Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Come soddisfare il bisogno di avere amici

Come soddisfare il bisogno di avere amici

 Come soddisfare il bisogno di avere amici

“LA SOLITUDINE non è una malattia”, dice un libro citato nell’articolo precedente. “La solitudine è uno stimolo salutare come la fame, . . . un segnale naturale del nostro bisogno di compagnia”. (In Search of Intimacy) La fame ci spinge ad assumere il cibo che ci nutre. Allo stesso modo i sentimenti di solitudine dovrebbero spingerci a cercare buoni amici.

Tuttavia, come osserva Yaël, la ragazza francese già citata, “alcuni evitano qualsiasi contatto con gli altri”. Ma isolarsi, qualunque ne sia la ragione, non risolve nulla e ci fa inevitabilmente sentire ancora più soli. Un proverbio biblico dice: “Chi si isola cercherà la sua propria brama egoistica; irromperà contro ogni saggezza”. (Proverbi 18:1) Perciò prima dobbiamo riconoscere che abbiamo bisogno di amici e poi dobbiamo prefiggerci di fare qualcosa per trovarli.

Cosa si può fare in pratica per trovare degli amici

Invece di piangerci addosso o di invidiare quelli che sembrano avere più amici, o amicizie migliori, perché non assumere un atteggiamento positivo, come ha fatto Manuela, una ragazza italiana? “Soprattutto durante l’adolescenza mi sentivo esclusa”, dice. “Per superare il problema ho osservato attentamente le persone che avevano buoni amici. Poi ho cercato di coltivare le loro buone qualità per diventare anch’io più simpatica”.

Una cosa pratica che si può fare è aver cura del fisico e della mente. Un’alimentazione sana, il debito riposo e un’adeguata attività fisica contribuiranno a migliorare il nostro aspetto e ci faranno sentire meglio. Essere puliti, ordinati e curati non solo ci rende più gradevoli agli altri, ma ci fa anche avere una giusta dose di autostima. Non bisogna però cadere nella trappola di preoccuparsi esageratamente del proprio aspetto. “Vestire alla moda non è di nessun aiuto per trovare veri amici”, osserva Gaëlle, l’altra ragazza francese già citata. “Alle persone perbene interessa ciò che siamo di dentro”.

Dopo tutto sono i nostri più intimi pensieri e sentimenti che influiscono su ciò che diciamo e anche sul nostro aspetto fisico. Siete fiduciosi e ottimisti? Vi si leggerà in viso. Avrete un’espressione felice. Un sorriso radioso è la cosa più attraente che possiate indossare e, come spiega Roger E. Axtell, esperto in linguaggio del corpo, un sorriso smagliante “è universale” e “di rado viene frainteso”. * Aggiungete a questo un po’ di senso dell’umorismo e le persone si sentiranno spontaneamente attratte da voi.

 Ricordate che queste buone qualità sgorgano da dentro. Perciò continuate a riempire la mente e il cuore di pensieri e sentimenti sani, positivi. Scegliete letture interessanti e utili: notizie di attualità, culture diverse, scienze naturali. Ascoltate musica che eleva lo spirito. Evitate gli atteggiamenti passivi: non lasciate ad esempio che televisione, film e romanzi rosa riempiano la vostra mente e il vostro cuore di fantasticherie. Di solito i rapporti interpersonali rappresentati sullo schermo non appartengono alla vita reale: non sono amicizie autentiche, ma semplicemente il frutto dell’immaginazione di qualcuno.

Aprite il vostro cuore!

Zuleica, che vive in Italia, ricorda: “Quando ero più piccola, ero timida e avevo difficoltà a fare amicizia. Ma sapevo che se vogliamo avere degli amici, dobbiamo prendere l’iniziativa, farci conoscere e conoscere gli altri”. Sì, per avere veri amici dobbiamo aprirci, lasciare che gli altri sappiano chi siamo veramente. Nelle amicizie vere, esprimere i propri pensieri e sentimenti conta molto più del fascino e della bellezza. “Tra quelli che hanno amicizie profonde e durature ci sono introversi ed estroversi, giovani e vecchi, più intelligenti e meno intelligenti, di bell’aspetto o insignificanti, ma la caratteristica che tutti hanno in comune è quella di essere un libro aperto”, osserva Alan Loy McGinnis, consulente in campo sociale. “Hanno una sorta di trasparenza, che permette agli altri di vedere cosa c’è nel loro cuore”.

Questo non significa mettere tutto in piazza o rivelare indiscriminatamente a chiunque i più intimi segreti del proprio cuore. Significa rivelare in maniera selettiva e graduale i propri pensieri e sentimenti ad altri. Michela, un’altra ragazza italiana, dice: “All’inizio tendevo a nascondere i miei sentimenti. Ho dovuto fare dei cambiamenti, cercare di esprimere di più quello che provavo, affinché i miei amici potessero capirmi e starmi più vicini”.

Anche se si ha un carattere socievole, perché tra amici nasca la fiducia ci vogliono tempo ed esperienze condivise. Nel frattempo, cercate di non essere troppo ansiosi per ciò che gli altri potrebbero pensare di voi. Elisa, anche lei italiana, ricorda: “Ogni volta che dicevo qualcosa, avevo paura di dirla male, o di non essere chiara. Non riuscivo a esprimermi. Poi però mi sono detta: ‘Se le persone che mi ascoltano sono degli amici, riusciranno a capirmi’. Allora anche quando quello che dicevo non mi veniva molto bene, ridevo di me stessa, e tutti ridevano insieme a me”.

Perciò rilassatevi! Siate voi stessi. Fingere di essere ciò che non si è non serve. “Il miglior modo per essere attraenti è essere se stessi, dare il meglio di sé”, ha scritto il consulente familiare F. Alexander Magoun. Le persone veramente felici non hanno bisogno di fingere né di far colpo sugli altri. Solo se siamo sinceri avremo amici sinceri. E dobbiamo anche permettere agli altri di essere se stessi. Le persone felici accettano gli altri per quello che sono. Non si spazientiscono per piccole mancanze. Non sentono la necessità di modificare la personalità dei loro amici per adattarla ai propri gusti. Cercate di essere persone di questo tipo, allegre e tolleranti.

 Per avere un amico, sii un amico

C’è ancora un altro fattore, il più importante. Quasi 2.000 anni fa Gesù indicò che in tutti i rapporti umani la chiave del successo è l’amore altruistico, dicendo: “Come volete che gli uomini facciano a voi, così fate a loro”. (Luca 6:31) Questo insegnamento è conosciuto come la regola aurea. L’unico modo per avere veri amici è quello di essere noi stessi degli amici generosi e altruisti. In altre parole, per avere un amico bisogna essere un amico. Perché un’amicizia fiorisca bisogna essere desiderosi di dare, più che di ricevere. Si deve essere pronti a mettere i bisogni dell’amico al di sopra delle proprie preferenze e comodità.

Manuela, già citata, osserva: “Come disse Gesù, la vera felicità deriva dal dare. Chi riceve è felice, ma chi dà lo è ancora di più. Possiamo dare anche solo chiedendo sinceramente ai nostri amici come stanno, cercando di capire i loro problemi e facendo tutto quello che possiamo senza aspettare che siano loro a chiedercelo”. Perciò interessatevi degli altri, anche di quelli che sono già vostri amici. Rinsaldate i rapporti che avete con loro. Non sacrificate l’amicizia per dedicarvi ad attività meno nobili e meno gratificanti. Gli amici meritano tempo e attenzione. Ruben, un ragazzo italiano, osserva: “Dedicare del tempo è fondamentale per trovare nuove amicizie e approfondirle. Innanzi tutto ci vuole tempo per essere buoni ascoltatori. Tutti possiamo migliorare sotto questo aspetto. Dimostri di interessarti degli altri se non li interrompi mentre parlano”.

Rispetto per gli altri

Un altro fattore che contribuisce a rendere bella e duratura l’amicizia è mostrare rispetto reciproco. Questo significa avere riguardo per i sentimenti altrui. Volete che i vostri amici usino tatto e discrezione quando i loro gusti o le loro opinioni differiscono dai vostri? Sicuramente. Non dovreste quindi trattarli nella stessa maniera? — Romani 12:10.

Un altro modo in cui mostriamo rispetto per gli amici è quello di non soffocarli con il nostro affetto. La vera amicizia non è né gelosa né possessiva. In 1 Corinti 13:4 la Bibbia dice: “L’amore non è geloso”. Perciò guardatevi dalla tendenza a pretendere l’esclusiva sui vostri amici. Se si confidano con altri, non prendetevela e non allontanatevi da loro. Rendetevi conto che tutti abbiamo bisogno di allargare la nostra cerchia di amicizie. Lasciate anche ai vostri amici la libertà di fare amicizia con altri.

Tenete anche conto che a volte gli amici hanno bisogno di stare da soli. Sia gli sposati che i single hanno bisogno di tempo per se stessi. Anche se non dobbiamo esitare a cercare gli altri, è bene essere equilibrati e riguardosi, non assillando i nostri amici. La Bibbia avverte: “Rendi raro il tuo piede nella casa del tuo prossimo, perché non ne abbia abbastanza di te e certamente ti odii”. — Proverbi 25:17.

 Non aspettatevi la perfezione

Naturalmente, man mano che ci si conosce, si diventa più consapevoli dei pregi e dei difetti dell’altra persona. Questo però non dovrebbe trattenerci dal fare amicizia. “Alcuni si aspettano troppo dagli amici”, dice Pacôme, un ragazzo francese. “Vorrebbero che avessero solo buone qualità, ma questo non è possibile”. Nessuno di noi è perfetto e non abbiamo il diritto di pretendere la perfezione dagli altri. Ci auguriamo che i nostri amici siano tolleranti con noi e che ci accettino nonostante i nostri difetti. Non dovremmo anche noi cercare di passare sopra alle mancanze dei nostri amici, non ingigantendole e non attribuendo loro chissà quale significato? Lo scrittore Dennis Prager ci ricorda: “Gli amici ideali (quelli che non si lamentano mai, che sono sempre gentili, mai di cattivo umore, che esistono solo per noi e non ci deludono mai) si chiamano animali da compagnia”. Se non vogliamo ridurci ad avere per amici intimi solo degli animali da compagnia, dobbiamo prendere a cuore il consiglio dell’apostolo Pietro di lasciare che ‘l’amore copra una moltitudine di peccati’. — 1 Pietro 4:8.

Qualcuno ha detto che l’amicizia raddoppia le gioie e dimezza i dolori. Comunque, se vogliamo essere realisti, non possiamo aspettarci che i nostri amici soddisfino tutti i nostri bisogni e risolvano  tutti i nostri problemi. Sarebbe un concetto egoistico dell’amicizia.

Leali nella buona e nella cattiva sorte

Una volta trovato un amico, non dimenticate che l’amicizia va coltivata. Quando il tempo e la distanza li separano, gli amici pensano l’uno all’altro e pregano l’uno per l’altro. Anche se possono stare insieme solo in rare occasioni, si aggiornano velocemente su ciò che è avvenuto nel frattempo nella vita di entrambi. Specialmente nei momenti di difficoltà o di bisogno, è essenziale essere presenti nella vita degli amici. Nella maggior parte dei casi, non dobbiamo allontanarci da loro quando hanno problemi. Quello può essere il momento in cui hanno più bisogno di noi. “Il vero compagno ama in ogni tempo, ed è un fratello nato per quando c’è angustia”. (Proverbi 17:17) E quando sorgono malintesi, i veri amici sono pronti ad appianarli e a perdonare. Chi è sincero non abbandona gli amici solo perché la strada è in salita.

Agendo con altruismo e avvicinandovi agli altri con uno spirito positivo, potete farvi degli amici. Ma è anche importante il genere di amici che si scelgono. Come si possono trovare buoni amici? Il prossimo articolo risponderà a questa domanda.

[Nota in calce]

^ par. 7 Vedi anche l’articolo “Sorridete, vi fa bene!”, nel numero di Svegliatevi! dell’8 luglio 2000.

[Riquadro/Immagini alle pagine 6 e 7]

Un uomo e una donna possono essere “solo amici”?

Un uomo e una donna che non sono marito e moglie possono essere solo amici? Dipende da ciò che si intende per “amico”. Gesù era molto amico di Maria e Marta, due donne nubili di Betania. (Giovanni 11:1, 5) L’apostolo Paolo era amico di Priscilla e di suo marito Aquila. (Atti 18:2, 3) Possiamo essere certi che fra loro c’era grande affetto. Al tempo stesso non possiamo immaginare che Gesù o Paolo abbiano permesso che quelle amicizie assumessero una connotazione romantica.

Mai come oggi uomini e donne si sono trovati a lavorare a stretto contatto, per cui diventa sempre più necessario capire come si possono avere rapporti appropriati e amichevoli con le persone dell’altro sesso. Anche quelli che sono sposati traggono beneficio dalla sana amicizia di altre coppie e di persone non sposate.

“Distinguere fra sentimenti romantici, sesso e amicizia, comunque, può essere estremamente difficile”, avverte una rivista di psicologia. (Psychology Today) “In realtà c’è sempre il pericolo che all’improvviso l’amicizia con una persona dell’altro sesso si trasformi involontariamente in attrazione sessuale. Un semplice abbraccio platonico può assumere istantaneamente un significato erotico”.

Specialmente per le coppie sposate è importante essere realisti e pratici. “Qualunque forma di intimità con altri può costituire una minaccia per il matrimonio”, scrive Dennis Prager in un suo libro. (Happiness Is a Serious Problem) “L’intimità non ha a che fare solo col sesso, e il vostro coniuge ha diritto di aspettarsi di essere il vostro unico amico intimo dell’altro sesso”. Gesù indicò che mantenersi moralmente casti dipende dal cuore. (Matteo 5:28) Perciò siate amichevoli, ma custodite il vostro cuore ed evitate scrupolosamente qualunque situazione che possa far nascere pensieri, sentimenti o comportamenti inappropriati con persone dell’altro sesso.

[Immagini a pagina 7]

Aver cura del corpo e della mente può rendere più attraenti

[Immagine a pagina 8]

Tra amici ci si confida