Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Domande dai lettori

Domande dai lettori

 Domande dai lettori

È corretto dire che la misericordia di Geova tempera la sua giustizia?

Benché questa espressione sia stata usata, è meglio evitarla per non dare l’impressione che la misericordia di Geova mitighi o moderi la sua giustizia, come se la sua misericordia prevalesse sulla più severa qualità della giustizia. Ciò non è corretto.

Il termine ebraico tradotto “giustizia” nella Traduzione del Nuovo Mondo può anche significare “giudizio”. È vero che la giustizia di Geova può comportare l’infliggere la meritata punizione, ma può anche includere la salvezza dei meritevoli. (Genesi 18:20-32; Isaia 56:1; Malachia 4:2) Perciò non si dovrebbe pensare che la giustizia di Geova sia severa o abbia bisogno di essere mitigata.

La parola ebraica per “misericordia” può riferirsi all’usare moderazione nell’eseguire un giudizio. Ma può anche riferirsi a un’attiva espressione di compassione, che dà sollievo ai bisognosi. — Deuteronomio 10:18; Luca 10:29-37.

Geova è un Dio sia di giustizia che di misericordia. (Esodo 34:6, 7; Deuteronomio 32:4; Salmo 145:9) La sua giustizia e la sua misericordia sono entrambe perfette e cooperano armoniosamente. (Salmo 116:5; Osea 2:19) Sono due qualità complementari e in perfetto equilibrio fra loro. Perciò se dicessimo che la misericordia di Geova tempera la sua giustizia, dovremmo anche dire che la sua giustizia tempera la sua misericordia.

Isaia profetizzò: “Geova si terrà in aspettazione per mostrarvi favore, e perciò sorgerà per mostrarvi misericordia. Poiché Geova è un Dio di giudizio [“giustizia”, Versione Riveduta]”. (Isaia 30:18) Qui Isaia indica che la giustizia di Geova produce atti di misericordia, non che la sua misericordia mitighi o moderi la sua giustizia. Geova mostra misericordia perché è giusto e anche perché è amorevole.

È vero che lo scrittore biblico Giacomo scrisse che “la misericordia esulta trionfalmente sul giudizio”. (Giacomo 2:13b) Nel contesto però Giacomo non parla di Geova, ma dei cristiani che mostrano misericordia, ad esempio nei confronti degli afflitti e dei poveri. (Giacomo 1:27; 2:1-9) Quando queste persone misericordiose vengono portate in giudizio, Geova tiene conto del loro comportamento e le perdona misericordiosamente in base al sacrificio di suo Figlio. Così la loro condotta misericordiosa trionfa sull’eventuale giudizio avverso che avrebbero potuto ricevere. — Proverbi 14:21; Matteo 5:7; 6:12; 7:2.

Perciò non è esatto dire che il giudizio di Geova sia mitigato dalla sua misericordia nel senso che la sua giustizia abbia bisogno di essere temperata dalla misericordia. In Geova le due qualità sono in perfetto equilibrio. Si bilanciano fra loro, come bilanciano e sono bilanciate dalle altre sue qualità, come l’amore e la sapienza.