Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

 IN COPERTINA

Come gestire bene il tempo

Come gestire bene il tempo

“Se solo avessi più tempo!” Chissà quante volte l’avrete detto. In un certo senso, il tempo è una livella universale: ci mette tutti sullo stesso piano, ricchi e poveri, potenti e umili. Nessuno può accumulare il tempo. Una volta che è trascorso non si può tornare indietro. La cosa saggia da fare, quindi, è usare bene il tempo che abbiamo. Come? Ecco quattro strategie che hanno aiutato molti a gestire bene il tempo.

Strategia 1: Organizzatevi

Stabilite cos’ha la priorità. La Bibbia consiglia: ‘Accertatevi delle cose più importanti’ (Filippesi 1:10). Fate una lista delle cose urgenti e/o importanti ricordando che non sempre ciò che è importante, ad esempio andare a comprare qualcosa per la cena, è anche urgente. E quello che può sembrare urgente, ad esempio guardare dall’inizio il proprio programma preferito in TV, può non essere così importante. *

Giocate d’anticipo. “Se la scure non è tagliente e non sai affilarne la lama, devi fare doppia fatica”, dice la Bibbia. E aggiunge: “Con la sapienza si ottiene di più” (Qoelet [Ecclesiaste] 10:10, Parola del Signore). La morale? Se, metaforicamente parlando, si affila la lama, cioè si pianificano le cose, è possibile usare il proprio tempo al meglio. Rimandate o eliminate le attività non essenziali che vi fanno perdere tempo ed energie. Potreste aver terminato in anticipo una certa attività e avere del tempo a disposizione: perché non iniziate a occuparvi dell’attività successiva che avete in programma? Giocando d’anticipo sarete più efficienti, proprio come un saggio artigiano che lavora con una scure affilata.

Semplificatevi la vita. Imparate a dire no alle cose non importanti o a quelle che vi fanno perdere solo tempo. Troppi impegni e attività fanno aumentare lo stress e possono privarvi della gioia.

 Strategia 2: Evitate ciò che vi fa perdere tempo

Procrastinare ed essere indecisi. “Chi guarda il vento non seminerà; e chi guarda le nubi non mieterà” (Ecclesiaste 11:4). Da questo versetto si può imparare che procrastinare non si concilia con la buona gestione del tempo. L’agricoltore che aspetta le condizioni ottimali potrebbe finire per non seminare o mietere mai. Similmente, a causa delle incertezze della vita magari non riusciamo a prendere una decisione, oppure pensiamo di dover conoscere i minimi particolari di una questione prima di decidere. Certo, le decisioni importanti richiedono attenta riflessione e non a caso Proverbi 14:15 dichiara: “L’accorto considera i suoi passi”. Ma la realtà è che molte decisioni presentano un certo grado di incertezza (Ecclesiaste 11:6).

Perfezionismo. Giacomo 3:17 dice: “La sapienza dall’alto è [...] ragionevole”. È più che lecito voler fare le cose per bene. A volte, però, le aspettative troppo alte provocano insuccessi e delusioni. Ad esempio, chi studia una lingua deve aspettarsi di fare degli errori essendo consapevole che da tali errori può imparare. Il perfezionista, invece, probabilmente rabbrividisce al pensiero di dire qualcosa di sbagliato; con un atteggiamento del genere non andrà lontano. È decisamente meglio avere aspettative ragionevoli. “La sapienza è con i modesti”, si legge in Proverbi 11:2. Chi è umile e consapevole dei propri limiti, poi, non si prende troppo sul serio e riesce a ridere di sé.

“Le cose non si pagano con i soldi. Si pagano con il tempo” (What to Do Between Birth and Death)

 Strategia 3: Siate equilibrati e realisti

Dosate bene lavoro e svago. “È meglio una manciata di riposo che una doppia manciata di duro lavoro e correr dietro al vento” (Ecclesiaste 4:6). Gli stacanovisti spesso si privano del frutto di “una doppia manciata di duro lavoro” rimanendo a corto di tempo ed energie. I pigri invece preferiscono “una doppia manciata” di riposo e sprecano tempo prezioso. La Bibbia incoraggia ad adottare un punto di vista equilibrato: lavorare sodo e godere i frutti del proprio lavoro. Questa gioia è “il dono di Dio” (Ecclesiaste 5:19).

Concedetevi il giusto riposo. “In pace certamente giacerò e anche dormirò”, disse uno scrittore biblico (Salmo 4:8). Per riacquistare le energie dal punto di vista fisico, emotivo e cognitivo, in genere gli adulti hanno bisogno di dormire circa otto ore per notte. Il sonno è un ottimo investimento in termini di tempo perché aiuta la concentrazione e migliora la memoria favorendo così l’apprendimento. Per contro, la mancanza di sonno ostacola l’apprendimento e contribuisce a causare incidenti, errori e irascibilità.

Ponetevi obiettivi realistici. “Vedere con gli occhi vale più del lasciare vagare i propri desideri” (Ecclesiaste 6:9, Nuova Riveduta). Cosa significa? Chi è saggio non si lascia dominare dai desideri, specialmente da quelli irrealizzabili. Perciò non si fa adescare dalla pubblicità o dal credito facile, anzi impara ad accontentarsi di quello che può avere: di ciò che può “vedere con gli occhi”.

 Strategia 4: Coltivate sani valori

Esaminate i vostri valori. I valori vi permettono di determinare cosa è giusto, importante e utile. Se la vostra vita fosse una freccia, i valori sarebbero l’arco con il quale indirizzarla. I sani valori, quindi, vi aiutano a stabilire le giuste priorità e a usare al meglio il tempo, ora dopo ora e giorno dopo giorno. Dove potete trovare questi valori? Molti si rivolgono alla Bibbia riconoscendo che contiene una sapienza superiore (Proverbi 2:6, 7).

Fate dell’amore il valore principale della vostra vita. L’amore “è un perfetto vincolo d’unione”, dice Colossesi 3:14. Non possiamo essere davvero felici ed emotivamente stabili senza amore, soprattutto in famiglia. Chi trascura questo fatto, magari dando la precedenza alla ricerca delle ricchezze o alla carriera, non proverà autentica felicità. La Bibbia mostra chiaramente che l’amore è il valore principale menzionandolo centinaia di volte (1 Corinti 13:1-3; 1 Giovanni 4:8).

Riservate del tempo alla spiritualità. Un uomo di nome Geoff aveva una brava moglie, due bei bambini, buoni amici e un lavoro gratificante come paramedico. La sua professione però lo portava spesso a guardare in faccia la sofferenza e la morte. “È così che deve essere la vita?” si chiedeva. Poi un giorno lesse delle pubblicazioni bibliche edite dai Testimoni di Geova e trovò risposte soddisfacenti.

Geoff spiegò alla moglie e ai figli quello che stava imparando, suscitando la loro curiosità. Questo significò per la sua famiglia l’inizio di un viaggio spirituale che ha arricchito la loro vita e ha permesso loro di gestire il tempo più saggiamente. Lo studio della Bibbia ha anche dato loro la meravigliosa speranza della vita eterna in un mondo libero da sofferenze e frustrazione (Rivelazione [Apocalisse] 21:3, 4).

L’esperienza di Geoff fa pensare alle seguenti parole di Gesù: “Felici quelli che si rendono conto del loro bisogno spirituale” (Matteo 5:3). Siete disposti a riservare del tempo alla spiritualità? Di certo non c’è modo migliore per gestire bene il proprio tempo: se lo farete, potrete trarre il meglio da ogni singolo giorno e dalla vita intera.

^ par. 5 Vedi “Venti modi per avere più tempo” nel numero di Svegliatevi! di aprile 2010.