Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Come proteggere i figli

Come proteggere i figli

 Come proteggere i figli

“I genitori sono di gran lunga l’elemento più importante per proteggere i figli dall’uso di sostanze stupefacenti. Devono dare il buon esempio e informare i figli”. — DONNA SHALALA, SEGRETARIO AMERICANO DEL DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DEI SERVIZI SOCIALI.

COME GENITORI, siete dunque la prima linea difensiva nella guerra contro la droga. Purtroppo non tutti i genitori si rendono conto dell’importanza di questo ruolo. “Mio padre aveva sempre da fare”, ricorda Ireneu, un ragazzo brasiliano. “Faceva solo brevi conversazioni con noi. Non abbiamo mai ricevuto consigli riguardo alla droga”.

Invece, osservate cosa ricorda Alecxandros, un altro ragazzo brasiliano: “Quando c’erano programmi TV sui tossicodipendenti, mio padre chiamava me e i miei fratelli perché li guardassimo. Ci indicava la terribile condizione in cui si trovavano i tossicodipendenti. A volte approfittava dell’occasione per chiederci se a scuola avevamo visto dei ragazzi che si drogavano. Così ci metteva in guardia contro i pericoli della droga”.

Avete parlato con i vostri figli dei pericoli che la droga comporta? Per farlo, forse dovrete saperne di più sull’argomento. I genitori cristiani possono aiutare i figli a capire che l’uso di droga li danneggia spiritualmente. La Bibbia ci esorta a mantenere il nostro corpo puro da ogni contaminazione sia fisica che spirituale. (2 Corinti 7:1) Studiare regolarmente la Bibbia con i figli può essere un modo efficace per proteggerli. *

 ‘Amici intimi’

È importante inoltre stabilire un rapporto di fiducia con i figli. Geova è un “amico intimo” per i suoi figli terreni. (Geremia 3:4) Siete amici intimi dei vostri figli? Li ascoltate davvero? I vostri figli si sentono a loro agio nel parlarvi dei loro problemi? Siete più pronti a condannare che a lodare? Dedicate del tempo per conoscere i vostri figli. Vostro figlio, o vostra figlia, ha degli amici? Chi sono? Dopo tutto la Bibbia avverte: “Le cattive compagnie corrompono le utili abitudini”. (1 Corinti 15:33) Non abbiate paura di stabilire dei limiti precisi o di impartire amorevole disciplina. La Bibbia dice: “Castiga tuo figlio ed egli ti recherà riposo e darà molto piacere alla tua anima”. — Proverbi 29:17.

Inoltre non sottovalutate i pericoli che corrono i vostri figli. Alcuni genitori potrebbero cullarsi nell’idea che poiché i loro figli vengono da una famiglia rispettabile, non avranno mai a che fare con la droga. Ma, spiega il dott. José Henrique Silveira: “Lo spacciatore cerca di fare amicizia con i figli di personaggi influenti perché per lui è un buon affare”. Sì, se un ragazzo rispettabile viene indotto a drogarsi, spesso altri seguiranno il suo esempio.

Quindi siate realisti. Imparate a riconoscere i primi segnali di esperienze con la droga. Per esempio, vostro figlio è diventato improvvisamente introverso, depresso, ostile o svogliato? Si è allontanato inspiegabilmente da vecchi amici o parenti? Allora forse avete ragione di preoccuparvi.

Purtroppo, nonostante i lodevoli sforzi dei genitori, alcuni ragazzi cedono ugualmente alle pressioni e provano la droga. Cosa dovreste fare se questo accadesse a vostro figlio?

Quando un ragazzo si droga

“Quando i miei genitori lo scoprirono”, dice Ireneu, “mio fratello si drogava da diversi mesi. Poiché non avevano mai pensato che uno dei loro figli un giorno potesse diventare tossicodipendente, la loro reazione iniziale fu il panico. Sulle prime mio padre non pensava ad altro che a usare la forza per punire mio fratello”.

Scoprendo che un figlio si droga, la prima reazione di un genitore può benissimo essere rabbia, frustrazione e un senso di fallimento. Tuttavia un foglio illustrativo pubblicato dal Dipartimento americano dell’Istruzione consiglia: “Non farti prendere dal panico! E non incolpare te stesso. Sul momento la cosa importante è restare calmi [e] scoprire cosa sta succedendo. . . . L’uso di droga è un comportamento che si può prevenire. La tossicodipendenza è una malattia che si può curare”.

Sì, siate affettuosi e fermi per non peggiorare la situazione. Essere eccessivamente arrabbiati o frustrati potrebbe ostacolare il ricupero di vostro figlio. Inoltre quello che volete è aiutare vostro figlio a crescere e a diventare un adulto responsabile, in grado di pensare con la propria testa. Quindi dedicate il tempo necessario per ragionare onestamente con lui, o con lei, e aiutarlo a vedere i vantaggi di stare alla larga dalla droga. Cercate di scoprire cosa c’è nel cuore di un ragazzo ribelle, e siate disposti ad ascoltare. — Proverbi 20:5.

Ireneu ricorda inoltre: “In seguito i miei genitori cambiarono tattica e cominciarono a dare consigli a mio fratello, ponendo dei limiti a dove poteva andare e modificando il programma delle sue lezioni per evitare che incontrasse ogni giorno gli stessi compagni di scuola. Cominciarono a controllare le sue compagnie  e a prestare più attenzione a lui e al resto della famiglia”.

Ecco in che modo alcuni genitori sono intervenuti con successo quando hanno scoperto che i figli si drogavano.

Interventi riusciti

“È la cosa peggiore che ci sia capitata”, spiega Marcelo, che vive a San Paolo, in Brasile. “Io e mia moglie non avevamo notato niente di strano nel comportamento dei nostri due ragazzi. Spesso andavano a mangiare al ristorante con un gruppo di altri ragazzi che pensavamo di conoscere bene. È stato terribile quando un amico ci ha detto che i nostri due ragazzi facevano uso di marijuana. Però, quando glielo abbiamo chiesto, l’hanno ammesso immediatamente”.

Come ha affrontato Marcelo la situazione? “Io e mia moglie non abbiamo potuto nascondere la nostra angoscia”, ammette. “Ma pur condannando le loro azioni, non abbiamo messo in dubbio le loro buone qualità. Di comune accordo ci siamo prefissi che da allora in poi avremmo aiutato i nostri figli a uscire dal problema della droga. Abbiamo parlato apertamente di quello che intendevamo fare e tutti e due hanno accettato le nostre condizioni. Avrebbero continuato ad andare a scuola e a lavorare, ma non sarebbero più usciti da soli con gli amici. Dimostravamo loro il nostro amore ogni giorno, non solo in occasioni speciali. Poiché lavoro nell’edilizia, li portavo con me ogni volta che potevo. Abbiamo cominciato a prenderci gusto, trascorrendo più tempo a parlare del futuro e della necessità di prefiggersi nella vita degli obiettivi validi”. Marcelo e sua moglie sono quindi riusciti ad aiutare i figli a liberarsi dalla droga.

Consideriamo l’esperienza di un altro padre brasiliano. Suo figlio Roberto ricorda: “Quando papà scoprì che mio fratello si drogava, invece di strapazzarlo o disciplinarlo, si mostrò  suo amico e conquistò la sua fiducia. Fece la conoscenza degli amici di mio fratello e dei posti che frequentava, e cominciò a fargli capire che non aveva bisogno né della droga né di simili amici. Papà gli disse che non voleva passare delle notti insonni a cercarlo”. Con l’intento di ricuperare il ragazzo in difficoltà, la matrigna diede pieno appoggio al marito. Entrambi convennero che non c’era tempo da perdere e decisero di curarlo a casa. — Vedi il riquadro “ Farsi aiutare”.

Non mollate!

Può essere snervante e impegnativo allevare i figli in questi “tempi difficili”. (2 Timoteo 3:1) Perciò non si dovrebbero mai trascurare i propri bisogni spirituali ed emotivi. (Matteo 5:3) Le parole di Proverbi 24:10 sono davvero veraci: “Ti sei mostrato scoraggiato nel giorno dell’angustia? La tua potenza sarà scarsa”. La compagnia di veri cristiani può dare molta forza. Alle adunanze tenute nella Sala del Regno dei testimoni di Geova si può trovare aiuto e incoraggiamento. — Ebrei 10:24, 25.

In effetti, insegnare alla famiglia ad avere fede in Dio può essere la migliore difesa contro la droga. Naturalmente Dio non costringe i ragazzi a seguire una certa linea di condotta, ma offre ottimi consigli. Come è riportato in Salmo 32:8, Dio dice: “Ti farò avere perspicacia e ti istruirò nella via per la quale devi andare. Certamente darò consiglio col mio occhio su di te”. Essendo un amorevole Padre celeste, Dio desidera proteggere i giovani da tragedie emotive, fisiche e spirituali. (Proverbi 2:10-12) Siate certi che aiuterà e sosterrà anche i genitori che sono determinati ad allevare i figli “nella disciplina e nella norma mentale di Geova”. — Efesini 6:4.

Comunque a volte allevare i figli nell’ambiente odierno può essere duro. C’è qualche sollievo in vista?

[Nota in calce]

^ par. 5 I testimoni di Geova hanno pubblicato informazioni che possono aiutare i genitori a parlare con i figli di argomenti come i pericoli della droga. Vedi per esempio i capitoli 33 e 34 del libro I giovani chiedono... Risposte pratiche alle loro domande.

 [Testo in evidenza a pagina 8]

“L’uso di droga è un comportamento che si può prevenire. La tossicodipendenza è una malattia che si può curare”. — DIPARTIMENTO AMERICANO DELL’ISTRUZIONE

[Riquadro a pagina 6]

 Farsi aiutare

Alcuni genitori decidono che sarebbe meglio che il figlio superi la crisi di astinenza sotto controllo medico. La scelta di una terapia è una questione personale, ma poiché la qualità delle terapie nei centri di ricupero varia enormemente, è consigliabile che i genitori si informino bene prima di iniziare una cura. Secondo lo psichiatra Arthur Guerra de Andrade, professore presso l’Università di San Paolo, in Brasile, solo il 30 per cento di coloro che si sottopongono a terapie nelle cliniche riesce a uscire dalla tossicodipendenza. Perciò i genitori devono interessarsi attivamente della guarigione dei loro figli, anche quando sono affidati a specialisti.

[Riquadro/Immagini a pagina 7]

Aiuto per chi vuole uscire dalla droga

Sei un ragazzo e stai cercando di smettere di drogarti? In questo caso riscontrerai che leggere la Bibbia e mettere in pratica quello che leggi ti può aiutare in tal senso. Potresti trovare particolarmente utile leggere il libro dei Salmi, dato che esprime molti dei sentimenti penosi che forse ora provi. Ti aiuterà anche rivolgerti sinceramente a Dio in preghiera, esternando davvero i pensieri più reconditi. (Filippesi 4:6, 7) Comincerai ad accorgerti che davvero Dio si prende cura di te e che desidera che tu ce la faccia. Ma poiché non costringe nessuno ad agire contro la propria volontà, è indispensabile che tu desideri veramente liberarti dalla droga. Il salmista Davide, che sperimentò molte volte il sostegno di Dio, disse: “Sperai vivamente in Geova, e così egli mi porse il suo orecchio e udì la mia invocazione di soccorso. Mi traeva anche da una fossa ruggente, dal pantano melmoso. Quindi sollevò i miei piedi sopra una rupe; stabilì fermamente i miei passi”. (Salmo 40:1, 2) Oggi coloro che desiderano liberarsi da abitudini impure per servire Dio vengono aiutati nello stesso modo.

[Immagine a pagina 5]

“Mio padre ci metteva in guardia” — Alecxandros

[Immagine a pagina 8]

Dedicate del tempo per avvertire i figli dei danni fisici e spirituali della droga

[Immagine a pagina 8]

Conoscete le compagnie che frequentano i vostri figli

[Immagine alle pagine 8 e 9]

Affrontare la cosa con calma può impedire che la situazione peggiori