veramente. Questo non dovrebbe quindi spingerci a mostrare amore ai compagni di fede? — 1 Giovanni 3:14, 15.

22:32; 24:10-16, 23. Il nome di Geova non dev’essere biasimato. Al contrario, dobbiamo lodare il suo nome e pregare perché sia santificato. — Salmo 7:17; Matteo 6:9.

Levitico influisce sull’adorazione

I testimoni di Geova odierni non sono sotto la Legge. (Galati 3:23-25) Ma siccome quanto è scritto in Levitico ci permette di capire a fondo il pensiero di Geova su varie cose, può influire sull’adorazione che gli rendiamo.

Mentre fate la lettura settimanale della Bibbia per prepararvi per la Scuola di Ministero Teocratico, rimarrete senz’altro colpiti dal fatto che Dio richiede che i suoi servitori siano santi. Questo libro biblico può spingervi anche a dare all’Altissimo il meglio di voi stessi, mantenendovi sempre santi alla sua lode.

[Immagine a pagina 21]

I sacrifici offerti sotto la Legge indicavano Gesù Cristo e il suo sacrificio

[Immagine a pagina 22]

La festa dei pani non fermentati era un avvenimento molto gioioso

[Immagine a pagina 23]

Le feste annuali, come la festa delle capanne, erano occasioni per ringraziare Geova