Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

I senzatetto: Qual è la soluzione?

I senzatetto: Qual è la soluzione?

 I senzatetto: Qual è la soluzione?

“DÀ UN pesce a un uomo e lo sfamerai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo sfamerai per tutta la vita”. Questo proverbio spiega una verità fondamentale: soddisfare un immediato bisogno fisico può avere un valore limitato. È molto meglio aiutare le persone a imparare a risolvere i problemi e a soddisfare le proprie necessità. Molti hanno bisogno di imparare nozioni pratiche o anche un modo completamente diverso di vedere e affrontare la vita.

I testimoni di Geova sono convinti che la maniera più efficace di aiutare i senzatetto è insegnare loro il miglior modo di vivere. Questo significa seguire i migliori consigli disponibili, quelli provveduti dal Creatore. Chi meglio di lui è in grado di dare consigli del genere? Tali consigli aiutano a evitare molti dei problemi per cui ci si può ritrovare senza casa e, inoltre, aiutano chi si trova già in questa situazione a risolverla. Naturalmente, la lettura della Bibbia di per sé non farà sparire tutti  i problemi. La Bibbia però è in grado di aiutare le persone a eliminare vizi costosi, a ricuperare un certo grado di autostima e a condurre una vita più dignitosa.

Molti hanno perso la casa per colpa della droga o dell’alcol, di una vita segnata dalla delinquenza, di problemi economici o della disgregazione della famiglia. La Bibbia dà consigli pratici per tutti questi casi. Applicando questi consigli milioni di persone sono già state aiutate a cambiare il proprio modo di vedere la vita e a cambiare in meglio la loro personalità. Naturalmente l’applicazione dei princìpi scritturali da sola non risolverà tutti i problemi che l’essere senza tetto comporta. Al presente disastri naturali, cattiva salute, povertà diffusa, dipendenza e simili richiedono spesso altri tipi di assistenza. Anche se fanno tutto quello che possono per aiutare chi soffre a causa di questi problemi, i testimoni di Geova si rendono conto che solo il Fattore del genere umano è in grado di risolverli una volta per tutte. Lo farà?

Il proposito originale di Dio

Ci sono buone ragioni per sperare che presto il problema dei senzatetto finirà. Su quale base? Pensate: Geova Dio diede alla prima coppia umana una bella dimora. Li pose in un paradiso, dove avevano tutto quello di cui avevano bisogno. Se avessero seguito la guida del loro Fattore, avrebbero esteso quel Paradiso a tutta la terra. I loro discendenti avrebbero avuto tante belle case. Ogni componente della famiglia umana avrebbe potuto contare sull’amore e la cooperazione di tutti gli altri. Questo era il proposito originale di Dio. Egli non ha cambiato idea. — Salmo 37:9-11, 29.

Inoltre qualsiasi cosa Dio intenda fare, la farà senz’altro. (Isaia 55:10, 11) La Bibbia profetizza che arriverà il tempo in cui tutti avranno la loro casa e prosperità. Prima che questo si realizzi, tutta la società umana, come noi la conosciamo, dovrà cambiare. Tale cambiamento avverrà grazie all’intervento divino negli affari umani. Questo è quello che aveva in mente Gesù quando disse ai discepoli di pregare: “Venga il tuo regno. Si compia la tua volontà, come in cielo, anche sulla terra”. — Matteo 6:9, 10.

Sotto il giusto dominio del Regno di Dio il genere umano ubbidiente assisterà all’adempimento di questa confortante profezia: “Certamente edificheranno case e le occuperanno . . . Non edificheranno e qualcun altro occuperà; non pianteranno e qualcun altro mangerà. . . . I miei eletti useranno appieno l’opera delle loro proprie mani”. (Isaia 65:21, 22) In altre parole non ci sarà più nessuno senza casa.

I testimoni di Geova si sforzano di provvedere alle persone l’aiuto spirituale di cui hanno bisogno in questo periodo. Desiderano dare al prossimo il tipo di attenzione amorevole che raccomandò Gesù. (Matteo 22:36-39) Questo amore per gli altri li spinge anche a soccorrere chi ha perso la casa in seguito a un disastro naturale. *

Realisticamente i Testimoni si rendono conto che non è possibile aiutare tutti. Jacek, che vive in Polonia in un ricovero per i senzatetto, ammette: “Alcuni sono aggressivi o sono sotto l’effetto della droga. Altri provano repulsione per gli argomenti religiosi,  poiché pensano che Dio non si interessi di loro. Ma c’è chi accetta di cuore la Parola di Dio”. Jacek, per esempio, è uno di questi. Ha iniziato a conoscere ciò che insegna davvero la Bibbia.

Un altro uomo che ha fatto lo stesso è Roman, un malato di AIDS che fino a poco tempo fa viveva in strada. “Quando arrivai al centro di accoglienza, non sapevo che i testimoni di Geova si radunavano lì vicino”, ricorda. “Presto iniziarono con me una conversazione per strada e mi spiegarono che Dio non ignora le grida di aiuto dei senzatetto. Mi invitarono anche ad assistere a una loro adunanza”. — Salmo 72:12, 13.

Che effetto ebbe su di lui ciò che sentì? “Imparai che posso vivere per sempre in Paradiso, qui sulla terra, e che Dio mi considera prezioso. Circondato da nuovi amici premurosi, non mi concentrai più sulla mia difficile situazione e iniziai a modificare la mia personalità. Spinto dall’amore per Dio smisi di fumare e in preghiera gli promisi che avrei camminato nel sentiero della giustizia”.

Roman fece un buon progresso spirituale e ben presto si battezzò come testimone di Geova. Con l’aiuto dei compagni di fede e delle autorità riuscì a trasferirsi in un alloggio decente. Pieno di gioia dice: “Nel mio cuore provo una felicità indescrivibile. Mi sono avvicinato a un Dio d’amore, che ha ridato un senso alla mia vita. Mi ha dato una meravigliosa famiglia di fratelli e sorelle e anche una casa”.

Un futuro per i senzatetto

I testimoni di Geova si sforzano di mostrare empatia al prossimo, inclusi i senzatetto. Desiderano con tutto il cuore far conoscere le verità bibliche riguardo a un futuro migliore, verità che già da ora possono cambiare la vita. — Giovanni 8:32.

“Ciò che è fatto curvo non si può fare diritto”, dice la Bibbia. (Ecclesiaste 1:15) Nonostante le migliori intenzioni dei volontari e delle autorità, problemi sociali profondamente radicati come quello dei senzatetto e della povertà sono difficili da estirpare. La Bibbia ci assicura però che presto, sotto il dominio del Regno di Dio, tutte le persone ubbidienti avranno condizioni di vita ideali.

[Nota in calce]

^ par. 9 Vedi, per esempio, Svegliatevi! dell’8 gennaio 1993, pp. 14-21; 22 ottobre 2001, pp. 23-7; 8 agosto 2003, pp. 10-15.

[Immagine a pagina 8]

Una madre somala profuga tiene in mano una tessera annonaria

[Fonte]

© Trygve Bolstad/Panos Pictures

[Immagine a pagina 9]

Più di ogni altra cosa i senzatetto hanno bisogno di una speranza per il futuro

[Immagini a pagina 10]

Sotto il Regno di Dio non ci sarà nessuno senza casa