Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

La vita perfetta non è soltanto un sogno!

La vita perfetta non è soltanto un sogno!

 La vita perfetta non è soltanto un sogno!

Un mondo perfetto: cosa significa per voi? Immaginate una società senza criminalità, droga, fame, povertà e ingiustizia. Tutti godono ottima salute fisica e mentale. Nessuno è addolorato o infelice: perfino la morte è stata eliminata. È realistico desiderare un mondo del genere?

PUR apprezzando i progressi scientifici e tecnologici, la maggioranza delle persone non crede realmente che l’intelligenza e il sapere dell’uomo porteranno un mondo perfetto in cui tutti vivranno in pace e felicità. Dall’altro lato, la tendenza umana è senza dubbio quella di migliorare le cose e correggere i difetti. Ovviamente semplici sogni utopistici non aiuteranno i senzatetto e i poveri né recheranno sollievo ai disabili e ai malati. Un mondo perfetto non si realizzerà grazie alla creatività umana. Nonostante le sofferenze e l’oppressione attuali, ci sono comunque valide ragioni per credere che un mondo che potremmo definire perfetto è alle porte.

Se pensate a una vita perfetta, potrebbe venirvi in mente Gesù Cristo. Egli non fu l’unico essere umano perfetto vissuto sulla terra. Adamo ed Eva, creati a immagine di Dio, godevano di una vita perfetta in un paradiso. Persero quella stupenda condizione per essersi ribellati al loro Padre celeste. (Genesi 3:1-6) Nondimeno il Creatore instillò negli uomini il desiderio di vivere per sempre. Ecclesiaste 3:11 lo attesta: “Ogni cosa [Dio] ha fatto bella a suo tempo. Anche il tempo indefinito ha posto nel loro cuore, affinché il genere umano non trovi mai l’opera che il vero Dio ha fatto dall’inizio alla fine”.

Anche se l’imperfezione e il peccato fecero precipitare il genere umano in una vita di “futilità” e nella “schiavitù della corruzione”, si notino le confortanti parole dell’apostolo Paolo: “L’ansiosa aspettazione della creazione attende la rivelazione dei figli di Dio. Poiché la creazione fu sottoposta alla futilità, non di propria volontà, ma per mezzo di colui che la sottopose,  in base alla speranza che la creazione stessa sarà pure resa libera dalla schiavitù della corruzione e avrà la gloriosa libertà dei figli di Dio”. (Romani 8:19-21) La Bibbia indica chiaramente che si può accedere ai provvedimenti divini per ristabilire la vita umana perfetta tramite Gesù Cristo. — Giovanni 3:16; 17:3.

Oltre a questa meravigliosa speranza per il futuro, tutti abbiamo la possibilità di progredire spiritualmente, rendendo fin d’ora manifesto il nostro progresso.

Siate ragionevoli

Gesù Cristo considerò così importante la questione della perfezione che disse a un vasto uditorio: “Voi dovete dunque essere perfetti, come è perfetto il vostro Padre celeste”. (Matteo 5:48) Gesù si aspettava realmente che fossimo esenti da difetti nell’attuale sistema malvagio? No. Dobbiamo sicuramente sforzarci di coltivare qualità come generosità, benignità e amore per il prossimo, ma spesso manchiamo di fare ciò che è giusto. Perfino uno degli apostoli di Gesù scrisse: “Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni ingiustizia. Se facciamo la dichiarazione: ‘Non abbiamo peccato’, lo rendiamo bugiardo e la sua parola non è in noi”. — 1 Giovanni 1:9, 10.

Nondimeno possiamo migliorare il nostro modo di considerare noi stessi e di trattare gli altri, non andando agli estremi. Chi può trovare una ricetta migliore per avere una personalità equilibrata e stabile di quella contenuta nella Parola di Dio, la Bibbia? Coltivando qualità come gioia e moderazione saremo aiutati ad andare d’accordo con i compagni di lavoro, col nostro coniuge e con i nostri genitori o figli. L’apostolo Paolo raccomandò ai cristiani: “Rallegratevi sempre nel Signore. Una volta ancora dirò: Rallegratevi! La vostra ragionevolezza divenga nota a tutti gli uomini”. — Filippesi 4:4, 5.

Benefìci della ragionevolezza

Essere ragionevoli nelle aspettative ed evitare il perfezionismo, che non dà pace e genera perenne insoddisfazione, fa bene sia a se stessi che agli altri. Conoscere veramente il proprio potenziale significa essere realisti e ragionevoli in ciò che si intende fare. Ricordate: Dio ci ha creati per vivere sulla terra e trarre soddisfazione da un lavoro significativo che rechi beneficio a noi stessi e ad altri. — Genesi 2:7-9.

Se siete troppo esigenti con voi stessi, perché non vi rivolgete a Geova in preghiera? Ottenere il suo favore vi darà grande sollievo. Geova sa come siamo fatti e conosce la nostra imperfezione, per cui non è irragionevole né difficile da accontentare. Il salmista ci assicura: “Come un padre mostra misericordia ai suoi figli, Geova ha mostrato misericordia a quelli che lo temono. Poiché egli stesso conosce bene come siamo formati, ricordando che siamo polvere”. (Salmo 103:13, 14) Possiamo davvero essere grati che Dio tratti gli esseri umani in maniera così misericordiosa! Conosce i nostri limiti, ma ai suoi occhi possiamo essere preziosi come figli diletti.

Invece di inseguire il perfezionismo, è molto più saggio coltivare il discernimento spirituale e  avere un punto di vista equilibrato. Inoltre possiamo essere certi che nessuno può impedire a Geova di realizzare il suo proposito di elevare il genere umano alla perfezione sotto il Regno di Dio. Ma cosa significa la perfezione umana?

La vita perfetta è meglio del perfezionismo

La perfezione non significa essere perfezionisti. Quelli che avranno il privilegio di vivere nel Paradiso sulla terra sotto il Regno di Dio non saranno certo persone esigenti né si considereranno più giuste degli altri. Uno dei requisiti per sopravvivere alla grande tribolazione è avere sincero apprezzamento per il sacrificio di riscatto, come quello espresso dalla grande folla internazionale descritta dall’apostolo Giovanni: “La salvezza la dobbiamo al nostro Dio, che siede sul trono, e all’Agnello”. (Rivelazione [Apocalisse] 7:9, 10, 14) Tutti i superstiti della veniente grande tribolazione saranno grati che Cristo abbia accettato di morire per loro e per tutti quelli che esercitano fede in lui. Il suo amorevole sacrificio è la base per avere durevole sollievo dall’imperfezione e dalle debolezze umane. — Giovanni 3:16; Romani 8:21, 22.

Come sarà la vita nella perfezione? Al posto della competizione e dell’ambizione egoistica, l’amore e la benignità fra gli uomini renderanno la vita degna di essere vissuta, eliminando l’ansia e la scarsa autostima. Ma la vita perfetta non sarà noiosa né monotona. La Parola di Dio non fornisce tutti i particolari su come sarà il Paradiso, ma descrive il genere di vita che possiamo aspettarci: “Certamente edificheranno case e le occuperanno; e certamente pianteranno vigne e ne mangeranno il frutto. Non edificheranno e qualcun altro occuperà; non pianteranno e qualcun altro mangerà. Poiché come i giorni dell’albero saranno i giorni del mio popolo; e i miei eletti useranno appieno l’opera delle loro proprie mani. Non faticheranno per nulla, né genereranno per il turbamento”. — Isaia 65:21-23.

Invece di domandarvi che genere di svaghi, negozi, tecnologie o trasporti ci saranno sotto il Regno, immaginatevi di vedere l’adempimento di queste parole: “‘Il lupo e l’agnello stessi pasceranno insieme, e il leone mangerà la paglia proprio come il toro; e in quanto al serpente, il suo cibo sarà la polvere. Non faranno danno né causeranno rovina in tutto il mio monte santo’, ha detto Geova”. (Isaia 65:25) Come sarà diversa la vita perfetta da quella che si vive oggi! Se sarete fra quelli ritenuti degni di vivere in quel tempo, potrete essere certi che il vostro amorevole Padre celeste si interesserà di voi e della vostra famiglia. “Prova squisito diletto in Geova, ed egli ti darà secondo le richieste del tuo cuore”. — Salmo 37:4.

La vita perfetta non è soltanto un sogno. L’amorevole proposito di Geova per il genere umano sarà completamente realizzato. Voi e la vostra famiglia potete essere fra quelli che saranno elevati alla perfezione umana e vivranno per sempre nel nuovo mondo di Dio. La Bibbia predice: “I giusti stessi possederanno la terra, e risiederanno su di essa per sempre”. — Salmo 37:29.

[Immagine a pagina 6]

Possiamo migliorare il nostro modo di considerare noi stessi e gli altri, evitando il perfezionismo e la pignoleria

[Immagine a pagina 7]

Perché non immaginate già di essere nelle condizioni pacifiche e giuste del Paradiso?