Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Potete trovare pace interiore?

Potete trovare pace interiore?

 Potete trovare pace interiore?

Nel 1854 il saggista americano Henry Thoreau scrisse: “La grande maggioranza degli uomini conduce un’esistenza di quieta disperazione”.

Evidentemente ai suoi tempi la maggior parte delle persone non aveva pace interiore. Stiamo parlando però di quasi 150 anni fa. Oggi la situazione è diversa? Oppure le parole di Thoreau sono ancora attuali? Che dire di voi personalmente? Siete soddisfatti e in pace? O vi sentite insicuri, incerti riguardo al futuro, ‘quietamente disperati’, per dirla con Thoreau?

PURTROPPO nel mondo ci sono molte cose che privano le persone della pace interiore. Eccone solo alcune. In molti paesi la disoccupazione e il basso reddito sono causa di povertà e di disperazione. In altri paesi molti impiegano gran parte delle loro energie nella ricerca di ricchezze e beni materiali. Spesso però lo stile di vita competitivo che ne deriva è fonte di ansietà, non di pace. Anche malattie, guerre, criminalità, ingiustizie e oppressione privano la gente della pace.

Cercavano la pace interiore

Molti non sono disposti ad accettare il mondo così com’è. Antônio * faceva il sindacalista in una grossa fabbrica di San Paolo, in Brasile. Nella speranza di migliorare le condizioni di vita, partecipava a forme di protesta e manifestazioni, ma non riusciva a trovare pace mentale.

C’è chi spera che il matrimonio porti un certo grado di serenità nella propria vita, ma può rimanere deluso. Marcos era un affermato uomo d’affari. Entrò in politica e divenne sindaco di una città industriale. La sua vita familiare però era un disastro. Quando i suoi figli se ne andarono di casa, contrasti insanabili portarono lui e la moglie alla separazione.

Gerson, un bambino di strada di Salvador, in Brasile, aveva lo spirito di avventura. Si spostava da una  città all’altra chiedendo passaggi ai camionisti. Non passò molto tempo che si ritrovò tossicodipendente e per mantenere il vizio si diede alle rapine. Fu arrestato più volte. Ma nonostante la personalità aggressiva e violenta, Gerson anelava alla pace interiore. L’avrebbe mai trovata?

Vania perse la madre quando era ancora giovane e dovette accollarsi la responsabilità della casa, prendendosi cura anche della sorella malata. Andava in chiesa, ma si sentiva abbandonata da Dio. Di certo non aveva pace mentale.

Marcelo era uno che pensava solo a divertirsi. Gli piaceva far bisboccia con gli altri ragazzi: ballare, bere e fare uso di droga. Una volta fu coinvolto in una rissa e ferì un altro ragazzo. In seguito, preso dal rimorso, chiese aiuto a Dio. Anche lui voleva avere pace mentale.

Queste esperienze illustrano alcune situazioni che possono privare le persone della pace mentale. C’era un modo in cui il sindacalista, il politico, il bambino di strada, la ragazza oberata di lavoro e il giovane festaiolo potevano trovare la pace interiore a cui anelavano? Ciò che è accaduto loro può insegnarci qualcosa? Come vedremo nel prossimo articolo, la risposta a entrambe le domande è affermativa.

[Nota in calce]

^ par. 6 Alcuni nomi sono stati cambiati.

[Immagine a pagina 3]

Anelate ad avere pace interiore?