Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Uno sguardo al mondo

Uno sguardo al mondo

 Uno sguardo al mondo

Il maggior consumatore di tabacco del mondo

La Cina è “il maggior produttore e consumatore di tabacco del mondo”, riferisce The Journal of the American Medical Association. “Su un miliardo e 200 milioni di cinesi, più di 300 milioni di uomini e 20 milioni di donne fumano”. Medici dell’Accademia Cinese di Medicina Preventiva e dell’Associazione Cinese per il Fumo e la Salute, a Pechino, insieme a medici dell’Occidente hanno pubblicato i risultati di un’indagine condotta in tutta la nazione su oltre 120.000 persone. La loro conclusione? La Cina si trova “nel primo stadio di un’epidemia di tabagismo” e “si prevede che almeno 50 milioni di fumatori cinesi in vita oggi moriranno prematuramente”. Dal 1984 l’età media dei cinesi che fumano la prima sigaretta è scesa di circa tre anni, da 28 a 25 anni, dice l’articolo. Solo una minoranza ha riconosciuto che il cancro del polmone e le malattie cardiache possono essere causate dal fumo.

Quando i genitori si interessano dei figli

“Ora gli scienziati dicono che affinché i figli abbiano successo nella vita i genitori devono interessarsi del loro apprendimento e dimostrarlo”, afferma il Toronto Star. Statistics Canada e Human Resources Development Canada hanno seguito congiuntamente dal 1994 lo sviluppo e la salute di 23.000 bambini canadesi dai 4 agli 11 anni. Evidentemente, la maggioranza dei genitori canadesi mostra vivo interesse per l’istruzione dei propri figli, specie nelle prime classi. L’articolo afferma che “il 95 per cento dei bambini di 10 e 11 anni dicono che in genere sono incoraggiati dai genitori ad avere un buon rendimento a scuola” e che l’87 per cento dei genitori “leggono quotidianamente insieme ai figli nei primi tre anni delle elementari”. Mary Gordon, che fa parte del Comitato Scolastico del Distretto di Toronto, dice: “Ora sappiamo che non bisogna essere ricchi o istruiti per essere buoni genitori ma che bisogna essere presenti, svegli e attenti”. Aggiunge: “È questo tipo di educazione che fa sviluppare il cervello, e deve iniziare in casa”.

Adolescenti e telefono

È risaputo che gli adolescenti usano molto il telefono. “Telefonano per divertimento o quando sono annoiati”, osserva il settimanale polacco Przyjaciółka. Molti, però, forse non considerano quanto tempo stanno al telefono o non si rendono conto di quanto costa una telefonata. Qual è il rimedio? La rivista propone di far pagare loro almeno parte della bolletta. Consiglia di rammentare agli adolescenti che “il telefono è di tutti e che anche gli altri vorrebbero usarlo ogni tanto”.

Un “pistolero” nel mondo degli insetti

“Grazie a tecniche di fotografia ultrarapida, gli scienziati hanno potuto capire meglio i meccanismi che rendono il bombardiere, un coleottero, un tiratore infallibile e dotato dell’arsenale più efficace nel mondo degli insetti”, scrive l’Independent, un giornale di Londra. Servendosi di un paio di deflettori simili a scudi che ha sulla punta dell’addome, il bombardiere può dirigere con precisione un getto di acidi caldissimi contro un potenziale nemico e soffocarlo in una frazione di secondo. Poiché è immune dagli effetti di questo liquido, può usarlo anche per difendere se stesso dirigendolo su punti specifici del proprio corpo, incluso il dorso, quando è assalito da sciami di insetti più piccoli, come ad esempio formiche. Scienziati della Cornell University, a Ithaca (New York), che hanno fotografato il coleottero in azione osservano: “Benché si sapesse che i bombardieri possono puntare il getto ruotando la punta dell’addome, era sfuggito alla nostra attenzione con quanta precisione dirigono la sostanza che secernono”.

Rabbia in cucina

“La complessità degli elettrodomestici molto sofisticati provoca esplosioni d’ira in cucina”, scrive l’Independent, un giornale di Londra. Donne di casa frustrate “scoprono di non poter scaldare una tazza di brodo nel forno a microonde, lavare un paio di calzini o usare il frullatore-sbattitore senza passare ore a leggere attentamente il manuale delle istruzioni”. Gli psicologi fanno notare che la moderna tecnologia permette di creare apparecchi con troppe funzioni, e citano il videoregistratore per indicare come si possono complicare le cose. Cary Cooper, professore di psicologia dell’Università  di Manchester, spiega: “La gente deve già fare i conti con le nuove tecnologie sul lavoro, e quando torna a casa vuole una vita più semplice che non faccia pensare al lavoro”.

Il rischio dei germogli crudi

Dopo un aumento dei casi di malattie trasmesse con gli alimenti, l’Ente americano per l’Alimentazione e i Farmaci (FDA) ha consigliato ai consumatori che vogliono ridurre il rischio di contrarre questo tipo di malattie di evitare di mangiare germogli crudi, scrive la rivista FDA Consumer. A molti piacciono i germogli di erba medica, trifoglio o legumi. Tuttavia in vari paesi è stato trovato un nesso fra questi e l’insorgenza di infezioni batteriche, fa notare il New York Times. Sono particolarmente a rischio i bambini piccoli, gli anziani e chi ha il sistema immunitario indebolito. I ricercatori hanno sperimentato vari modi per eliminare i batteri, tra cui il lavaggio dei germogli nel cloro o in soluzioni alcoliche, ma nessuno di questi è risultato completamente efficace. Hanno spiegato che “l’umidità e il tepore necessari per far germogliare i semi rappresentano le condizioni ideali per la moltiplicazione degli organismi”, afferma il quotidiano.

Le lingue di Londra

Gli alunni delle scuole di Londra parlano almeno 307 lingue, scrive il Times, un quotidiano di quella città. Il dott. Philip Baker, uno degli autori del primo sondaggio sulle lingue parlate attualmente nella città, è rimasto sorpreso dal numero. Ha detto: “Ora siamo sicuri che Londra è la città del mondo dove si parlano più lingue, ancor più che a New York”. La cifra di 307 non include centinaia di dialetti e potrebbe essere di molto inferiore a quella reale. Solo due terzi degli 850.000 alunni della città parlano inglese a casa. I gruppi di lingua straniera più numerosi vengono dal subcontinente indiano. Si parlano almeno 100 lingue africane. Solo in una scuola gli alunni parlano 58 lingue.

Un fungo sul piede di guerra!

In Germania si sta rapidamente diffondendo il piede d’atleta, una dolorosa infezione fungina delle dita e della pianta dei piedi, scrive la rivista Der Spiegel. Ne è colpito 1 tedesco su 5, e in alcuni altri paesi europei il tasso di infezione è anche più elevato. Le probabilità di prendere l’infezione sono maggiori dove la gente cammina a piedi scalzi in spazi chiusi, come saune, piscine o anche alcuni edifici religiosi. Dato che le spore del fungo sono molto resistenti, le macchine che spruzzano disinfettanti per i piedi o le vaschette — dove il disinfettante ha solo pochi secondi per agire — spesso facilitano la diffusione del piede d’atleta anziché impedirla. Come proteggere i piedi? Hans-Jürgen Tietz, specialista in materia, suggerisce di usare ciabatte di gomma in tutti i luoghi dove cammina altra gente. È molto importante mantenere i piedi asciutti. Asciugarli bene, specie fra le dita, impedisce ai funghi di stabilirsi e moltiplicarsi.

Dissalazione dell’acqua di mare

Secondo quanto riferisce il quotidiano The Australian, un impianto di dissalazione su una piccola isola al largo dell’Australia Meridionale sta trasformando l’acqua di mare in acqua potabile. Benché il processo della dissalazione non sia una cosa nuova, “questa tecnologia è stata accolta come un importante passo avanti perché non richiede l’impiego di sostanze chimiche”, dichiara l’articolo. Per l’approvvigionamento idrico dei 400 abitanti di Penneshaw, sull’Isola dei Canguri, “si prende l’acqua dall’oceano e la si fa passare ad alta pressione attraverso una membrana per separare il sale. Il concentrato di sale può quindi essere rimesso tranquillamente in mare”. Ci sono grandi aspettative per un più largo impiego del nuovo sistema, che è costoso, ma non quanto quelli tradizionali, dice l’Australian.

“È in riunione”

È stato condotto un sondaggio fra 148 segretarie che lavorano per dirigenti di grandi società e il 47 per cento di esse ha detto che a volte il principale aveva chiesto loro di dire bugie, scrive il Wall Street Journal. Una segretaria del Texas, assistente di marketing, ha detto che, per conservare l’impiego per 30 anni, ha dovuto dire a chi chiamava che il principale era “in riunione” anche quando era in ufficio da solo. Alcune bugie possono avere effetti particolarmente esplosivi, come dire a una moglie che non si sa dove sia il marito. Una segretaria è stata licenziata per aver detto a chi telefonava la verità, cioè che un assegno che doveva essere già stato spedito in effetti era ancora lì.