Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Geova, Dio di verità

Geova, Dio di verità

 Geova, Dio di verità

“Mi hai redento, o Geova, Dio di verità”. — SALMO 31:5.

1. Quali erano le condizioni in cielo e sulla terra quando non esisteva la falsità?

UN TEMPO la falsità non esisteva. I cieli invisibili erano abitati da creature spirituali perfette, che servivano il loro Creatore, il “Dio di verità”. (Salmo 31:5) Non esistevano né falsità né inganno. Geova comunicava la verità ai suoi figli spirituali, perché li amava e perché si interessava profondamente del loro bene. Sulla terra la situazione era la stessa. Geova creò il primo uomo e la prima donna, e attraverso il canale da lui costituito comunicava sempre con loro in modo chiaro, semplice e verace. Dev’essere stato meraviglioso!

2. Chi diede origine alla falsità, e perché?

2 Infine un figlio spirituale di Dio si accinse spudoratamente a diventare un dio rivale, in opposizione a Geova. Questa creatura spirituale, che venne chiamata Satana il Diavolo, voleva essere adorata. A tal fine diede origine alla falsità come mezzo per portare altri sotto il suo controllo. Così facendo divenne “un bugiardo e il padre della menzogna”. — Giovanni 8:44.

3. Come reagirono Adamo ed Eva alle menzogne di Satana, e con quali risultati?

3 Servendosi di un serpente, Satana disse alla prima donna, Eva, che se avesse ignorato il comando di Dio e avesse mangiato il frutto proibito non sarebbe morta. Quella era una menzogna. Le disse inoltre che mangiando sarebbe diventata simile a Dio, conoscendo il bene e il male. Anche quella era una menzogna. Benché prima di allora nessuno le avesse mai mentito, Eva doveva capire che quanto udiva dal serpente non era conforme a ciò che Dio aveva detto a suo marito, Adamo. Tuttavia preferì credere a Satana piuttosto che a Geova. Completamente ingannata, prese il frutto e lo mangiò. In seguito anche Adamo ne mangiò. (Genesi 3:1-6) Come nel caso di Eva, prima di allora nessuno aveva mai mentito ad Adamo, tuttavia lui non fu ingannato. (1 Timoteo 2:14) Dimostrò con le azioni di rigettare il suo Fattore. Le conseguenze per l’umanità furono disastrose. A causa della disubbidienza di Adamo, il peccato e la morte, insieme alla corruzione e a indicibili sofferenze, si estesero a tutta la sua progenie. — Romani 5:12.

4. (a) Cosa furono le menzogne dette in Eden? (b) Cosa dobbiamo fare per non essere sviati da Satana?

4 Anche la falsità si diffuse. Bisogna ammettere che le menzogne dette nel giardino di Eden furono un attacco alla veracità di Geova stesso. Satana asserì che Dio privava ingannevolmente la prima coppia umana di qualcosa di buono. Questo, naturalmente, non era vero. Adamo ed Eva non ci guadagnarono con la disubbidienza. Morirono, proprio come aveva detto Geova. Nondimeno Satana continuò a calunniare Geova, al punto che secoli dopo l’apostolo Giovanni fu ispirato a scrivere che Satana “svia l’intera terra abitata”. (Rivelazione [Apocalisse] 12:9) Per non essere sviati da Satana il Diavolo dobbiamo avere l’assoluta certezza che Geova e la sua Parola sono veraci. Come potete coltivare e rafforzare la fiducia in Geova e fortificarvi contro l’inganno e le menzogne promosse dal suo Avversario?

Geova conosce la verità

5, 6. (a) Quale conoscenza ha Geova? (b) Com’è la conoscenza dell’uomo in paragone a quella di Geova?

5 La Bibbia sottolinea più volte che Geova  è colui che “creò tutte le cose”. (Efesini 3:9) Egli è “Colui che ha fatto il cielo e la terra e il mare e tutte le cose che sono in essi”. (Atti 4:24) Essendo il Creatore, conosce la verità su tutto. Facciamo un esempio: Prendiamo un uomo che progetta la sua casa e poi la costruisce da cima a fondo. Alla fine saprà tutto di quella casa, dentro e fuori, e la conoscerà meglio di chiunque altro la veda. Conosciamo bene le cose che progettiamo e costruiamo. Allo stesso modo il Creatore sa tutto quello che c’è da sapere su ciò che ha creato.

6 Il profeta Isaia descrisse molto bene la vastità della conoscenza di Geova. Leggiamo: “Chi ha misurato le acque nel semplice cavo della mano, e ha preso le proporzioni degli stessi cieli con una semplice spanna e ha contenuto in una misura la polvere della terra, o ha pesato con un misuratore i monti, e i colli nella bilancia? Chi ha preso le proporzioni dello spirito di Geova, e chi come suo uomo di consiglio può fargli conoscere alcuna cosa? Con chi si consultò perché gli si facesse comprendere, o chi gli insegna nel sentiero della giustizia, o gli insegna la conoscenza, o gli fa conoscere la medesima via del vero intendimento?” (Isaia 40:12-14) Geova è veramente “un Dio di conoscenza” ed è “perfetto nella conoscenza”. (1 Samuele 2:3; Giobbe 36:4; 37:16) Quanto poco sappiamo al confronto! Nonostante l’umanità abbia acquistato straordinaria conoscenza, il nostro intendimento del creato non arriva neppure ai ‘margini delle vie di Dio’. È come un “sussurro” in paragone a un “potente tuono”. — Giobbe 26:14.

7. Cosa riconobbe Davide riguardo alla conoscenza che Geova ha, e pertanto cosa dobbiamo ammettere anche noi?

7 Dato che Geova ci ha creati ci conosce bene. Il re Davide riconobbe questo fatto. Scrisse: “O Geova, tu mi hai scrutato, e mi conosci. Tu stesso sai quando mi siedo e quando mi levo. Hai considerato il mio pensiero da lontano. Hai misurato il mio viaggiare e il mio giacere disteso, e ti son divenute familiari anche tutte le mie vie. Poiché  non c’è una parola sulla mia lingua, ma, ecco, o Geova, tu già la conosci tutta”. (Salmo 139:1-4) Davide, naturalmente, si rendeva conto che gli uomini sono dotati del libero arbitrio: Dio ci ha dato la facoltà di ubbidire o di disubbidire. (Deuteronomio 30:19, 20; Giosuè 24:15) Nondimeno Dio ci conosce molto meglio di noi stessi. Vuole il meglio per noi ed è in grado di dirigere i nostri passi. (Geremia 10:23) In realtà non c’è insegnante, esperto o consigliere più preparato di lui per insegnarci la verità e renderci saggi e felici.

Geova è verace

8. Come sappiamo che Geova è verace?

8 Una cosa è conoscere la verità, un’altra è dire sempre la verità, essere onesti. Il Diavolo, per esempio, scelse di ‘non attenersi alla verità’. (Giovanni 8:44) Geova invece è “abbondante in . . . verità”. (Esodo 34:6) Le Scritture evidenziano ripetutamente la veracità di Geova. L’apostolo Paolo dichiarò che “è impossibile che Dio menta” e che Dio “non può mentire”. (Ebrei 6:18; Tito 1:2) La veracità è un aspetto importante della personalità di Dio. Possiamo confidare in Geova perché è verace; non inganna mai i suoi leali.

9. In che modo il nome di Geova ha relazione con la verità?

9 Il nome stesso di Geova indica che egli è verace. Il nome divino significa “Egli fa divenire”. In tal modo Geova si identifica come colui che progressivamente adempie tutto ciò che promette. Nessun altro è in grado di farlo. Poiché Geova è il Supremo, nulla può impedire che i suoi propositi si realizzino. Non solo è verace, ma è anche l’unico che ha la potenza e la sapienza per far avverare tutto quello che dice.

10. (a) In che modo Giosuè fu testimone della veracità di Geova? (b) Quali promesse di Geova avete visto adempiersi?

10 Giosuè è uno dei tanti che furono testimoni di avvenimenti straordinari che confermano la veracità di Geova. Era in Egitto quando Geova mandò le dieci piaghe su quella nazione, dopo averle predette una per una. Vide fra l’altro l’adempimento delle promesse di Geova di liberare gli israeliti dall’Egitto e di condurli nella Terra Promessa, assoggettando i potenti eserciti cananei che si opponevano loro. Verso la fine della sua vita disse agli anziani della nazione d’Israele: “Voi sapete bene con tutto il vostro cuore e con tutta la vostra anima che nemmeno una parola di tutte le buone parole che Geova vostro Dio vi ha proferito è venuta meno. Vi si sono avverate tutte. Nessuna parola d’esse è venuta meno”. (Giosuè 23:14) Benché non siate stati testimoni dei miracoli che Giosuè vide, avete riscontrato nel corso della vostra vita che le promesse di Dio sono veraci?

Geova rivela la verità

11. Cosa mostra che Geova vuole comunicare la verità al genere umano?

11 Immaginate un genitore che ha una vasta conoscenza ma che parla di rado ai suoi figli. Non siete grati che Geova non sia così? Egli comunica amorevolmente con il genere umano, e lo fa liberalmente. Le Scritture lo chiamano il “grande Insegnante”. (Isaia 30:20) Nella sua amorevole benignità si interessa anche di quelli che non sono inclini ad ascoltarlo. Ezechiele, per esempio, fu mandato a predicare a persone che Geova sapeva non sarebbero state favorevoli. Geova disse: “Figlio dell’uomo, va, entra in mezzo alla casa d’Israele, e devi parlare loro con le mie parole”. Quindi lo avvertì dicendo: “Non ti vorranno ascoltare, poiché non vogliono ascoltare me; perché tutti quelli della casa d’Israele sono di testa dura e di cuore duro”. Era un compito difficile, ma Ezechiele lo adempì fedelmente e così facendo imitò la compassione di  Geova. Se predicate in un territorio difficile ma fate assegnamento su Dio, potete aver fiducia che vi rafforzerà proprio come rafforzò il profeta Ezechiele. — Ezechiele 3:4, 7-9.

12, 13. In quali modi Dio ha comunicato con gli esseri umani?

12 Geova desidera che “ogni sorta di uomini siano salvati e vengano all’accurata conoscenza della verità”. (1 Timoteo 2:4) Ha parlato per mezzo di profeti, di angeli e anche del suo diletto Figlio, Gesù Cristo. (Ebrei 1:1, 2; 2:2) Gesù disse a Pilato: “Per questo sono nato e per questo son venuto nel mondo, per rendere testimonianza alla verità. Chiunque è dalla parte della verità ascolta la mia voce”. Pilato ebbe la straordinaria opportunità di apprendere direttamente dal Figlio di Dio la verità in merito al provvedimento di Geova per la salvezza. Tuttavia non era dalla parte della verità e non voleva imparare da Gesù. Anzi, replicò con scetticismo: “Che cos’è la verità?” (Giovanni 18:37, 38) Cosa perse! Molti comunque ascoltarono la verità proclamata da Gesù. Ai discepoli disse: “Felici i vostri occhi perché vedono, e i vostri orecchi perché odono”. — Matteo 13:16.

13 Geova ha preservato la verità per mezzo della Bibbia e ha fatto in modo che fosse alla portata di tutti. La Bibbia dice le cose come stanno. Descrive gli attributi di Dio, i suoi propositi e i suoi comandi, oltre al vero stato di cose dell’umanità. Rivolgendosi in preghiera a Geova, Gesù disse: “La tua parola è verità”. (Giovanni 17:17) Per questo la Bibbia è un libro senza uguali. Essa soltanto fu scritta sotto l’ispirazione dell’Iddio che conosce ogni cosa. (2 Timoteo 3:16) È un prezioso dono per l’umanità, un dono di cui i servitori di Dio fanno tesoro. È saggio leggerla ogni giorno.

Attenetevi alla verità

14. Quali sono alcune cose che Geova dice che farà, e perché dovremmo credergli?

14 Dovremmo prendere seriamente quello che Geova ci dice nella sua Parola. Egli è quello che dice di essere e farà quello che dice che farà. Abbiamo ogni ragione per confidare in lui. Possiamo credergli quando dice che “recherà vendetta su quelli che non conoscono Dio e su quelli che non ubbidiscono alla buona notizia intorno al nostro Signore Gesù”. (2 Tessalonicesi 1:8) Possiamo prestargli fede anche quando dice che ama quelli che perseguono la giustizia, che concederà la vita eterna a quelli che esercitano fede e che eliminerà il dolore, il pianto e perfino la morte. Geova mise in risalto che quest’ultima promessa era sicura dando questo comando all’apostolo Giovanni:  “Scrivi, perché queste parole sono fedeli e veraci”. — Rivelazione 21:4, 5; Proverbi 15:9; Giovanni 3:36.

15. Quali sono alcune menzogne che Satana promuove?

15 Satana è l’esatto contrario di Geova. Anziché illuminare gli uomini, li inganna. Per conseguire l’obiettivo di allontanare le persone dalla pura adorazione, promuove svariate menzogne. Per esempio vorrebbe farci credere che Dio sia lontano da noi e che sia insensibile alle sofferenze che ci sono sulla terra. La Bibbia invece ci mostra che Geova Dio si interessa profondamente delle sue creature e si dispiace della cattiveria e della sofferenza. (Atti 17:24-30) Satana vuol anche fare credere alla gente che le attività spirituali siano una perdita di tempo. Al contrario le Scritture ci assicurano che “Dio non è ingiusto da dimenticare la vostra opera e l’amore che avete mostrato per il suo nome”. Inoltre dicono chiaramente che egli “è il rimuneratore di quelli che premurosamente lo cercano”. — Ebrei 6:10; 11:6.

16. Perché i cristiani devono mantenersi vigilanti e attenersi alla verità?

16 Riguardo a Satana l’apostolo Paolo scrisse: “L’iddio di questo sistema di cose ha accecato le menti degli increduli, affinché la luce della gloriosa buona notizia intorno al Cristo, che è l’immagine di Dio, non risplenda loro”. (2 Corinti 4:4) Come Eva, alcuni sono completamente ingannati da Satana il Diavolo. Altri fanno come Adamo, che non fu ingannato ma scelse deliberatamente di disubbidire. (Giuda 5, 11) Pertanto è essenziale che i cristiani si mantengano vigilanti e si attengano alla verità.

Geova richiede “fede senza ipocrisia”

17. Cosa dobbiamo fare per avere il favore di Geova?

17 Poiché è verace in tutte le sue vie, Geova si aspetta che anche i suoi adoratori siano veraci. Il salmista scrisse: “O Geova, chi sarà ospite nella tua tenda? Chi risiederà sul tuo monte santo? Colui che cammina senza difetto e pratica la giustizia e proferisce la verità nel suo cuore”. (Salmo 15:1, 2) Nel menzionare il monte santo di Geova, gli ebrei che cantavano queste parole ricordavano senz’altro il monte Sion, dove il re Davide trasferì l’arca del patto facendola mettere nella tenda che vi aveva eretto. (2 Samuele 6:12, 17) Il monte e la tenda facevano pensare al luogo dove Geova dimorava simbolicamente. Lì il popolo poteva accostarglisi per implorare il suo favore.

18. (a) Cosa è necessario per essere amici di Dio? (b) Cosa esamineremo nel prossimo articolo?

18 Chi vuole l’amicizia di Geova deve proferire la verità “nel suo cuore”, non  semplicemente con le labbra. I veri amici di Dio devono avere un cuore sincero e dimostrare di avere “fede senza ipocrisia”, poiché gli atti veraci vengono dal cuore. (1 Timoteo 1:5; Matteo 12:34, 35) Chi è amico di Dio non è tortuoso o ingannevole, poiché “Geova detesta l’uomo . . . d’inganno”. (Salmo 5:6) In ogni parte della terra i testimoni di Geova si sforzano in tutti i modi di essere veraci e imitare così il loro Dio. Nel prossimo articolo prenderemo in esame questo soggetto.

Come rispondereste?

• Perché Geova conosce la verità su tutto?

• Cosa dimostra che Geova è verace?

• In che modo Geova ha rivelato la verità?

• Riguardo alla verità, cosa si richiede da noi?

[Domande per lo studio]

[Immagini a pagina 10]

Il Dio di verità sa tutto di ciò che ha creato

[Immagini alle pagine 12 e 13]

Le promesse di Geova si avvereranno