Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Ricordate?

Ricordate?

 Ricordate?

Vi sono piaciuti gli ultimi numeri della Torre di Guardia? Vedete allora se sapete rispondere alle seguenti domande:

• Perché le domande suscitate nel capitolo 38 di Giobbe meritano di essere considerate anche oggi?

Molte delle meravigliose opere a cui Dio rivolse l’attenzione non sono perfettamente comprese neppure dagli scienziati moderni. Fra queste ci sono il modo in cui la gravità tiene in orbita la terra, cos’è esattamente la luce, perché c’è un’infinita varietà di fiocchi di neve, come si formano le gocce di pioggia e che parte ha l’energia nei temporali. — 15/4, pagine 4-11.

• Quali esempi biblici possono aiutarci a combattere i sentimenti negativi?

Asaf, Baruc e Naomi ebbero periodi di scoraggiamento o altri sentimenti negativi e ciò che le Scritture dicono sul modo in cui riuscirono a superare tali situazioni può aiutarci. — 15/4, pagine 22-4.

• Quali sono alcuni modi pratici per aiutare le vedove cristiane?

Gli amici possono offrire aiuto in modo gentile e chiaro. I familiari o altri possono forse prestare aiuto finanziario o materiale, quando è veramente necessario. I conservi cristiani possono anche offrire la loro amicizia, provvedendo amorevolmente sostegno e conforto spirituale. — 1/5, pagine 5-7.

• Perché è importante sposarsi “solo nel Signore”, come consiglia 1 Corinti 7:39?

I matrimoni con increduli si sono spesso rivelati disastrosi. Inoltre, seguire questo consiglio divino è una questione di lealtà verso Geova Dio. Quando ci atteniamo alla Parola di Dio il cuore non ci condanna. (1 Giovanni 3:21, 22) — 15/5, pagine 20-1.

• Dato che è Geova colui che può perdonare i nostri peccati, perché i cristiani confessano i peccati gravi agli anziani della congregazione?

È vero che quando commettono peccati gravi i cristiani devono chiedere perdono a Geova. (2 Samuele 12:13) Ma come il profeta Natan aiutò Davide, gli uomini maturi della congregazione possono aiutare i peccatori pentiti. Rivolgersi agli anziani è in armonia con il comando riportato in Giacomo 5:14, 15. — 1/6, pagina 31.

• Quale prova c’è che dobbiamo aver cura degli orfani e delle vedove che sono nel bisogno?

La storia mostra che aver cura degli orfani e delle vedove era un aspetto della vera adorazione sia fra gli antichi ebrei che fra i primi cristiani. (Esodo 22:22, 23; Galati 2:9, 10; Giacomo 1:27) Nelle Scritture l’apostolo Paolo incluse chiare istruzioni su come i cristiani potevano prendersi cura delle vedove bisognose. (1 Timoteo 5:3-16) — 15/6, pagine 9-11.

• Qual è il segreto di una vita felice e significativa?

Dobbiamo coltivare e mantenere una giusta relazione con Geova, il nostro Padre celeste. A tal fine è di grande aiuto lo studio della Bibbia. — 1/7, pagine 4-5.

• Ogni essere umano ha uno spirito immortale che sopravvive alla morte?

Anche se alcuni credono che ci sia uno spirito — non un’anima — immortale, la Bibbia non sostiene questa idea. Infatti mostra che la persona, quando muore, torna alla polvere e smette di esistere. Ma Dio ha la facoltà di riportarla in vita, per cui qualsiasi speranza di vita futura, attraverso la risurrezione, è nelle mani di Dio. (Ecclesiaste 12:7) — 15/7, pagine 3-6.

• Dov’era Daniele quando i tre ebrei furono messi alla prova nella pianura di Dura?

La Bibbia non lo dice. Può darsi che Daniele non fosse tenuto ad andarci a motivo della sua posizione o che fosse altrove per una missione ufficiale. Ma possiamo essere sicuri che fu fedele a Geova e che non fece compromessi. — 1/8, pagina 31.