Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

“Ci vediamo al pozzo”

“Ci vediamo al pozzo”

 “Ci vediamo al pozzo”

DALLA MOLDOVA

LA SPOSA osserva emozionata mentre l’acqua viene attinta dal pozzo e versata sulla strada. Sorride felice quando lo sposo la prende in braccio e la porta sulla strada bagnata. Familiari e amici convenuti per assistere all’antico rituale prorompono in un applauso scrosciante. Questa insolita usanza nuziale è una chiara dimostrazione che in Moldova un pozzo è ben più che uno scavo da cui attingere acqua.

Situata nell’Europa sud-orientale, la Moldova confina a nord, a est e a sud con l’Ucraina, e a ovest con la Romania. Ha una superficie di circa 34.000 chilometri quadrati.

Anche se in Moldova ci sono quasi 3.100 corsi d’acqua, spesso a causa della siccità l’acqua  dei fiumi non è sufficiente a soddisfare il fabbisogno dei suoi 4.300.000 abitanti. Per sopperire a questa carenza, più del 20 per cento dell’approvvigionamento idrico della nazione proviene dall’acqua dei pozzi. Si è calcolato che nella parte moldava del bacino del fiume Prut ci siano dai 100.000 ai 200.000 pozzi!

Opportunamente situati lungo strade principali e strade secondarie, i pozzi, coperti da tettoie con motivi ornamentali, servono a placare la sete dei viaggiatori stanchi. In molti paesini il pozzo è anche un luogo dove incontrare gli amici e parlare dei fatti del giorno.

Il rispetto per l’acqua è una tradizione

In Moldova il rispetto per l’acqua è mostrato in vari modi. I gabinetti, per esempio, vengono costruiti a una certa distanza dal pozzo di famiglia e per mantenere integra la qualità dell’acqua è vietato rimettere nel pozzo l’acqua avanzata. Se viene attinta più acqua del necessario, quella in eccesso è versata sul terreno o in un recipiente posto vicino al pozzo. Inoltre sputare nei pressi di un pozzo è considerato indice di maleducazione. La tradizione vuole addirittura che non si debba litigare vicino a un pozzo.

I pozzi promuovono uno spirito di solidarietà tra i moldavi. Lo scavo di un pozzo è importante quanto la costruzione di una casa. Questo è evidente dal detto locale: “Chi non ha costruito una casa, non ha allevato un figlio, non ha scavato un pozzo e non ha piantato un albero non ha vissuto veramente”. Quando viene inaugurato un pozzo, tutti coloro che nella comunità hanno partecipato ai lavori vengono invitati a un grande banchetto.

Preoccupazioni per l’ambiente

La maggior parte dei pozzi della Moldova raggiungono falde acquifere che si trovano dai 5 ai 12 metri nel sottosuolo. Un’altra falda è a una profondità compresa tra i 150 e i 250 metri. Nonostante le tradizionali misure di protezione, buona parte delle falde acquifere del paese sono state inquinate dagli scarichi industriali e dai pesticidi usati nell’agricoltura. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato nel 1996, nitrati e batteri patogeni avevano contaminato “circa il 60% dei pozzi della Moldova”. (Republic of Moldova Human Development Report) Tuttavia negli ultimi anni la qualità dell’acqua dei pozzi è migliorata grazie al calo della produzione industriale e della quantità di sostanze chimiche e di carburanti assorbiti dalle falde acquifere.

Se venite in Moldova non sarà necessario versare dell’acqua sulla strada per fare una piacevole conversazione. Può darsi che ascolterete i fatti del giorno mentre placherete la vostra sete con un bel bicchiere di acqua fresca. Avete solo bisogno che un ospitale moldavo vi inviti al pozzo.

[Riquadro/Immagini alle pagine 26 e 27]

UN’ARTE TRADIZIONALE

Oleg, un lattoniere del posto, fabbrica tettoie per decorare i pozzi da quando finì la scuola. “Abbiamo questo lavoro nel sangue”, dice Oleg. “All’inizio del secolo scorso mio nonno imparò a lavorare il metallo da uno dei molti artigiani ebrei che vivevano nella numerosa comunità ebraica fuori Lipcani, il suo paese. Dopo i pogrom della seconda guerra mondiale non c’erano più ebrei tra i pochi artigiani superstiti. Fu allora che mio padre imparò l’arte, e poi ha trasmesso a me le sue conoscenze”.

Per eseguire le forme elaborate delle sue decorazioni, Oleg usa attrezzi semplici e solo alcuni stampi; la tradizione e la fantasia ispirano le sue creazioni. Il suo lavoro è molto apprezzato dai concittadini. Oleg dice: “Quando si tratta di altri lavori, i miei clienti contrattano sempre per avere un prezzo migliore, ma quando mi commissionano una tettoia per il pozzo sono generalmente contenti di pagare il prezzo richiesto”.

[Cartine alle pagine 26 e 27]

(Per la corretta impaginazione, vedi l’edizione stampata)

UCRAINA

MOLDOVA

ROMANIA

Mar Nero