Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

I lettori ci scrivono

I lettori ci scrivono

 I lettori ci scrivono

Odio Recentemente è venuto a trovarmi mio fratello. Non avevo idea che fosse un intollerante dichiarato. Ha parlato molto sprezzantemente delle persone di altre razze. Volevo aiutarlo, ma non sapevo come affrontare l’argomento. Quando ho visto gli articoli dell’8 agosto 2001 della serie “Spezzare la spirale dell’odio”, sapevo che era la risposta alla mia preghiera.

L. B., Stati Uniti

Per una persona ragionevole quello che avete scritto è davvero troppo. Avete detto: “La Bibbia stessa dice che gli uomini imperfetti nascono con cattive caratteristiche e difetti. (Genesi 6:5; Deuteronomio 32:5) Naturalmente, queste parole si applicano a tutti gli esseri umani”. Ma queste scritture si riferivano a due gruppi particolari in luoghi e periodi di tempo specifici. Non si possono assolutamente applicare a tutti gli esseri umani.

D. C., Repubblica Ceca

“Svegliatevi!” risponde: È vero che queste parole si applicavano specificamente alle persone che vissero prima del Diluvio e alla nazione d’Israele. Tuttavia la Bibbia chiarisce ripetutamente che “tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio”. (Romani 3:23; 5:12; Giobbe 14:4; Salmo 51:5) Gli israeliti e le persone vissute prima del Diluvio vengono quindi citati come esempi di imperfezione umana.

Diario Non sapete come sono stata contenta di aver trovato l’articolo “Il diario, un amico fidato”. (8 agosto 2001) Ho 20 anni e tengo un diario da quando ne avevo 11. Potete immaginare come mi sento quando rileggo delle marachelle, delle prime cotte adolescenziali, delle poesie, delle brutte figure e perfino del mio battesimo e delle emozioni di quel giorno.

L. C., Italia

Poiché ho subìto abusi durante l’infanzia, tenere un diario mi ha aiutata a conoscere meglio me stessa e ad affrontare il trauma emotivo. Ho visto crescere la mia spiritualità.

E. L., Stati Uniti

Sclerodermia Ieri ho subìto un intervento chirurgico d’emergenza in seguito al quale probabilmente l’occhio sinistro rimarrà danneggiato. Ero in stato di shock e mi sentivo depresso. Quando sono tornato a casa, ho trovato il numero dell’8 agosto con l’esperienza di Marc Holland: “La mia lotta contro la sclerodermia”. Sono stato incoraggiato dal modo in cui ha reagito a questa terribile malattia, e in particolare dalla sua fede e dalla sua determinazione a continuare a servire Geova. Mi ha fatto considerare il mio problema molto meno grave.

L. B., Stati Uniti

Preghiera Grazie dell’articolo “I giovani chiedono... Come può aiutarmi la preghiera?” (22 luglio 2001) Leggere come la preghiera ha aiutato molti giovani ad affrontare i loro problemi mi incoraggia ad aprirmi di più con Geova.

D. B., Italia

L’articolo mi ha aiutata a capire che devo avere un’amicizia più profonda con Dio. A 16 anni è molto difficile. Ci sono molte tentazioni e le pressioni dei compagni. Mi domando se sarebbe possibile avere una Bibbia.

M. A., Stati Uniti

“Svegliatevi!” risponde: Si è disposto che la nostra lettrice fosse visitata dai testimoni di Geova e ricevesse una Bibbia.

Mi sono piaciute le parole di Paul, che ha detto di aver chiesto a Geova pace mentale. Ho sempre chiesto a Geova di aiutarmi a mantenere l’equilibrio nella vita di tutti i giorni e nelle decisioni da prendere. Ora chiederò anche la pace mentale. Possiamo imparare tanto dai nostri giovani. Io ho 62 anni.

M. P., Australia