Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Perché coltivare la virtù?

Perché coltivare la virtù?

 Perché coltivare la virtù?

UN GIAPPONESE di mezza età di nome Kunihito era emigrato da poco negli Stati Uniti. * A qualche settimana dal suo arrivo si trovò in una situazione che avrebbe potuto rovinargli la carriera. Kunihito racconta: “Il mio superiore mi chiese se ero in grado di assumermi una certa responsabilità. Io ero sicuro di poter accettare l’incarico, ma, essendo stato educato a considerare la modestia una virtù, risposi: ‘Non sono sicuro di poterlo fare, ma ce la metterò tutta’. Per il mio superiore, un americano, questo equivaleva a dire che non ero capace e sicuro di me. Quando lo venni a sapere, capii che dovevo fare qualche cambiamento”.

Maria, che vive a New York, era una studentessa molto in gamba, sempre pronta ad aiutare i compagni. Juan, un altro studente, ogni tanto chiedeva aiuto a Maria, ma nutriva anche un certo interesse per lei e cercava di farle una buona impressione. Nonostante il suo desiderio di mantenersi casta, Maria cedette alle proposte di Juan e commise immoralità sessuale.

È davvero difficile manifestare virtù in mezzo a tante culture diverse e in un mondo moralmente corrotto come quello di oggi. Perché dunque coltivare la virtù? Perché la condotta virtuosa piace a Dio e la maggioranza di noi desidera senz’altro avere il suo favore.

La Parola di Dio, la Bibbia, esorta i suoi lettori a coltivare la virtù. Per esempio l’apostolo Paolo scrive: “Se c’è qualche virtù e qualche cosa degna di lode, continuate a considerare queste cose”. (Filippesi 4:8) E l’apostolo Pietro ci esorta a compiere un ‘premuroso sforzo, aggiungendo alla nostra fede la virtù’. (2 Pietro 1:5) Ma che cos’è la virtù? Si può insegnare a scuola? Come possiamo coltivarla?

[Nota in calce]

^ par. 2 Alcuni nomi sono stati cambiati.