Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

“Un monumento al Diavolo in persona”

“Un monumento al Diavolo in persona”

 “Un monumento al Diavolo in persona”

DALLA SPAGNA

NELLA città di Madrid c’è una statua curiosa. Magari guardandone di sfuggita l’aspetto e il nome, “L’angelo caduto”, l’osservatore casuale non rimane stupito. Osservandola più attentamente, però, si accorge che il monumento è dedicato niente meno che a Satana il Diavolo!

Chi visita la Spagna, un paese tradizionalmente cattolico, si aspetta di vedere statue di angeli o “santi”, ma non certo una statua dedicata al governante dei demoni. Ciò nonostante Ricardo Bellver, scultore spagnolo del XIX secolo, decise di rompere con la tradizione. Conosceva il Paradiso perduto, il poema epico di John Milton che narra di come Satana fu cacciato dal cielo a causa dell’orgoglio e della ribellione. Nel 1874 Bellver completò una statua che rappresentava questa drammatica caduta.

Bellver non ritrasse il Diavolo secondo le tradizionali rappresentazioni, come una creatura bestiale con le corna. Al contrario, immaginò il governante dei demoni come un angelo bello ma corrotto nel momento in cui fu scagliato dal cielo. (Rivelazione [Apocalisse] 12:9) Questa rappresentazione corrisponde maggiormente alla descrizione che ne fa la Bibbia. *

Che pensarono di questa statua gli abitanti di Madrid? Secondo un’esperta di storia dell’arte alcuni inorridirono all’idea che fosse eretta una statua in onore di Satana. Il governo spagnolo, però, stanziò il denaro e la statua vinse due premi, uno a Madrid e l’altro alla Mostra Internazionale di Parigi nel 1878. L’arte trionfò sulla tradizione e nel 1879 l’imponente statua di bronzo venne posta nel parco di El Retiro.

In una società secolarizzata come quella di oggi questa statua in onore di Satana non turba più di tanto. Nella sua opera sulle curiosità e gli aneddoti di Madrid, María Isabel Gea afferma: “Madrid deve sentirsi orgogliosa di essere l’unica città del mondo ad aver dedicato un monumento al Diavolo in persona”. (Curiosidades y Anécdotas de Madrid) Comunque sia, delle migliaia di persone che si riversano nel parco di El Retiro pochi degnano la statua di uno sguardo più attento.

In modo simile pochi oggi si rendono conto che Satana è la fonte invisibile dei molti problemi del mondo. (Rivelazione 12:12) Ma dato che le Scritture ne parlano chiaramente, chi studia la Bibbia non dubita né della sua esistenza né della sua influenza. Gesù resistette alle sue sfrontate tentazioni. Inoltre definì questa malvagia creatura spirituale “un bugiardo e il padre della menzogna” e ‘un omicida che non si attenne alla verità’. — Giovanni 8:44; Matteo 4:1-11.

In un tempo in cui la terra sta sprofondando più che mai nella sofferenza, è fondamentale opporsi all’influenza di questo adirato angelo caduto. * (Giacomo 4:7) Nel frattempo coloro che amano la verità e la giustizia possono provare conforto sapendo che l’espulsione di Satana dal cielo è il preludio alla sua imminente sconfitta quando Cristo ‘distruggerà le opere del Diavolo’. — 1 Giovanni 3:8.

[Note in calce]

^ par. 5 Un’altra caratteristica della statua, il serpente attorcigliato attorno al corpo di Satana, non ha un’origine biblica. A quanto pare Bellver si ispirò a una scultura che vide a Roma: il Laocoonte, leggendario sacerdote troiano che sarebbe stato ucciso, insieme ai figli, da due serpenti.

^ par. 9 Per ulteriori informazioni su come resistere all’influenza di Satana, vedi il libro La conoscenza che conduce alla vita eterna, edito dai testimoni di Geova.