Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

È giusto che Dio usi la forza?

È giusto che Dio usi la forza?

 Il punto di vista biblico

È giusto che Dio usi la forza?

LA STORIA è sempre stata caratterizzata da un uso letale della forza. Secondo una stima, nel XX secolo probabilmente 170 milioni di persone sono state assassinate dai loro stessi regimi politici. Come indica in modo accurato la Bibbia, gli uomini hanno costantemente dominato altri uomini a loro danno. — Ecclesiaste 8:9.

Vista la violenza di cui l’uomo ha fatto uso, alcuni potrebbero contestare il fatto che Dio usi la forza per distruggere i suoi nemici. Non fu sotto il diretto comando di Dio che gli ebrei attaccarono e uccisero gli abitanti della Terra Promessa, i cananei? (Deuteronomio 20:16, 17) E non è Dio stesso a dire che stritolerà tutti i governi che gli si oppongono ponendo loro fine? (Daniele 2:44) Alcune persone sincere si sono chieste se sia sempre giusto che Dio usi la forza.

Abuso della forza

È essenziale comprendere che la capacità di usare la forza è un elemento importante del governo. Un’amministrazione che non è in grado di far osservare i decreti che emana, in effetti, è impotente. Per esempio, nonostante i casi di abuso di potere, quante persone sarebbero disposte a rinunciare alla protezione offerta dalla polizia? E chi obietterebbe razionalmente che ogni società umana non abbia bisogno di un sistema giudiziario provvisto di efficaci strumenti coercitivi?

Mohandas Gandhi, famoso per la sua profonda avversione per la violenza, una volta disse: “Supponiamo che un uomo venga preso da una follia omicida e cominci a girare con una spada in mano uccidendo chiunque gli si pari dinnanzi, e che nessuno abbia il coraggio di catturarlo vivo. Chiunque uccida il pazzo otterrà la gratitudine della comunità e sarà  considerato un uomo caritatevole”. * Sì, in determinate circostanze perfino Gandhi considerava necessario l’uso della forza.

Naturalmente la capacità di ricorrere alla forza è un elemento necessario in ogni società stabile. In linea di massima, quando si condanna l’uso della forza in realtà si critica il suo abuso. — Ecclesiaste 4:1-3.

“Tutte le sue vie sono giustizia”

La storia dimostra che Dio non ha mai abusato del suo potere. Non governa usando la forza in maniera arbitraria. Desidera che lo adoriamo per amore. (1 Giovanni 4:18, 19) In effetti se c’è un modo giusto per evitarla, Dio non ricorre alla forza. (Geremia 18:7, 8; 26:3, 13; Ezechiele 18:32; 33:11) E quando decide di usare la forza, dà sempre numerosi avvertimenti in modo che chiunque lo desideri possa fare i cambiamenti necessari. (Amos 3:7; Matteo 24:14) Questo è forse il modo di agire di un Dio dispotico e crudele?

L’uso della forza da parte di Dio non ha nulla a che vedere con gli ingiustificati abusi di potere perpetrati dall’uomo. “Tutte le sue vie sono giustizia”, disse Mosè a proposito di Geova, “un Dio di fedeltà, presso cui non è ingiustizia”. (Deuteronomio 32:4) A differenza dei governi umani tirannici, il governo di Dio non si basa su chi è più forte. In ogni circostanza Geova è ricorso alla forza in armonia con il suo amore, la sua sapienza e la sua giustizia, che egli mostra alla perfezione. — Salmo 111:2, 3, 7; Matteo 23:37.

Per esempio Dio distrusse i malvagi nel Diluvio dopo molti anni di avvertimenti. Chiunque avrebbe potuto sopravvivere avvalendosi del provvedimento dell’arca. Solo otto persone lo fecero. (1 Pietro 3:19, 20; 2 Pietro 2:5) Ai giorni di Giosuè, Israele eseguì il giudizio di Dio sui corrotti cananei, giudizio che era stato dichiarato oltre 400 anni prima! (Genesi 15:13-21) In tutto quel tempo i cananei avrebbero potuto constatare che gli israeliti erano il popolo eletto di Dio. (Giosuè 2:9-21; 9:24-27) Eppure a parte i gabaoniti, nessuna nazione cananea ricercò la misericordia, né si valse della possibilità di chiedere la pace. I cananei scelsero di indurire il cuore contro Dio. — Giosuè 11:19, 20.

Dio ha l’autorità

Nel cercare di comprendere perché Dio usa la forza dobbiamo tener conto di una verità fondamentale che riguarda la nostra posizione dinanzi a Lui. “Noi siamo l’argilla, e tu sei il nostro Vasaio”, riconobbe umilmente il profeta Isaia. (Isaia 64:8) Ovviamente, essendo il Creatore dell’universo Dio può usare la forza come meglio desidera. Riconoscendo l’autorità di Dio, anche noi come Salomone possiamo dire: “La parola del re è il potere di dominare; e chi gli può dire: ‘Che fai?’” — Ecclesiaste 8:4; Romani 9:20, 21.

A motivo della posizione che occupa quale Creatore onnipotente, Dio ha il diritto di dare o togliere la vita. Di fatto, gli esseri umani non sono nella posizione di mettere legittimamente e sensatamente in discussione l’uso della forza da parte di Dio. L’uomo deve imparare a conformare il suo modo di pensare a quello di Dio. “Non sono le vostre vie a non essere propriamente giuste?” chiese Geova. — Ezechiele 18:29; Isaia 45:9.

Saranno il senso di giustizia e l’amore per le persone a spingere Geova a liberare la terra da coloro che abusano del potere e calpestano i diritti del prossimo con la violenza. Per tutti gli esseri umani pacifici che lo desiderano, questo atto di forza stabilirà sulla terra condizioni ideali. (Salmo 37:10, 11; Naum 1:9) In questo modo il governo di Dio sarà dichiarato giusto e sarà per sempre rivendicato. — Rivelazione (Apocalisse) 22:12-15.

[Nota in calce]

^ par. 7 Teoria e pratica della non-violenza, trad. di F. Grillenzoni e S. Calamandrei, a cura di G. Pontara, Einaudi, Torino, 1996, p. 69.