Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Scene di orrore, barlumi di speranza

Scene di orrore, barlumi di speranza

 Scene di orrore, barlumi di speranza

“TUTTO INTORNO GLI EDIFICI ONDEGGIAVANO E DIVAMPAVANO FIAMME. MENTRE CORREVO VEDEVO OVUNQUE GENTE CHE PIANGEVA, PREGAVA E CHIEDEVA AIUTO. PENSAVO CHE FOSSE ARRIVATA LA FINE DEL MONDO”. — G. R., SOPRAVVISSUTO A UN TERREMOTO.

OGNI anno la crosta del nostro inquieto pianeta viene scossa da milioni di terremoti. Naturalmente, la maggior parte di questi non vengono percepiti. * Comunque ogni anno, in media, quasi 140 terremoti sono abbastanza gravi da essere classificati come “rovinosi”, “disastrosi” o “catastrofici”. Nel corso dei secoli, questi hanno causato milioni di morti e incalcolabili danni materiali.

I terremoti, inoltre, hanno un profondo impatto psicologico sui sopravvissuti. Ad esempio, dopo che all’inizio del 2001 due terremoti avevano devastato El Salvador, il coordinatore della commissione consultiva per l’igiene mentale del Ministero della Sanità di quella nazione affermò: “La gente sta entrando in una fase di problemi psicologici caratterizzata da tristezza, disperazione e rabbia”. Non è strano che gli operatori sanitari salvadoregni abbiano riferito che il numero dei pazienti affetti da sindromi ansiose e depressive è aumentato del 73 per cento. In effetti, da alcuni sondaggi è emerso che tra le cose di cui più avevano bisogno gli ospiti dei campi di accoglienza, l’assistenza psicologica era seconda solo all’acqua.

Ma quando si parla di terremoti non c’è da parlare solo di morte, distruzione e sconforto. In molti casi questi disastri hanno spinto la gente a dimostrare straordinaria buona volontà e abnegazione. C’è chi ha lavorato instancabilmente per riparare edifici danneggiati e ricostruire vite distrutte. Questi barlumi di speranza si sono intravisti anche tra le più tragiche scene di orrore, come vedremo.

[Nota in calce]

^ par. 3 Questa cifra include terremoti estremamente leggeri, migliaia dei quali si verificano ogni giorno.

 [Immagini alle pagine 2 e 3]

Pagine 2 e 3: Ad Atene una donna è sconvolta quando si rende conto che la madre è intrappolata dentro un edificio crollato. Nel frattempo un padre esulta scoprendo che la figlia di cinque anni è stata tratta in salvo

[Fonte]

AP Photos/Dimitri Messinis