Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Raggiungere quelli che non è facile contattare

Raggiungere quelli che non è facile contattare

 Dai proclamatori del Regno

Raggiungere quelli che non è facile contattare

I TESTIMONI DI GEOVA fanno del loro meglio per portare a tutti il messaggio del Regno. A volte ci vogliono sforzi straordinari per raggiungere quelli che di rado sono in casa. (Marco 13:10) A questo riguardo un pioniere speciale che presta servizio in un paese sudamericano narra la seguente esperienza.

“Un giorno appresi che il governatore dello stato avrebbe visitato il territorio in cui io e mia moglie siamo assegnati. Dato che il governatore era indubbiamente uno di quelli che di rado sono in casa, gli scrissi una lettera e allegai varie pubblicazioni bibliche, fra cui l’opuscolo Cosa richiede Dio da noi? e i libri L’uomo alla ricerca di Dio e La conoscenza che conduce alla vita eterna. Nella lettera spiegai lo scopo di ciascuna di queste pubblicazioni.

“Curioso di sapere cosa pensasse delle nostre pubblicazioni, chiesi di poter avere un colloquio con lui. Alcune settimane dopo mi venne concesso e gli portai la videocassetta I Testimoni di Geova: organizzati per predicare la buona notizia. Il colloquio durò un paio d’ore. Dopo aver guardato insieme la videocassetta, chiesi al governatore cosa ne pensasse. Rispose: ‘Sulla terra non c’è un’altra organizzazione come la vostra. Mi piacerebbe avere persone come voi per realizzare i progetti governativi!’ Poi chiese se ero mai stato alla sede mondiale della nostra organizzazione. Risposi che sebbene desiderassi visitare la sede mondiale di Brooklyn, a New York, fin da quando avevo 14 anni, non ne avevo mai avuto l’opportunità. Era un desiderio difficile da realizzare. Il governatore mi fissò per un attimo. Poi disse che voleva darmi questa opportunità. Si interessò di farci avere i documenti necessari e ci regalò i biglietti dell’aereo!

“Ora il governatore riceve regolarmente le riviste La Torre di Guardia e Svegliatevi! Speriamo che presto sia possibile iniziare con lui uno studio biblico”.