Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

“La scena di questo mondo cambia”

“La scena di questo mondo cambia”

 “La scena di questo mondo cambia”

“Dico questo, fratelli, che il tempo rimasto è ridotto”. — 1 CORINTI 7:29.

1, 2. Quali cambiamenti avete visto nella vostra vita?

QUALI cambiamenti avete visto durante la vostra vita? Sapreste menzionarne alcuni? Ci sono stati, ad esempio, progressi nella scienza medica. Grazie agli studi effettuati in questo campo, in alcuni paesi le probabilità di vita sono passate da meno di 50 anni all’inizio del XX secolo a ben oltre 70 anni oggi! Pensate pure ai modi in cui abbiamo tratto beneficio dall’uso appropriato di radio, televisione, telefoni cellulari e fax. Non vanno sottovalutati neanche i progressi fatti nell’istruzione, nei trasporti e nei diritti umani, col conseguente miglioramento della vita di milioni di persone.

2 Naturalmente non tutti i cambiamenti sono stati positivi. È impossibile ignorare gli effetti devastanti prodotti dall’aumento della criminalità, dal declino dei valori morali, dalla diffusione della droga, dal numero sempre più elevato di divorzi, dalla vertiginosa crescita dell’inflazione e dalla sempre più grave minaccia del terrorismo. In ogni caso, probabilmente sarete d’accordo con ciò che l’apostolo Paolo scrisse molto tempo fa: “La scena di questo mondo cambia”. — 1 Corinti 7:31.

3. Cosa voleva dire Paolo quando scrisse che “la scena di questo mondo cambia”?

3 Nel fare questa dichiarazione, Paolo paragonò il mondo a un palcoscenico. Gli attori — personaggi politici, religiosi e del mondo della cultura — fanno la loro comparsa, recitano i rispettivi ruoli e poi escono di scena lasciando il posto ad altri. La cosa si ripete da millenni. Nel passato una dinastia poteva regnare per decenni, anche per secoli, e i cambiamenti  erano lenti. Oggi il corso della storia può cambiare nel tempo che il proiettile di un assassino impiega a colpire il bersaglio! Sì, in questi tempi turbolenti non sappiamo cosa porterà il domani.

4. (a) Quale punto di vista equilibrato devono avere i cristiani riguardo agli eventi mondiali? (b) Quali due convincenti tipi di prove esamineremo ora?

4 Se il mondo è un palcoscenico e i suoi leader sono gli attori, allora i cristiani sono gli spettatori. * Tuttavia, poiché ‘non fanno parte del mondo’, non si interessano più del necessario della rappresentazione e nemmeno dei singoli attori. (Giovanni 17:16) Piuttosto, cercano ansiosamente di riconoscere i segnali che lo spettacolo volge al termine, avvicinandosi a un finale catastrofico, perché sanno che questo sistema deve finire prima che Geova possa introdurre il nuovo mondo di giustizia lungamente atteso. * Esaminiamo perciò due tipi di prove che viviamo nel tempo della fine e che il nuovo mondo è alle porte: (1) la cronologia biblica e (2) il deteriorarsi delle condizioni del mondo. — Matteo 24:21; 2 Pietro 3:13.

Un mistero finalmente risolto!

5. Cosa sono “i tempi fissati delle nazioni”, e perché ci interessano?

5 La cronologia è lo studio dei rapporti fra il tempo e gli eventi. Gesù parlò di un tempo durante il quale i capi del mondo sarebbero stati al centro della scena senza interferenze da parte del Regno di Dio. Gesù definì quel periodo “i tempi fissati delle nazioni”. (Luca 21:24) Alla fine di quei “tempi fissati”, il celeste Regno di Dio avrebbe preso il potere, con Gesù quale legittimo Governante. Dapprima Gesù avrebbe regnato “in mezzo ai [suoi] nemici”. (Salmo 110:2) Poi, secondo Daniele 2:44, il Regno avrebbe ‘stritolato e posto fine’ a tutti i governi umani, ed esso stesso sarebbe rimasto per sempre.

6. Quando iniziarono “i tempi fissati delle nazioni”, quanto furono lunghi e quando finirono?

6 Quando sarebbero finiti “i tempi fissati delle nazioni” e sarebbe iniziato il dominio del Regno di Dio? La risposta, che rimase ‘sigillata sino al tempo della fine’, è legata alla cronologia biblica. (Daniele 12:9) Mentre quel “tempo” si avvicinava, Geova fece in modo di rivelare la risposta a un gruppo di umili studenti biblici. Con l’aiuto dello spirito di Dio, essi compresero che “i tempi fissati delle nazioni” erano iniziati con la distruzione di Gerusalemme nel 607 a.E.V. e che quei “tempi” erano lunghi 2.520 anni. Ne dedussero quindi che “i tempi fissati delle nazioni” sarebbero finiti nel 1914. Compresero pure che il 1914 avrebbe segnato l’inizio della fine di questo sistema di cose. In qualità di studente biblico, sapresti spiegare con le Scritture come si calcola la data del 1914? *

7. Quali scritture ci aiutano a calcolare l’inizio, la durata e la fine dei sette tempi menzionati nel libro di Daniele?

7 Un indizio si trova nel libro di Daniele. Dato che Geova si servì di Nabucodonosor, re di Babilonia, per distruggere Gerusalemme all’inizio dei “tempi fissati delle nazioni” nel 607 a.E.V., Egli rivelò per mezzo di quel governante che le nazioni avrebbero continuato a governare senza interferenza da parte di Dio per un totale di sette tempi simbolici. (Ezechiele 21:26, 27; Daniele 4:16, 23-25) Quanto sono lunghi questi sette tempi? Secondo Rivelazione, o Apocalisse, 11:2, 3 e 12:6, 14, tre tempi e mezzo sono lunghi 1.260 giorni. Perciò sette tempi devono essere lunghi il doppio, cioè 2.520 giorni. È tutto qui? No, perché Geova diede a un contemporaneo di Daniele, il  profeta Ezechiele, la regola per interpretare il simbolismo: “Un giorno per un anno, un giorno per un anno, ti ho dato”. (Ezechiele 4:6) Perciò i sette tempi sono in realtà lunghi 2.520 anni. Usando il 607 a.E.V. come punto di partenza e contando 2.520 anni, possiamo giungere alla conclusione che i tempi fissati finirono nel 1914.

Conferma che siamo nel “tempo della fine”

8. Quali prove potreste indicare a conferma del peggioramento delle condizioni del mondo dal 1914?

8 Gli avvenimenti mondiali verificatisi dal 1914 in poi confermano che il suindicato intendimento basato sulla cronologia biblica è corretto. Gesù stesso disse che il “termine del sistema di cose” sarebbe stato contrassegnato da guerre, carestie e pestilenze. (Matteo 24:3-8; Rivelazione 6:2-8) È stato sicuramente così dal 1914. L’apostolo Paolo fornì altri particolari dicendo che l’atteggiamento delle persone nei confronti degli altri sarebbe notevolmente cambiato. La sua descrizione dei cambiamenti che abbiamo visto con i nostri occhi è molto precisa. — 2 Timoteo 3:1-5.

9. Cosa dicono alcuni osservatori circa le condizioni del mondo dal 1914?

9 “La scena di questo mondo” è davvero cambiata così tanto dal 1914? In un libro il prof. Robert Wohl osserva: “Coloro che sopravvissero alla guerra non poterono togliersi di mente l’idea che nell’agosto del 1914 un mondo era finito e ne era cominciato un altro”. (The Generation of 1914) A conferma di ciò, il dott. Jorge Alberto Costa e Silva, quale responsabile dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per l’igiene mentale, ebbe a dire: “Viviamo in un’epoca di cambiamenti estremamente rapidi, che finiscono per creare ansietà e stress a livelli mai visti prima nella storia dell’uomo”. È ciò che avete notato anche voi?

10. In che modo la Bibbia fa luce sulla causa del deteriorarsi delle condizioni del mondo dal 1914?

10 Chi è il responsabile del deteriorarsi delle condizioni del mondo? Rivelazione 12:7-9 smaschera il colpevole: “Scoppiò la guerra in cielo: Michele [Gesù Cristo] e i suoi angeli guerreggiarono contro il dragone [Satana il Diavolo], e il dragone e i suoi angeli guerreggiarono, ma esso non prevalse, né fu più trovato posto per loro in cielo. E il gran dragone fu scagliato, . . . [colui] che svia l’intera terra abitata”. Perciò il colpevole dei guai che affliggono la terra è Satana il Diavolo, e la sua espulsione dal cielo nel 1914 ha significato ‘guai per la terra e il mare, perché il Diavolo è sceso a voi, avendo grande ira, sapendo che ha un breve periodo di tempo’. — Rivelazione 12:10, 12.

Come si svolgerà l’ultimo atto

11. (a) Quali metodi usa Satana per sviare “l’intera terra abitata”? (b) Su quale speciale sforzo di Satana l’apostolo Paolo richiamò l’attenzione?

11 Sapendo che la sua fine si avvicina, dal 1914 Satana ha intensificato gli sforzi per sviare “l’intera terra abitata”. Sempre nel ruolo di maestro d’inganni, Satana lavora dietro le  quinte, facendo salire sul palcoscenico come attori principali i leader mondiali e personaggi influenti. (2 Timoteo 3:13; 1 Giovanni 5:19) Uno dei suoi obiettivi è di far credere agli esseri umani che il suo modo di governare possa portare vera pace. Nel complesso la sua propaganda ha avuto successo, perché la gente continua a essere ottimista nonostante sia sempre più evidente che le condizioni vanno di male in peggio. L’apostolo Paolo predisse che, subito prima della distruzione di questo sistema di cose, ci sarebbe stata una notevole espressione della propaganda satanica. Egli scrisse: “Quando diranno: ‘Pace e sicurezza!’ allora un’improvvisa distruzione sarà istantaneamente su di loro come il dolore di afflizione su una donna incinta”. — 1 Tessalonicesi 5:3; Rivelazione 16:13.

12. Quali continui sforzi sono stati fatti per portare la pace nel nostro tempo?

12 Negli ultimi anni gli uomini politici hanno spesso usato l’espressione “pace e sicurezza” in relazione a vari progetti umani. Addirittura il 1986 fu dichiarato Anno Internazionale della Pace, anche se poi non tenne fede a quel nome. Questi sforzi compiuti dai capi del mondo costituiscono l’adempimento completo di 1 Tessalonicesi 5:3, oppure Paolo si riferiva a un evento specifico di proporzioni così drammatiche da imporsi all’attenzione del mondo?

13. Quando predisse il grido di “Pace e sicurezza!”, a cosa paragonò Paolo la distruzione che sarebbe venuta dopo, e cosa possiamo imparare da questo?

13 Dato che spesso le profezie bibliche si comprendono pienamente solo dopo che si sono adempiute o mentre sono in corso di adempimento, dobbiamo aspettare e vedere. È interessante, comunque, che Paolo abbia paragonato l’improvvisa distruzione che deve seguire il grido di “Pace e sicurezza!” alle doglie di una donna incinta. Nell’arco di circa nove mesi, una donna incinta diviene sempre più consapevole del bambino che ha in grembo. Forse può udirne il battito cardiaco o avvertirne i movimenti. Il bambino può anche scalciare. Spesso i segnali si fanno sempre più accentuati finché un bel giorno la madre avverte un dolore acuto, le doglie, a indicare che l’evento sperato, la nascita del bambino, è arrivato. Per cui, a prescindere dalla maniera in cui si adempie, il grido di “Pace e sicurezza!” porterà a un evento improvviso, doloroso, ma in definitiva benedetto: la distruzione della malvagità e l’inizio di un nuovo sistema mondiale.

14. In linea di massima, in quale ordine si verificheranno gli eventi futuri, e con quale risultato?

14 Per i cristiani fedeli che vi assisteranno in veste di spettatori, la veniente distruzione sarà uno spettacolo spaventoso. Prima i re della terra (la parte politica dell’organizzazione di Satana) attaccheranno i sostenitori di Babilonia la Grande (la parte religiosa) e li distruggeranno. (Rivelazione 17:1, 15-18) Così, con uno straordinario colpo di scena, il regno di Satana diverrà diviso contro se stesso, in quanto una sua parte attaccherà l’altra, e Satana non potrà fare nulla per impedirlo. (Matteo 12:25, 26) Sarà Geova a mettere nel cuore dei re della terra l’idea di “eseguire il suo pensiero”, cioè di liberare la terra dai suoi avversari religiosi. Dopo la distruzione della falsa religione, Gesù Cristo, al comando degli eserciti celesti, metterà completamente in rotta ciò che resta dell’organizzazione di Satana: gli elementi politici e commerciali. Infine Satana stesso verrà messo in condizione di non nuocere. A quel punto calerà il sipario, e il dramma millenario avrà fine. — Rivelazione 16:14-16; 19:11-21; 20:1-3.

15, 16. Come dovrebbe influire sulla nostra vita la consapevolezza che “il tempo rimasto è ridotto”?

15 Quando avverranno tutte queste cose? Non conosciamo il giorno o l’ora. (Matteo 24:36) Sappiamo però che “il tempo rimasto è ridotto”. (1 Corinti 7:29) È essenziale quindi che facciamo saggio uso del tempo che rimane. In che modo? Come spiega l’apostolo Paolo, dobbiamo ‘riscattare il tempo opportuno’ per le cose più importanti, tralasciando quelle  non essenziali e spendendo bene ciascun giorno. Il motivo? “Perché i giorni sono malvagi”. ‘Comprendendo qual è la volontà di Geova’ per noi, non sprecheremo il poco tempo rimasto. — Efesini 5:15-17; 1 Pietro 4:1-4.

16 Che effetto dovrebbe avere su ognuno di noi la consapevolezza che l’intero sistema di cose mondiale è diretto verso la distruzione? L’apostolo Pietro scrisse per nostro beneficio: “Giacché tutte queste cose devono quindi essere dissolte, quale sorta di persone dovete essere voi in santi atti di condotta e opere di santa devozione”! (2 Pietro 3:11) Sì, questa è la sorta di persone che dobbiamo essere! In armonia con il saggio consiglio di Pietro, dobbiamo (1) fare molta attenzione alla nostra condotta, assicurandoci che sia santa, e (2) accertarci che le nostre opere zelanti nel servizio di Geova rispecchino sempre profondo amore per lui.

17. Da quali lacci di Satana devono continuare a guardarsi i cristiani fedeli?

17 L’amore che proviamo per Dio ci impedirà di cedere agli allettamenti di questo mondo provando attaccamento per esso. Tenendo conto di ciò che è in serbo per l’attuale sistema di cose, è pericoloso essere affascinati dal luccichio del modo di vivere edonistico, mondano. Pur vivendo e lavorando nel mondo, dovremmo prendere a cuore il saggio consiglio di non usarlo appieno. (1 Corinti 7:31) Anzi, dobbiamo fare tutto il possibile per non essere sviati dalla propaganda mondana. Questo mondo non riuscirà a trovare soluzioni efficaci per i suoi problemi. Non resterà in piedi indefinitamente. Perché possiamo esserne così sicuri? Perché l’ispirata Parola di Dio dice: “Il mondo passa e pure il suo desiderio, ma chi fa la volontà di Dio rimane per sempre”. — 1 Giovanni 2:17.

Il meglio deve ancora venire!

18, 19. Quali cambiamenti attendete di vedere nel nuovo mondo, e perché sarà valsa la pena aspettare?

18 Presto Geova abbasserà il sipario su Satana e i suoi sostenitori. Dopo ciò, con la benedizione di Dio, i fedeli superstiti della fine di questo sistema si metteranno all’opera per apportare sulla scena cambiamenti che dureranno per sempre. La scena mondiale non sarà più rovinata dalla guerra: Dio farà “cessare le guerre fino all’estremità della terra”. (Salmo 46:9) Invece di penuria di viveri, “ci sarà abbondanza di grano sulla terra”; anzi, “ci sarà sovrabbondanza”. (Salmo 72:16) Carceri, posti di polizia, malattie trasmesse per via sessuale, narcotrafficanti, divorzi, bancarotta e terrorismo saranno cose del passato. — Salmo 37:29; Isaia 33:24; Rivelazione 21:3-5.

19 Le tombe commemorative si svuoteranno e sulla scena compariranno altri attori, sì, miliardi di risuscitati. Che gioia si proverà man mano che una generazione si riunirà all’altra e dopo una lunga separazione si potranno riabbracciare i propri cari! Alla fine tutti i viventi adoreranno Geova. (Rivelazione 5:13) Quando i cambiamenti saranno completati, il sipario si alzerà su un paradiso esteso a tutta la terra. Come vi sentirete mentre osserverete la scena? Senza dubbio sarete spinti ad esclamare: ‘Ho atteso a lungo questo momento, ma ne è valsa sicuramente la pena!’

[Note in calce]

^ par. 4 In un contesto diverso, Paolo disse che i cristiani unti sono “uno spettacolo teatrale per il mondo, sia per gli angeli che per gli uomini”. — 1 Corinti 4:9.

^ par. 4 Vedi ad esempio il libro Prestate attenzione alle profezie di Daniele!, p. 281, riguardo all’identità del “re del nord” menzionato in Daniele 11:40, 44, 45.

^ par. 6 La Bibbia stessa indica che Gerusalemme cadde 70 anni prima del ritorno degli ebrei dall’esilio nel 537 a.E.V. (Geremia 25:11, 12; Daniele 9:1-3) Per una trattazione particolareggiata dei “tempi fissati delle nazioni”, vedi Ragioniamo facendo uso delle Scritture, edito dai testimoni di Geova, pp. 94-6.

Come rispondereste?

• Perché possiamo dire che nel nostro tempo le parole dell’apostolo Paolo “la scena di questo mondo cambia” si sono dimostrate veraci?

• In che modo la cronologia biblica addita la fine dei “tempi fissati delle nazioni”?

• In che senso i cambiamenti nelle condizioni mondiali confermano che il 1914 ha segnato l’inizio del “tempo della fine”?

• Che effetto dovrebbe avere su di noi il fatto che “il tempo rimasto è ridotto”?

[Domande per lo studio]

[Immagine a pagina 20]

Finalmente il mistero è risolto!