Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

“Opponetevi al Diavolo”

“Opponetevi al Diavolo”

 “Opponetevi al Diavolo”

“Opponetevi al Diavolo, ed egli fuggirà da voi”. — GIACOMO 4:7.

1. Cosa si può dire del mondo attuale, e perché gli unti e i loro compagni devono vigilare?

“DIO è scomparso, il Diavolo no”. Queste parole dello scrittore francese André Malraux potrebbero benissimo applicarsi al mondo in cui viviamo, poiché le opere dell’uomo sembrano rispecchiare le astuzie del Diavolo più che la volontà di Dio. Satana svia gli uomini “con ogni opera potente, e segni e portenti di menzogna, e con ogni ingiusto inganno per quelli che periscono”. (2 Tessalonicesi 2:9, 10) In questi “ultimi giorni”, però, Satana concentra i suoi sforzi sui dedicati servitori di Dio, facendo guerra ai cristiani unti, “che osservano i comandamenti di Dio e hanno il compito di rendere testimonianza a Gesù”. (2 Timoteo 3:1; Rivelazione [Apocalisse] 12:9, 17) Questi Testimoni e i loro compagni che hanno la speranza terrena devono vigilare.

2. In che modo Satana sedusse Eva, e quale timore espresse l’apostolo Paolo?

2 Satana è un ingannatore in tutti i sensi. Con un sotterfugio, servendosi cioè di un serpente, ingannò Eva facendole pensare che sarebbe stata più felice agendo in modo indipendente da Dio. (Genesi 3:1-6) Circa quattromila anni dopo l’apostolo Paolo espresse il timore che gli unti cristiani di Corinto potessero essere vittime dell’astuzia di Satana e scrisse: “Temo che in qualche modo, come il serpente con la sua astuzia sedusse Eva, le vostre menti siano corrotte e distolte dalla sincerità e dalla castità che son dovute al Cristo”. (2 Corinti 11:3) Satana corrompe la mente delle persone e perverte il loro modo di pensare. Come sedusse Eva così può indurre i cristiani a fare falsi ragionamenti e a supporre che la loro felicità dipenda da qualcosa che Geova e suo Figlio disapprovano.

3. Quale protezione contro il Diavolo provvede Geova?

3 Satana si può paragonare a un uccellatore che mette trappole per catturare vittime ignare. Per evitare le trappole di Satana dobbiamo ‘dimorare nel luogo segreto dell’Altissimo’, un luogo simbolico di protezione che Geova provvede a quelli che dimostrano con le azioni di riconoscere la sua sovranità universale. (Salmo 91:1-3) Per poter “star fermi contro le macchinazioni del Diavolo” abbiamo bisogno di tutta la protezione che Dio dà tramite la sua Parola, il  suo spirito e la sua organizzazione. (Efesini 6:11) La parola greca resa “macchinazioni” si può tradurre anche “astuzie” o “stratagemmi”. Senza dubbio il Diavolo usa molti stratagemmi e molte astuzie per prendere al laccio i servitori di Geova.

Le trappole tese da Satana ai primi cristiani

4. Com’era il mondo in cui vivevano i primi cristiani?

4 I cristiani del I e del II secolo E.V. vissero nel periodo in cui l’impero romano era all’apogeo. La pax romana permise al commercio di fiorire. Grazie alla prosperità la classe dirigente aveva molto tempo libero, e chi governava faceva in modo che le masse avessero tutti i divertimenti che volevano affinché non si ribellassero. In alcuni periodi i giorni di festa erano numerosi quanto quelli lavorativi. I capi usavano i fondi pubblici per dare al popolo panem et circenses (pane e giochi del circo), affinché avesse la pancia piena e la mente rivolta altrove.

5, 6. (a) Perché non era appropriato che i cristiani frequentassero i teatri e gli anfiteatri romani? (b) Quale stratagemma usava Satana, e in che modo i cristiani potevano evitarlo?

5 Questa situazione costituiva un pericolo per i primi cristiani? A giudicare dagli avvertimenti dei primi scrittori postapostolici, come ad esempio Tertulliano, per i veri cristiani la maggior parte delle attività ricreative di quell’epoca era piena di pericoli a livello spirituale e morale. Innanzi tutto la maggior parte delle feste e dei giochi si teneva in onore di dèi pagani. (2 Corinti 6:14-18) Inoltre molte opere classiche rappresentate nei teatri erano estremamente immorali o violente. Con il passar del tempo, le preferenze del pubblico cambiarono e le opere classiche furono sostituite da pantomime oscene. Nel suo libro La vita quotidiana a Roma all’apogeo dell’Impero, lo storico Jérôme Carcopino dice: “Le attrici . . . avevano preso l’abitudine di svestirsi dalla radice dei capelli alla punta dei piedi . . . il sangue finiva per scorrere a rivoli. . . . [Il mimo] toccò il fondo di una perversione cui le masse dell’Urbe si abbandonarono, invece di provarne disgusto, perché da troppo tempo le abiette stragi dell’anfiteatro ne avevano avvilito i sentimenti e traviato gli istinti”. * — Matteo 5:27, 28.

6 Negli anfiteatri i gladiatori combattevano fra loro all’ultimo sangue, o combattevano contro animali feroci, uccidendoli o venendo uccisi. Criminali condannati e, infine, molti cristiani furono gettati alle belve. Anche allora lo stratagemma di Satana consisteva nel ridurre la ripugnanza per l’immoralità e la violenza finché queste cose diventavano normali ed erano ricercate dalla gente. Il solo modo per non cadere nella trappola era stare lontani dai teatri e dagli anfiteatri. — 1 Corinti 15:32, 33.

7, 8. (a) Perché non sarebbe stato saggio per i cristiani assistere alle corse delle bighe? (b) In che modo Satana avrebbe potuto servirsi delle terme per prendere in trappola i cristiani?

 7 Le corse delle bighe che si svolgevano in un’enorme struttura a forma di anfiteatro ovale detta circo erano senz’altro eccitanti, ma inaccettabili per i cristiani perché spesso le folle diventavano violente. Uno scrittore del III secolo riferì che alcuni spettatori venivano alle mani e Carcopino afferma che ‘sotto le arcate del circo tenevano bottega astrologi e prostitute’. * Il circo romano non era certo un luogo adatto per i cristiani. — 1 Corinti 6:9, 10.

8 Che dire delle famose terme romane? Ovviamente non c’era nulla di male nel fare il bagno per mantenersi puliti. Ma molte terme erano stabilimenti enormi costituiti da locali per i massaggi, palestre, stanze per i giochi e punti di ristoro. Anche se in teoria uomini e donne avrebbero dovuto usare le terme in tempi diversi, spesso i bagni misti erano tollerati. Clemente Alessandrino scrisse: “I bagni sono aperti in comune agli uomini e alle donne e qui si svestono per la libidine”. * In tal modo una cosa legittima avrebbe potuto essere usata facilmente da Satana per intrappolare i cristiani. Chi era saggio si asteneva dal frequentare le terme.

9. Quali lacci dovevano evitare i primi cristiani?

9 Il gioco d’azzardo era uno dei passatempi preferiti quando l’impero romano era all’apogeo. Per evitare le scommesse che si facevano alle corse delle bighe bastava che i primi cristiani stessero lontani dal circo. Inoltre nelle sale più interne delle locande e delle taverne si praticavano su piccola scala forme di gioco d’azzardo illecito. I giocatori scommettevano sul numero pari o dispari di sassi o di astragali che l’avversario aveva in mano. Il gioco d’azzardo rendeva la vita più eccitante perché faceva sperare in un guadagno facile. (Efesini 5:5) Inoltre spesso le donne che lavoravano in queste bettole erano prostitute, il che accresceva il pericolo di commettere immoralità sessuale. Questi erano alcuni dei lacci che Satana tendeva ai cristiani che vivevano nelle città dell’impero romano. Le cose sono forse molto diverse oggi?

 I lacci di Satana oggi

10. In che modo la situazione odierna è simile a quella prevalente nell’impero romano?

10 In linea di massima gli stratagemmi di Satana non sono cambiati nel corso dei secoli. Affinché i cristiani che vivevano nella corrotta città di Corinto non fossero “sopraffatti da Satana”, l’apostolo Paolo diede loro vigorosi consigli. ‘Non ignoriamo i disegni di Satana’, disse. (2 Corinti 2:11) Oggi in molti paesi industrializzati la situazione è simile a quella prevalente nell’impero romano nel periodo di massimo splendore. Molti hanno più tempo libero. Le lotterie gestite dallo Stato danno un barlume di speranza anche ai poveri. Ci sono molti divertimenti a buon mercato per tenerci occupati. Gli stadi sono pieni, la gente gioca d’azzardo, la folla a volte diventa violenta e spesso anche i giocatori. Musica degradante riempie gli orecchi e spettacoli osceni vengono rappresentati a teatro, al cinema e in televisione. In alcuni paesi sono comuni saune e terme miste, per non parlare poi delle spiagge per nudisti. Come nei primi secoli del cristianesimo, Satana cerca di allettare i servitori di Dio per mezzo di attività ricreative mondane.

11. Il desiderio di rilassarsi quali lacci può nascondere?

11 In un mondo dove lo stress è comune, è normale sentire il bisogno di rilassarsi o di allontanarsi da tutto. Tuttavia, come nelle terme romane c’erano cose potenzialmente pericolose per i primi cristiani, così oggi in alcuni luoghi di villeggiatura ci sono cose che si sono rivelate una trappola di cui Satana si è servito per indurre i cristiani a commettere immoralità o a bere troppo. Ai cristiani di Corinto Paolo scrisse: “Non siate sviati. Le cattive compagnie corrompono le utili abitudini. Destatevi alla sobrietà in modo giusto e non praticate il peccato, poiché alcuni sono senza conoscenza di Dio”. — 1 Corinti 15:33, 34.

12. Quali sono alcuni stratagemmi usati da Satana per prendere al laccio gli odierni servitori di Geova?

12 Abbiamo visto che nel caso di Eva, Satana usò l’astuzia per corrompere il suo modo di pensare. (2 Corinti 11:3) Uno dei lacci che usa oggi è quello di indurre i cristiani a pensare che, se si spingono fino al limite per cercare di dimostrare che i testimoni di Geova sono come gli altri, riusciranno ad attirare alcuni alla verità cristiana. A volte vanno oltre e succede il contrario. (Aggeo 2:12-14) Un altro stratagemma di Satana è quello di incitare i cristiani dedicati, giovani e adulti, a vivere una doppia vita e a ‘contristare lo spirito santo di Dio’. (Efesini 4:30) Alcuni sono caduti in questa trappola facendo un uso errato di Internet.

13. Quale laccio costituisce una delle astuzie del Diavolo, e quale consiglio di Proverbi è appropriato a questo riguardo?

13 Un altro laccio di Satana è quello di camuffare l’occultismo. Nessun vero cristiano si interesserebbe deliberatamente di satanismo o di spiritismo. Eppure alcuni abbassano inconsapevolmente la guardia quando si tratta di film, programmi televisivi, videogiochi e perfino libri e fumetti per bambini che esaltano la violenza o le pratiche magiche. Qualsiasi cosa sappia di occulto va tenuta lontana. Il saggio proverbio dichiara: “Spine e trappole sono nella via del perverso; chi custodisce la sua anima se ne sta lontano”. (Proverbi 22:5) Dato che Satana è “l’iddio di questo sistema di cose”, qualunque cosa sia molto in voga può nascondere una delle sue trappole. — 2 Corinti 4:4; 1 Giovanni 2:15, 16.

Gesù si oppose al Diavolo

14. In che modo Gesù resisté alla prima tentazione del Diavolo?

14 Gesù diede un ottimo esempio opponendosi al Diavolo e facendolo fuggire. Dopo che si era battezzato e che aveva digiunato per 40 giorni, Satana lo tentò. (Matteo 4:1-11) Con la prima tentazione cercò di sfruttare il fatto che Gesù, dopo aver digiunato, aveva ovviamente fame. Satana lo invitò a compiere il primo miracolo per soddisfare un bisogno fisico. Citando Deuteronomio 8:3 Gesù si rifiutò di  fare un uso egoistico dei suoi poteri e mise il cibo spirituale prima di quello fisico.

15. (a) Quale desiderio naturale sfruttò Satana per tentare Gesù? (b) Qual è una delle principali astuzie che il Diavolo usa oggi contro i servitori di Dio, ma come possiamo opporci a lui?

15 Riguardo a questa tentazione è interessante notare che il Diavolo non cercò di far commettere a Gesù un peccato di natura sessuale. In questo caso la fame, che fa naturalmente sorgere la voglia di cibo, gli sembrò il desiderio fisico più forte da usare per tentare Gesù. Quali tentazioni usa oggi il Diavolo per adescare i servitori di Dio? Benché siano molteplici e svariate, le tentazioni di natura sessuale sono una delle principali astuzie di cui si serve per infrangere l’integrità dei servitori di Geova. Imitando Gesù, possiamo opporci al Diavolo e resistere alle tentazioni. Come lui rese vani gli sforzi di Satana ricordando scritture appropriate, così noi quando siamo tentati possiamo ricordare versetti come Genesi 39:9 e 1 Corinti 6:18.

16. (a) In che modo Satana tentò Gesù la seconda volta? (b) In quali modi Satana potrebbe cercare di farci mettere alla prova Geova?

16 Il Diavolo sfidò poi Gesù a gettarsi dal parapetto del tempio e a mettere alla prova la capacità di Dio di proteggerlo per mezzo dei Suoi angeli. Citando Deuteronomio 6:16 Gesù si rifiutò di mettere alla prova il Padre suo. Forse Satana non ci tenterà invitandoci a buttarci giù dal parapetto di un tempio, ma può cercare di farci mettere alla prova Geova. Siamo tentati di vedere fino a che punto possiamo imitare le mode del mondo in quanto al vestire e all’aspetto personale senza che qualcuno ci dia consigli? Siamo tentati nel campo dei divertimenti discutibili? In tal caso potremmo mettere Geova alla prova. Se abbiamo inclinazioni del genere, invece di fuggire da noi forse Satana indugerà presso di noi, cercando senza sosta di allettarci affinché ci schieriamo dalla sua parte.

17. (a) In che modo il Diavolo tentò Gesù la terza volta? (b) In che modo le parole di Giacomo 4:7 possono dimostrarsi veraci nel nostro caso?

17 Quando Satana gli offrì tutti i regni del mondo in cambio di un solo atto di adorazione, Gesù gli si oppose di nuovo citando le Scritture, prendendo fermamente posizione a favore dell’esclusiva adorazione del Padre suo. (Deuteronomio 5:9; 6:13; 10:20) Forse Satana non ci offre i regni del mondo, ma ci tenta continuamente con lo sfavillio delle cose materiali, anche con la prospettiva di un piccolo regno personale. Reagiamo come Gesù, rendendo esclusiva devozione a Geova? In tal caso ciò che accadde a Gesù accadrà anche a noi. Il Vangelo di Matteo dice: “Quindi il Diavolo lo lasciò”. (Matteo 4:11) Satana ci lascerà se prenderemo fermamente posizione contro di lui ricordando princìpi biblici appropriati e mettendoli in pratica. Il discepolo Giacomo scrisse: “Opponetevi al Diavolo, ed egli fuggirà da voi”. (Giacomo 4:7) Un cristiano ha scritto alla filiale dei testimoni di Geova della Francia: “Satana è senz’altro astuto. Malgrado le mie migliori intenzioni mi è molto difficile padroneggiare i miei sentimenti e i miei desideri. Nondimeno con coraggio, pazienza e soprattutto con l’aiuto di Geova, sono riuscito a farcela e ad attenermi alla verità cristiana”.

Del tutto preparati per opporci al Diavolo

18. Quale armatura spirituale ci prepara a opporci al Diavolo?

18 Geova ci ha fornito un’armatura spirituale  completa affinché possiamo “star fermi contro le macchinazioni del Diavolo”. (Efesini 6:11-18) L’amore per la verità cingerà i nostri lombi, o ci preparerà, per l’attività cristiana. La determinazione di attenerci alle giuste norme di Geova sarà come una corazza che proteggerà il nostro cuore. Se avremo i piedi calzati con la buona notizia, saremo spinti a partecipare regolarmente all’opera di predicazione e questo ci rafforzerà e ci proteggerà spiritualmente. La nostra forte fede sarà come un grande scudo che ci proteggerà dai “dardi infuocati del malvagio”, gli attacchi e le tentazioni che usa con astuzia. La nostra fiduciosa speranza nell’adempimento delle promesse di Geova sarà come un elmo che proteggerà la nostra capacità di pensare e ci darà pace mentale. (Filippesi 4:7) Se diverremo esperti nell’uso della Parola di Dio essa sarà come una spada che potremo usare per aiutare le persone a liberarsi dalla schiavitù spirituale di Satana. Potremo maneggiarla anche per difenderci, come fece Gesù quando fu tentato.

19. Cosa è necessario fare, oltre a ‘opporci al Diavolo’?

19 Possiamo aver fiducia che, indossando la “completa armatura di Dio” e pregando di continuo, Geova ci proteggerà quando saremo attaccati da Satana. (Giovanni 17:15; 1 Corinti 10:13) Ma Giacomo mostrò che non basta ‘opporsi al Diavolo’. Dobbiamo anche, e soprattutto, ‘sottoporci a Dio’, che ha cura di noi. (Giacomo 4:7, 8) Nel prossimo articolo considereremo come possiamo farlo.

[Note in calce]

^ par. 5 Trad. di E. Omodeo Zona, Laterza, Bari, 1993, pp. 263-4.

^ par. 7 Ibid., p. 244.

^ par. 8 Il pedagogo, III, 5, 32, a cura di M. G. Bianco, UTET, Torino, 1971.

Come rispondereste?

• Quali lacci di Satana dovevano evitare i primi cristiani?

• Quali astuzie usa oggi Satana per cercare di prendere al laccio i servitori di Geova?

• In che modo Gesù si oppose alle tentazioni del Diavolo?

• Quale armatura spirituale ci permette di opporci al Diavolo?

[Domande per lo studio]

[Immagine alle pagine 8 e 9]

Gesù si oppose fermamente al Diavolo

[Immagini a pagina 10]

I cristiani del I secolo rifiutarono i divertimenti violenti e immorali

[Fonte]

The Complete Encyclopedia of Illustration/J. G. Heck