Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Perché papà ci ha lasciato?

Perché papà ci ha lasciato?

 I giovani chiedono...

Perché papà ci ha lasciato?

“Non ho mai capito veramente perché mio padre se ne sia andato. Tutto quello che so me l’ha detto mia madre”. — James. *

QUANDO un padre se ne va, spesso lascia dietro di sé dolore e amarezza. “Quando mamma e papà si divisero rimasi sconvolto”, dice il quattordicenne James, citato sopra. Quando il padre se ne va senza dare nessuna spiegazione e poi non si tiene più in contatto, può darsi che negli anni avvenire i figli debbano lottare con sensi di colpa, con la sensazione di essere stati respinti e col risentimento. *

Se tuo padre se n’è andato, forse purtroppo sai il motivo. “Papà se n’è andato per un’altra donna”, dice un ragazzo di nome Michael. “Una volta l’ho visto con lei e mi sono infuriato. Mi sono sentito come se ci avesse tradito”. A volte, però, il fatto che se ne sia andato può essere un sollievo. Melissa, che ha il padre alcolizzato, dice: “Per noi sarebbe stato peggio se fosse rimasto”.

Ma in molti casi i figli non sanno perché il padre se n’è andato e così soffrono ancora di più per la sua assenza. Magari sapevi che i tuoi avevano qualche problema, ma non ti saresti mai aspettato che si sarebbero separati. Robert ricorda: “Quando papà se ne andò, in realtà non capivo quello che stava succedendo. Tutto ciò che sapevo era che le cose andavano male perché i miei erano sempre ai ferri corti”.

Perché alcuni padri se ne vanno? Se tuo padre se n’è andato, dovresti forse pensare che ce l’abbia con te? E perché mai i tuoi genitori dovrebbero essere riluttanti a parlartene? Non ti devono una spiegazione?

Perché non ne parlano

I motivi che spingono un padre ad andarsene non sono mai piacevoli. Spesso si tratta di adulterio, comportamento riprovevole che di solito viene tenuto ben nascosto. Quando la moglie scopre una cosa del genere, può decidere di divorziare. Può addirittura chiedere al marito di andarsene prima che siano presentate le pratiche di divorzio. Forse i figli sono totalmente all’oscuro del motivo per cui tutto questo sta accadendo.

Cerca, però, di capire perché tua madre può essere restia a dirti esplicitamente cos’è  successo. Innanzi tutto, forse pensa che rivelandoti ciò che ha fatto tuo padre ti farebbe solo star male. Considera anche quanto dev’essere duro per una donna scoprire che il marito le è stato infedele. (Malachia 2:13, 14) Perciò, se il motivo per cui i tuoi genitori si sono lasciati è l’adulterio, non sorprenderti qualora tua madre ritenesse che è una faccenda troppo dolorosa per parlarne.

Che dire di tuo padre? È comprensibile che, se è stato infedele a tua madre, non ne voglia parlare con te. Alcuni uomini si sentono così in colpa per quello che hanno fatto che non riescono nemmeno ad affrontare i propri figli! Nonostante il loro comportamento vergognoso, però, molti padri continuano ad amare i figli e cercano di ristabilire i contatti con loro.

In alcuni casi il padre se ne va a motivo della condotta errata della moglie, ma cerca in ogni modo di restare vicino ai figli. Altre volte, però, la separazione non è affatto dovuta all’adulterio, ma è il risultato di anni di attriti coniugali. * (Proverbi 18:24) Dato che spesso questo avviene in privato, forse non hai la minima idea del perché litigassero.

In Proverbi 25:9 la Bibbia dice: “Perora la tua propria causa col tuo prossimo, e non rivelare il discorso confidenziale di un altro”. A volte le liti coniugali riguardano questioni private, personali. Che tu lo creda o no, probabilmente è molto meglio non sentire queste cose. Inoltre, rivelare “il discorso confidenziale” spesso peggiora la situazione. Potresti provare l’impulso di schierarti da una parte o dall’altra, solo per aggravare la rottura che c’è in famiglia. Tutto sommato, forse starai molto meglio se i tuoi genitori terranno per sé i particolari dei loro litigi.

Combatti il risentimento con la perspicacia

Comunque, è difficile non nutrire rancore e risentimento se tuo padre se n’è andato di casa e tu non sai perché. In Proverbi 19:11, però, la Bibbia osserva: “La perspicacia di un uomo certamente rallenta [non necessariamente elimina] la sua ira”. E per avere perspicacia non hai bisogno di conoscere tutti i dettagli.

Per esempio, la Bibbia ci aiuta a capire che i genitori sono imperfetti. Dice: “Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio”. (Romani 3:23) Accettando questa triste realtà sarai aiutato a vedere gli errori dei tuoi genitori nella giusta prospettiva. Se, ad esempio, tuo padre non ha tenuto fede ai voti matrimoniali ha commesso una grave mancanza e per questo deve rendere conto a Dio. (Ebrei 13:4) Ma non significa necessariamente che ce l’abbia con te o che non ti voglia bene.

Tutte le coppie sposate hanno “tribolazione nella loro carne”. (1 Corinti 7:28) E anche se questo non giustifica il loro comportamento, alcuni uomini e donne finiscono per sbagliare a causa delle pressioni di questo mondo pieno di problemi. Robert ricorda: “Papà voleva il meglio per noi. Ci portò ad abitare in un’altra zona perché pensava che lì avrebbe guadagnato di più, e così avremmo avuto una bella casa e saremmo stati felici”. Ma le sue buone intenzioni e i suoi sforzi per dare alla famiglia una vita migliore ben presto sfumarono. Robert spiega: “Papà cominciò  a saltare le adunanze cristiane. Poi perse il lavoro. Poco dopo divenne violento con mia madre e mia sorella”. In breve la cosa degenerò a tal punto che suo padre e sua madre divorziarono.

A causa dei fallimenti del padre, Robert avrebbe potuto essere molto amareggiato, ma comprendendone i motivi non si è fatto sopraffare dalla rabbia. Per quanto tragica, la fine del matrimonio dei suoi gli ha insegnato una lezione importante. Egli dice: “Quando metterò su famiglia, al primo posto verranno le cose spirituali”.

Anche Michael, menzionato in precedenza, ha dovuto lottare con sentimenti di amarezza. “Volevo ferirlo per quello che ci aveva fatto”, ammette. Ma mantenne i contatti con suo padre. Col passare del tempo, è riuscito a mettere da parte la rabbia e ad andare avanti.

Forse anche tu desideri che i rapporti con tuo padre rimangano normali il più possibile, se le circostanze lo permettono. È vero che può aver ferito sia te che tua madre, ma probabilmente non conosci tutti i fatti e, anche se sai che è colpevole, è pur sempre tuo padre. Hai l’obbligo di mostrargli almeno un certo rispetto. (Efesini 6:1-3) Quando parli con lui, evita “collera e ira e clamore e parola ingiuriosa”. (Efesini 4:31) Se possibile, resta neutrale nelle questioni private dei tuoi genitori. Rassicurando tutti e due che li ami, potrai avere buoni rapporti con entrambi.

Non è colpa tua

Vedere tuo padre che se ne va di casa è probabilmente una delle cose più dolorose che ti possano capitare. Ma anche se non saprai mai tutti i motivi che lo hanno spinto ad andarsene, non devi pensare che sia stata colpa tua. Può sembrare che ce l’abbia con te, ma di rado i matrimoni si infrangono a causa dei figli. I tuoi genitori hanno fatto voto dinanzi a Dio di stare insieme. La responsabilità di tener fede a tale voto è loro, non tua. — Ecclesiaste 5:4-6.

Ma se ti senti confuso, colpevole o responsabile, perché non ne parli con i tuoi genitori? Potrebbero aprirsi e rassicurarti in qualche modo. James, citato all’inizio, ammette: “Ho continuato a pensare che fosse colpa mia finché mia madre e mio padre non si sono seduti con me e non mi hanno parlato”. In modo simile, quando suo padre e sua madre si sono lasciati Nancy si è sentita in colpa. Dopo diverse conversazioni con la madre, Nancy è arrivata a questa conclusione: “I figli non devono sentirsi in colpa per le azioni dei loro genitori”. Lasciando che i tuoi genitori ‘portino il loro carico’ di responsabilità, non ti sentirai oberato emotivamente. (Galati 6:5) Ma cosa puoi fare ora che tuo padre non vive più con voi? Un prossimo articolo di questa rubrica darà la risposta.

[Note in calce]

^ par. 3 Alcuni nomi sono stati cambiati.

^ par. 4 Vedi la serie di articoli “Famiglie senza il padre: un circolo vizioso da interrompere”, nel numero di Svegliatevi! dell’8 febbraio 2000.

^ par. 12 La Bibbia, però, rende chiaro che la sola base scritturale per sciogliere il matrimonio e potersi risposare è la fornicazione. — Matteo 19:9.

[Immagine a pagina 15]

Non sentirti in colpa per i problemi coniugali dei tuoi genitori