Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Nella fratellanza cristiana le persone anziane sono preziose

Nella fratellanza cristiana le persone anziane sono preziose

 Nella fratellanza cristiana le persone anziane sono preziose

“Quelli che sono piantati nella casa di Geova . . . fioriranno. Continueranno ancora a prosperare durante i capelli grigi”. — SALMO 92:13, 14.

1. Come considerano molti le persone anziane?

GEOVA ama tutti i suoi servitori fedeli, inclusi quelli più anziani. Tuttavia, secondo un sondaggio, ogni anno negli Stati Uniti quasi mezzo milione di persone anziane subiscono maltrattamenti o vengono abbandonate. Notizie simili da tutto il mondo confermano che il maltrattamento degli anziani è un problema globale, alla cui radice, riferisce un’organizzazione, c’è “l’opinione ampiamente condivisa . . . secondo cui i vecchi non servono più a nulla, sono improduttivi e dipendono troppo dagli altri”.

2. (a) Come considera Geova i suoi fedeli servitori avanti negli anni? (b) Che rincuorante descrizione troviamo in Salmo 92:12-15?

2 Geova Dio apprezza molto i suoi servitori leali avanti negli anni. Si concentra sull’“uomo che siamo di dentro”, sulla nostra condizione spirituale, più che sui nostri problemi fisici. (2 Corinti 4:16) Nella sua Parola, la Bibbia, troviamo questa rincuorante promessa: “Il giusto stesso fiorirà come la palma; come il cedro del Libano, egli crescerà. Quelli che sono piantati nella casa di Geova, nei cortili del nostro Dio, fioriranno. Continueranno ancora a prosperare durante i capelli grigi, grassi e freschi continueranno ad essere, per annunciare che Geova è retto”. (Salmo 92:12-15) Un esame di questi versetti rivelerà alcuni modi in cui voi persone anziane potete dare un prezioso contributo alla fratellanza cristiana.

“Prosperare durante i capelli grigi”

3. (a) Perché i giusti sono paragonati a palme? (b) In che modo le persone anziane possono “prosperare durante i capelli grigi”?

3 Il salmista paragona i giusti a palme ‘piantate nei cortili del nostro Dio’, dicendo che ‘continuano a prosperare durante i capelli grigi’. Un’altra versione legge: “Ancora daranno frutti in vecchiaia”. (Bibbia rabbinica, ed. Marietti) Non è un pensiero incoraggiante? In Oriente, nei tempi biblici, era comune vedere nei cortili palme eleganti e diritte. Oltre a essere decorative, le palme da datteri erano apprezzate perché producevano frutti in abbondanza, alcune per più di un secolo. * Anche voi, rimanendo saldamente radicati nella vera  adorazione, potete similmente ‘continuare a portare frutto in ogni opera buona’. — Colossesi 1:10.

4, 5. (a) Quale importante frutto devono produrre i cristiani? (b) Fate esempi scritturali di persone anziane che produssero “il frutto di labbra”.

4 Geova si aspetta che i cristiani producano “il frutto di labbra”, cioè che lodino lui e i suoi propositi. (Ebrei 13:15) Questo vale anche per voi persone anziane? Certamente.

5 La Bibbia riporta esempi di persone anziane che resero intrepidamente testimonianza al nome e ai propositi di Geova. Mosè aveva già superato i “settant’anni” quando Geova lo costituì suo profeta e rappresentante. (Salmo 90:10; Esodo 4:10-17) L’età non impedì al profeta Daniele di dare intrepida testimonianza riguardo alla sovranità di Geova. Probabilmente aveva più di novant’anni quando Baldassarre lo convocò perché interpretasse la misteriosa scritta sul muro. (Daniele, capitolo 5) E che dire dell’anziano apostolo Giovanni? Verso la fine della sua lunga carriera era prigioniero nell’isola di Patmos “per aver parlato di Dio e aver reso testimonianza a Gesù”. (Rivelazione [Apocalisse] 1:9) Molto probabilmente ricorderete altri personaggi biblici che produssero “il frutto di labbra” nella vecchiaia. — 1 Samuele 8:1, 10; 12:2; 1 Re 14:4, 5; Luca 1:7, 67-79; 2:22-32.

6. In che modo Geova si è servito di “vecchi” per profetizzare in questi ultimi giorni?

6 Citando il profeta ebreo Gioele, l’apostolo Pietro dichiarò: “‘Negli ultimi giorni’, dice Dio, ‘verserò del mio spirito su ogni sorta di carne [“vecchi” inclusi], . . . e profetizzeranno’”. (Atti 2:17, 18; Gioele 2:28) Infatti in questi ultimi giorni Geova si è servito di persone anziane appartenenti alla classe degli unti e alle “altre pecore” per annunciare i suoi propositi. (Giovanni 10:16) Alcune di loro producono da decenni il frutto del Regno.

7. Illustrate come persone anziane continuano a produrre il frutto del Regno nonostante i problemi fisici.

7 Sonia, per esempio, diventò proclamatrice del Regno a tempo pieno nel 1941. Benché da tempo lotti con una malattia cronica, conduce regolarmente studi biblici in casa sua. “Predicare la buona notizia fa parte della mia vita”, ha spiegato. “Anzi è la mia vita. Mi rifiuto di andare in pensione”. Non molto tempo fa Sonia e sua sorella Olive hanno parlato del messaggio di speranza della Bibbia con Janet, una malata terminale incontrata nella sala d’aspetto di un ospedale. La madre di Janet, cattolica devota, è rimasta così colpita dall’amorevole interesse mostrato alla figlia che ha accettato l’offerta di uno studio biblico e sta facendo un ottimo progresso. Potreste cogliere occasioni simili per produrre il frutto del Regno?

8. In che modo l’anziano Caleb dimostrò di avere fiducia in Geova, e come i cristiani avanti negli anni possono seguire il suo esempio?

8 Andando avanti con coraggio nell’opera di predicazione del Regno nonostante i problemi legati all’età, i cristiani più anziani seguono l’esempio di Caleb, il fedele israelita che passò quarant’anni nel deserto con Mosè. Caleb aveva 79 anni quando attraversò il Giordano per entrare nella Terra Promessa.  Dopo aver combattuto per sei anni nelle file del vittorioso esercito di Israele, avrebbe potuto riposare sugli allori. Ma non lo fece, anzi chiese coraggiosamente che gli fosse affidata la difficile impresa di conquistare le “città grandi e fortificate” della regione montuosa di Giuda abitata dagli anachim, uomini giganteschi. Con l’aiuto di Geova, Caleb ‘li spodestò, proprio come Geova aveva promesso’. (Giosuè 14:9-14; 15:13, 14) Siate certi che Geova è con voi, come fu con Caleb, mentre continuate a produrre il frutto del Regno nella vecchiaia. E se rimarrete fedeli, vi riserverà un posto nel nuovo mondo che ha promesso. — Isaia 40:29-31; 2 Pietro 3:13.

“Grassi e freschi continueranno ad essere”

9, 10. Come fanno i cristiani più avanti negli anni a rimanere sani nella fede e a conservare il vigore spirituale? (Vedi il riquadro a pagina 13).

9 Richiamando l’attenzione sulla produttività dei servitori di Geova avanti negli anni, il salmista cantò: “Il giusto stesso fiorirà come la palma; come il cedro del Libano, egli crescerà. Continueranno ancora a prosperare durante i capelli grigi, grassi e freschi continueranno ad essere”. — Salmo 92:12, 14.

10 Come potete conservare il vigore spirituale nonostante il passare degli anni? Il segreto della bellezza duratura della palma sta in un’inesauribile fonte di acqua dolce. Allo stesso modo, voi potete alimentarvi con le acque della verità biblica studiando la Parola di Dio e associandovi alla sua organizzazione. (Salmo 1:1-3; Geremia 17:7, 8) La vostra vitalità spirituale vi rende un bene prezioso per i compagni di fede. Pensate a come questo fu vero nel caso dell’anziano sommo sacerdote Ieoiada.

11, 12. (a) Quale ruolo importante ebbe Ieoiada nella storia del regno di Giuda? (b) In che modo Ieoiada usò la propria influenza per sostenere la vera adorazione?

11 Probabilmente Ieoiada era ultracentenario quando l’ambiziosa regina Atalia salì al potere in Giuda assassinando i suoi stessi nipoti. Cosa poteva fare l’anziano Ieoiada? Per sei anni lui e la moglie tennero nascosto nel tempio Ioas, l’unico erede al trono superstite. Poi, quando Ioas aveva sette anni, con un’azione a sorpresa Ieoiada lo proclamò re e fece mettere a morte Atalia. — 2 Cronache 22:10-12; 23:1-3, 15, 21.

12 In qualità di tutore del re, Ieoiada usò la propria influenza per sostenere la vera adorazione. “Concluse un patto fra lui stesso e tutto il popolo e il re, che sarebbero restati il popolo di Geova”. Per ordine di Ieoiada il popolo abbatté la casa del falso dio Baal e ne eliminò gli altari, le immagini e il sacerdote. Sempre sotto la guida di Ieoiada, Ioas ripristinò il servizio del tempio e fece eseguire i lavori di riparazione, di cui c’era molto bisogno. “Ioas continuò a fare ciò che era retto agli occhi di Geova per tutti i giorni che Ieoiada il sacerdote lo istruì”. (2 Cronache 23:11, 16-19; 24:11-14; 2 Re 12:2) Quando morì all’età di 130 anni, Ieoiada ebbe l’onore straordinario di essere seppellito insieme ai re perché “aveva fatto del bene in Israele e verso il vero Dio e la Sua casa”. — 2 Cronache 24:15, 16.

13. Come i cristiani avanti negli anni possono ‘fare del bene verso il vero Dio e la sua casa’?

13 Forse la cattiva salute o altre circostanze limitano quello che potete fare a sostegno della vera adorazione. Comunque, avete sempre la possibilità di ‘fare del bene verso il vero Dio e la sua casa’. Potete mostrare zelo per la casa spirituale di Geova assistendo e prendendo parte attiva alle adunanze della congregazione e partecipando al ministero di campo ogni volta che è possibile. La vostra prontezza nel seguire i consigli biblici e la vostra lealtà nel sostenere “lo schiavo fedele e discreto” e la congregazione rafforzeranno la fratellanza cristiana. (Matteo 24:45-47) Inoltre potete incitare i compagni di fede  “all’amore e alle opere eccellenti”. (Ebrei 10:24, 25; Filemone 8, 9) E sarete una benedizione per gli altri se agirete in armonia con il consiglio di Paolo: “Gli uomini d’età avanzata siano di abitudini moderate, seri, di mente sana, sani [saldi, CEI] nella fede, nell’amore, nella perseveranza. Similmente le donne d’età avanzata siano di condotta riverente, non calunniatrici, né schiave di molto vino, maestre di ciò che è bene”. — Tito 2:2-4.

14. Cosa possono fare i sorveglianti cristiani di vecchia data per sostenere la vera adorazione?

14 Servite come anziani di congregazione da molto tempo? “Usate altruisticamente la saggezza accumulata nel corso degli anni”, è il consiglio di un anziano di congregazione di vecchia data. “Delegate le responsabilità e mettete la vostra esperienza a disposizione di chi è di spirito volenteroso . . . Scoprite il potenziale degli altri. Sviluppatelo e coltivatelo. Edificate per il futuro”. (Deuteronomio 3:27, 28) Il vostro sincero interesse per l’opera del Regno in continua espansione recherà molte benedizioni ad altri componenti della nostra fratellanza cristiana.

“Annunciare che Geova è retto”

15. In che modo i cristiani avanti negli anni possono “annunciare che Geova è retto”?

15 I servitori di Dio più avanti negli anni possono assolvere con gioia l’incarico di “annunciare che Geova è retto”. Se siete cristiani di una certa età, potete dimostrare con le parole e con le azioni che ‘Geova è la vostra roccia, in cui non è alcuna ingiustizia’. (Salmo 92:15) La palma testimonia in silenzio le straordinarie qualità del suo Creatore. Ma voi avete ricevuto da Geova il privilegio di parlare di lui a coloro che abbracciano la vera adorazione. (Deuteronomio 32:7; Salmo 71:17, 18; Gioele 1:2, 3) Perché questo è importante?

16. Quale esempio biblico evidenzia l’importanza di “annunciare che Geova è retto”?

16 Quando era “vecchio e avanzato nei giorni” Giosuè, condottiero degli israeliti, “chiamava tutto Israele, i suoi anziani e i suoi capi e i suoi giudici e i suoi ufficiali”,  per ricordare loro la rettitudine di Dio. E diceva: “Nemmeno una parola di tutte le buone parole che Geova vostro Dio vi ha proferito è venuta meno. Vi si sono avverate tutte”. (Giosuè 23:1, 2, 14) Per qualche tempo queste parole rafforzarono la determinazione del popolo di rimanere fedele. Dopo la morte di Giosuè, però, “sorse un’altra generazione che non conosceva Geova né l’opera che egli aveva fatto per Israele. E i figli d’Israele si misero a fare ciò che era male agli occhi di Geova e a servire i Baal”. — Giudici 2:8-11.

17. Cosa ha fatto Geova per il suo popolo nei nostri tempi?

17 Oggi l’integrità della congregazione cristiana non dipende dalla testimonianza orale dei servitori di Dio più anziani. Eppure la nostra fede in Geova e nelle sue promesse si rafforza sentendo descrivere da chi ne è stato testimone la “grande opera” che Egli ha compiuto per il suo popolo in questi ultimi giorni. (Giudici 2:7; 2 Pietro 1:16-19) Se fate parte dell’organizzazione di Geova da molti anni, forse ricordate il tempo in cui c’erano pochissimi proclamatori del Regno nella vostra zona o nel vostro paese o quando l’opera di predicazione incontrava forte opposizione. Col tempo avete visto Geova eliminare certi ostacoli e ‘affrettare’ l’espansione del Regno. (Isaia 54:17; 60:22) Avete assistito al chiarimento di verità bibliche e al progressivo miglioramento della parte visibile dell’organizzazione di Dio. (Proverbi 4:18; Isaia 60:17) Cercate di incoraggiare gli altri descrivendo la vostra esperienza relativa alle giuste opere di Geova? Che effetto positivo e rassicurante può avere questo sulla fratellanza cristiana!

18. (a) Illustrate gli effetti a lungo termine che si hanno ‘annunciando che Geova è retto’. (b) Avete riscontrato di persona che Geova è retto?

18 Che dire di tutte le circostanze in cui avete sentito l’amorevole cura e la guida di Geova nella vostra vita? (Salmo 37:25; Matteo 6:33; 1 Pietro 5:7) Un’anziana sorella di nome Martha incoraggiava gli altri dicendo: “Qualunque cosa accada, non abbandonate mai Geova. Lui vi sosterrà”. Questo consiglio ebbe un profondo effetto su Tolmina, con cui Martha aveva studiato la Bibbia all’inizio degli anni ’60. “Quando morì mio marito”, ricorda Tolmina, “ero molto abbattuta, ma quelle parole mi spronarono a non perdere una sola adunanza. E Geova mi ha dato davvero la forza di andare avanti”. Nel corso degli anni Tolmina ha dato lo stesso consiglio a molti con cui studiava la Bibbia. Essendo incoraggianti e parlando della rettitudine di Geova, potete davvero fare molto per rafforzare la fede di altri credenti.

 Geova apprezza molto i fedeli avanti negli anni

19, 20. (a) Come considera Geova l’attività dei suoi servitori più anziani? (b) Cosa verrà trattato nel prossimo articolo?

19 Il mondo odierno, pieno di ingratitudine, ha poco tempo da dedicare alle persone anziane. (2 Timoteo 3:1, 2) Quando vengono ricordate, spesso è per ciò che hanno fatto in passato, per quello che erano, più che per quello che sono. Invece la Bibbia dice: “Dio non è ingiusto da dimenticare la vostra opera e l’amore che avete mostrato per il suo nome, in quanto avete servito e continuate a servire i santi”. (Ebrei 6:10) Geova Dio, naturalmente, ricorda le opere fedeli che avete compiuto in passato, ma vi apprezza anche per quello che continuate a fare nel suo servizio. Considera le persone anziane fedeli dei cristiani produttivi, spiritualmente sani e vigorosi: una testimonianza vivente della sua potenza. — Filippesi 4:13.

20 Vedete i componenti più anziani della nostra fratellanza cristiana come li vede Geova? Allora sarete spinti a manifestare loro il vostro amore. (1 Giovanni 3:18) L’articolo che segue tratterà alcuni modi pratici in cui manifestare questo amore provvedendo alle loro necessità.

[Nota in calce]

^ par. 3 In ogni grappolo, che può pesare più di otto chili, ci possono essere anche un migliaio di datteri. Secondo uno scrittore, ‘ogni palma nel corso del suo ciclo vitale avrà fruttato al proprietario due o tre tonnellate di datteri’.

Come rispondereste?

• In che modo le persone anziane “daranno frutti”?

• Perché la vitalità spirituale dei cristiani più anziani è un bene prezioso?

• Come possono le persone anziane “annunciare che Geova è retto”?

• Perché Geova apprezza coloro che lo servono da molto tempo?

[Domande per lo studio]

[Riquadro a pagina 13]

Sono rimasti sani nella fede

Cosa ha aiutato cristiani di vecchia data a rimanere sani nella fede e a conservare il vigore spirituale? Ecco cosa hanno detto alcuni:

“È molto importante leggere passi biblici che danno risalto alla nostra relazione con Geova. Quasi ogni sera ripeto a memoria i Salmi 23 e 91”. — Olive, battezzata nel 1930.

“Mi sono prefisso di assistere sempre a ogni discorso del battesimo e di ascoltare con attenzione, come se dovessi battezzarmi io. Mantenere vivo il ricordo della mia dedicazione è stato importante per rimanere fedele”. — Harry, battezzato nel 1946.

“È essenziale pregare ogni giorno, chiedendo sempre l’aiuto, la protezione e la benedizione di Geova, ‘riconoscendolo in tutte le nostre vie’” (Proverbi 3:5, 6). — Antônio, battezzato nel 1951.

“Ascoltare le esperienze di coloro che dopo tanti anni servono ancora fedelmente Geova rinnova la mia determinazione di rimanergli fedele e leale”. — Joan, battezzata nel 1954.

“È importante non pensare troppo a se stessi. Quello che abbiamo è dovuto all’immeritata benignità di Dio. Vedere le cose in questa prospettiva ci aiuta a cercare nella direzione giusta il nutrimento spirituale necessario per perseverare sino alla fine”. — Arlene, battezzata nel 1954.

[Immagine a pagina 11]

Le persone anziane producono il prezioso frutto del Regno

[Immagine a pagina 14]

La vitalità spirituale delle persone anziane è un bene prezioso