Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

‘Nella nostra lingua non ci sono parole volgari’

‘Nella nostra lingua non ci sono parole volgari’

 ‘Nella nostra lingua non ci sono parole volgari’

COSA si intende per volgare? Si intende ciò che è offensivo, irriverente o sconcio. Purtroppo in molti paesi parlare in questo modo è comune. In passato, di solito erano gli uomini a parlare in maniera sconcia, ma oggi è sempre più comune udire parolacce dalla bocca delle donne. In alcune culture, però, le parole volgari non hanno sempre fatto parte del linguaggio quotidiano. Prendete ad esempio la testimonianza di un apache, James Kaywaykla.

James nacque nel Nuovo Messico nel 1873. Nei suoi ultimi anni di vita, quando era vicino alla novantina, raccontò ciò che segue:

“Una mattina fui svegliato dalla voce di mio nonno. Era seduto fuori della nostra capanna e, rivolto verso il sole che nasceva, innalzava il Canto del mattino. Si tratta di un inno a Ussen . . . per ringraziarlo di uno dei più bei doni: l’amore tra l’uomo e la donna, che gli apache considerano sacro. * Non raccontano mai storielle umoristiche sconce, e per loro è inconcepibile che gli uomini bianchi parlino con leggerezza di argomenti come concepimento e nascita, lo considerano allo stesso livello di usare il nome di Dio invano. Sono molto orgoglioso che nella nostra lingua non ci siano parole volgari. Ringraziamo il Creatore della Vita per l’onore concessoci di partecipare alla creazione di una nuova vita”. — Native Heritage, a cura di Arlene Hirschfelder.

Quasi 2.000 anni fa l’apostolo cristiano Paolo scrisse: “Non esca dalla vostra bocca nessuna parola corrotta, ma qualunque parola che sia buona per edificare secondo il bisogno, affinché impartisca ciò che è favorevole agli uditori”. Scrisse anche: “La fornicazione e l’impurità di ogni sorta o l’avidità non siano neppure menzionate fra voi, come si conviene a persone sante; né condotta vergognosa né parlar stolto né scherzi osceni, cose che non si addicono, ma piuttosto il rendimento di grazie”. — Efesini 4:29; 5:3, 4.

Come si possono eliminare dal cuore, dalla mente e dalla bocca le parole volgari e gli scherzi osceni? Il consiglio di Paolo ai filippesi può essere utile a tutti noi: “Fratelli, tutte le cose vere, tutte le cose di seria considerazione, tutte le cose giuste, tutte le cose caste, tutte le cose amabili, tutte le cose delle quali si parla bene, se c’è qualche virtù e qualche cosa degna di lode, continuate a considerare queste cose”. — Filippesi 4:8.

[Nota in calce]

^ par. 4 Secondo il credo apache, Ussen è il creatore della vita.

[Fonti delle immagini a pagina 31]

Tutte le foto: Library of Congress, Prints & Photographs Division; simbolo apache: Dover Publications, Inc.