Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Come dimostriamo di amare Dio

Come dimostriamo di amare Dio

 Come dimostriamo di amare Dio

IMPARARE ad amare Dio non è un esercizio puramente teorico. Come possono confermare i suoi servitori in tutto il mondo, il vero amore per Dio cresce man mano che se ne conosce la personalità e diventa ancora più forte quando si impara ciò che egli ama, ciò che odia, ciò che preferisce e ciò che richiede.

Amorevolmente Geova ci ha dato la sua Parola, la Bibbia, nella quale si rivela. Da essa apprendiamo in che modo ha agito in diverse situazioni. Come una lettera di una persona cara ci procura molto piacere, così la Bibbia ci reca diletto perché ci rivela nuovi aspetti della personalità di Geova.

Tuttavia, come notiamo a volte nel ministero pubblico, conoscere Dio non sempre spinge le persone ad amarlo. Di certi ebrei privi di apprezzamento dei suoi giorni Gesù disse: “Voi scrutate le Scritture, perché pensate di avere per mezzo d’esse vita eterna; . . . ma so bene che non avete in voi l’amore di Dio”. (Giovanni 5:39, 42) Alcuni impiegano anni per conoscere le amorevoli opere di Geova eppure hanno poco amore per lui. Perché? Non comprendono la piena portata di ciò che imparano. Invece milioni di persone sincere con cui studiamo la Bibbia riscontrano che l’amore che provano per lui cresce di continuo. Perché? Perché seguono l’esempio di Asaf, come abbiamo fatto anche noi. In che modo?

Meditate con apprezzamento

Asaf era deciso a coltivare l’amore per Geova nel suo cuore. Scrisse: “Col mio cuore davvero mostrerò preoccupazione . . . Ricorderò le pratiche di Iah; poiché di sicuro  ricorderò le tue azioni meravigliose di molto tempo fa. E certamente mediterò su tutta la tua attività, e mi occuperò di sicuro delle tue opere”. (Salmo 77:6, 11, 12) L’amore per Dio crescerà nel cuore di chi riflette sulle Sue vie, come fece il salmista.

Inoltre, ricordare esperienze avute nel servizio di Geova rafforza la nostra relazione con lui. L’apostolo Paolo disse che siamo “collaboratori” di Dio, e fra collaboratori può nascere un’amicizia del tutto speciale. (1 Corinti 3:9) Quando gli esprimiamo il nostro amore, Geova lo apprezza, e rallegriamo il suo cuore. (Proverbi 27:11) Inoltre, quando invochiamo Geova ed egli ci aiuta a superare qualche difficoltà, sappiamo che è con noi e il nostro amore per lui diventa più profondo.

L’amicizia fra due persone aumenta man mano che esprimono l’una all’altra i loro sentimenti. Allo stesso modo, quando diciamo a Geova perché gli siamo devoti, il nostro amore per lui si rafforza. Ci troveremo a riflettere sulle parole di Gesù: “Devi amare Geova tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. (Marco 12:30) Cosa possiamo fare per essere sicuri di continuare ad amare Geova con tutto il cuore, con tutta l’anima, con tutta la mente e con tutta la forza?

Amare Geova con tutto il cuore

Le Scritture parlano del cuore simbolico, ovvero la persona interiore, con i suoi desideri, atteggiamenti e sentimenti. Quindi amare Geova con tutto il cuore significa desiderare di piacere a lui più di qualsiasi altra cosa. (Salmo 86:11) Dimostriamo di amarlo in questo modo cercando di avere una personalità a lui gradita. Ci sforziamo di imitare Dio ‘aborrendo ciò che è malvagio e aderendo a ciò che è buono’. — Romani 12:9.

L’amore per Dio influisce sui sentimenti che proviamo per qualunque cosa. Per esempio, può darsi che abbiamo un lavoro stimolante o impegnativo, ma il nostro cuore è lì? No. Dato che amiamo Geova Dio con tutto il cuore, siamo prima di tutto suoi ministri. Allo stesso modo, vogliamo piacere ai genitori, al coniuge e al datore di lavoro, ma dimostriamo di amare Geova con tutto il cuore cercando prima di tutto di piacere a lui. Dopo tutto Geova merita il primo posto nel nostro cuore. — Matteo 6:24; 10:37.

Amare Geova con tutta l’anima

Nelle Scritture la parola “anima” si riferisce basilarmente all’intera persona e alla vita che abbiamo. Quindi amare Geova con tutta l’anima vuol  dire usare la vita per lodarlo e per dimostrare che lo amiamo.

Naturalmente forse abbiamo altri interessi nella vita, come imparare un lavoro, gestire un’attività o allevare figli. Ma nello stesso tempo dimostriamo di amare Geova con tutta l’anima agendo come vuole lui e tenendo gli altri interessi al giusto posto nella vita; in tal modo ‘cerchiamo prima il regno e la Sua giustizia’. (Matteo 6:33) Adorare con tutta l’anima vuol dire anche essere zelanti. Dimostriamo a Geova che lo amiamo predicando con zelo il messaggio del Regno, facendo commenti edificanti alle adunanze e aiutando i nostri fratelli e le nostre sorelle cristiane. In ogni cosa continuiamo a ‘fare la volontà di Dio con tutta l’anima’. — Efesini 6:6.

Gesù dimostrò di amare Dio con tutta l’anima rinnegando se stesso. Mise la volontà di Dio al primo posto e i suoi bisogni personali al secondo. Ci invitò a seguire il suo esempio dicendo: “Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda il suo palo di tortura e mi segua di continuo”. (Matteo 16:24, 25) Rinnegare se stessi vuol dire dedicarsi. Vuol dire amare Dio così tanto da rinunciare a se stessi e darsi a lui, come avveniva nei tempi biblici quando un israelita amava così tanto il suo padrone che si impegnava a rimanere per sempre con lui come schiavo. (Deuteronomio 15:16, 17) Dedicando la nostra vita a Geova, dimostriamo in modo convincente di amarlo.

Amare Geova con tutta la mente

Amare Geova con tutta la mente vuol dire fare ogni sforzo necessario per capire la personalità e i propositi di Geova e ciò che egli richiede. (Giovanni 17:3; Atti 17:11) Esprimiamo a Geova il nostro amore usando tutte le nostre facoltà mentali per aiutare anche altri ad amarlo e per migliorare nell’arte di insegnare. ‘Cingete la vostra mente per l’attività’, esortò l’apostolo Pietro. (1 Pietro 1:13) Ci sforziamo inoltre di mostrare interesse per gli altri, specialmente per coloro che servono Dio insieme a noi. Ci rendiamo conto delle loro circostanze e notiamo quando è il caso di rivolgere lodi o di dare conforto.

Dimostriamo a Geova che lo amiamo con tutta la mente se ci sforziamo di vedere le cose dal suo punto di vista, di tenere conto di lui quando prendiamo decisioni e di avere fiducia che il suo modo di fare è il migliore. (Proverbi 3:5, 6; Isaia 55:9; Filippesi 2:3-7) Ma mentre continuiamo a dimostrare che amiamo Dio, come possiamo usare la nostra forza?

Amare Geova con tutta la forza

Molti giovani della congregazione cristiana usano le loro energie per lodare Geova. (Proverbi 20:29; Ecclesiaste 12:1) Un modo in cui tanti giovani cristiani dimostrano di amare Geova con tutta la loro forza è quello di svolgere il servizio di pioniere, il ministero a tempo pieno. Molte madri si impegnano in questo ministero mentre i figli sono a scuola. I fedeli anziani che fanno visite pastorali, oltre ad aver cura del benessere della propria famiglia, dimostrano di amare Geova con tutta la loro forza. (2 Corinti 12:15) Geova dà potenza a quelli che sperano in lui, affinché dimostrino il loro amore lodandolo con tutta la forza che hanno. — Isaia 40:29; Ebrei 6:11, 12.

Se è ben coltivato, l’amore crescerà. Perciò continuiamo a trovare il tempo per meditare. Ricordiamo ciò che Geova ha fatto per noi e perché merita la nostra devozione. Come imperfetti discendenti di Adamo non potremo mai essere degni delle “cose che Dio ha preparato per quelli che lo amano”, ma possiamo dimostrare di amare Geova con tutto il nostro essere. Continuiamo a farlo! — 1 Corinti 2:9.

[Immagine a pagina 20]

Esprimiamo amore a Dio con le azioni