Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

È ora di comprare un letto nuovo?

È ora di comprare un letto nuovo?

 È ora di comprare un letto nuovo?

Dal corrispondente di Svegliatevi! in Gran Bretagna

Vi capita spesso di passare la notte in bianco, di girarvi e rigirarvi nel letto in cerca di una posizione confortevole, per poi svegliarvi al mattino tutti indolenziti e doloranti? In tal caso, forse il problema è il letto.

QUESTO mobile può esservi amico o nemico. Se vivete in un paese in cui si usa il letto, probabilmente su di esso passerete un terzo della vostra vita, ma il letto non durerà in eterno. Il vostro sta funzionando a dovere?

Vi serve un letto nuovo?

Normalmente un letto è efficiente per circa 10 anni. Forse durerà meno nel caso di chi è piuttosto pesante. Tenete anche conto del fatto che i gusti e le esigenze cambiano con il passare degli anni. Nel decidere se vi serve un letto nuovo, chiedetevi: ‘Mi sveglio con il torcicollo e col mal di schiena? Il letto è troppo piccolo? Sento qualche molla o qualche sporgenza? Sento dei cigolii quando mi muovo? Io e il mio coniuge scivoliamo l’uno verso l’altro senza volerlo? La rete del letto è instabile o infossata? I piedi e le rotelle sono consumati?’ Dalla risposta a queste domande vi renderete conto se è ora di comprare un letto nuovo.

Come dev’essere un buon letto?

Un buon letto dev’essere comodo e fornirvi un sostegno adeguato, oltre a soddisfare le vostre particolari esigenze e i vostri gusti. La maggior parte dei letti sono costituiti da un materasso e una base su cui esso poggia, ma il segreto del comfort sta nel materasso. Si compone di varie parti. Per prima cosa c’è la fodera o traliccio, l’involucro esterno. Ci sono poi strati di imbottitura che ammortizzano il peso e consentono all’umidità del corpo di evaporare. La terza parte, che provvede sostegno e stabilità, contiene di solito molle a spirale in acciaio temprato. Ci sono vari tipi di supporto interno, ma in linea generale più molle ci sono e più il filo metallico di cui queste sono fatte è spesso, migliore sarà il supporto. Oggi come alternativa molti scelgono il materasso in poliuretano espanso o in schiuma di latice, più leggero di quello a molle.

Ma un buon materasso funziona bene solo con una rete adatta, di solito quella per la quale è stato progettato. Il divano letto viene spesso venduto con materasso e rete abbinati. Il suo piano di giacitura a mo’ di cassa funge da grosso ammortizzatore e consente al materasso di traspirare e quindi di durare molto più a lungo. Oppure si può optare per la rete. Questa normalmente è a doghe ed è aperta nella parte inferiore, permettendo al materasso a  cui è abbinata di avere una buona aerazione. Le doghe rigide rendono duro il piano di giacitura, mentre quelle elastiche sono più flessibili.

Scegliere il letto giusto

Cosa dovreste tenere presente quando acquistate un letto? Un letto usato avrà assorbito il sudore e le squame cutanee di altre persone e potrebbe essere pieno di acari della polvere, che provocano reazioni allergiche, asma o eczema. Forse non è neanche conforme agli standard sanitari o di sicurezza.

Prima di fare il giro dei negozi per comprare un letto nuovo è bene che stabiliate le cose più importanti: prezzo, esigenze sanitarie, dimensioni. Prendetevi il tempo di andare nei negozi che hanno un buon nome e chiedete tutte le informazioni che potete su ogni letto o materasso. Dato che un letto è piuttosto costoso, non fatevi indurre a prendere una decisione affrettata.

Se siete stanchi, forse sarà più difficile fare la scelta giusta. Indossate indumenti comodi e non vergognatevi di provare il letto. Toglietevi il cappotto e le scarpe e sdraiatevi su ciascun letto per alcuni minuti. Provate diverse posizioni, facendo attenzione soprattutto a come poggiano le spalle, le anche e la parte bassa della schiena. — Vedi il riquadro qui sotto.

Manutenzione del letto

Avendo cura del letto lo farete durare più a lungo. Fatevi consigliare da qualcuno addetto alle vendite e leggete con calma le istruzioni per la manutenzione. Quando portate a casa il letto nuovo, togliete al più presto l’involucro di polietilene. In questo modo non si formerà  la condensa, che può provocare umidità, muffa e marciume. Ecco altri suggerimenti.

● Se avete un materasso a molle nuovo, nei primi mesi ruotatelo e rivoltatelo ogni una o due settimane e in seguito ogni tre mesi. Questo permetterà alle imbottiture di assestarsi e assicurerà un’usura omogenea. Se avete problemi alla schiena è indicato un materasso di gommapiuma, perché può non essere necessario girarlo periodicamente.

● Evitate sempre di piegare, arrotolare o comprimere il materasso. Per non danneggiarne il tessuto, usate le maniglie solo per metterlo in posizione e non per sostenerne tutto il peso.

● Ogni mattina scoprite il letto per almeno 20 minuti in modo da aerarlo e far evaporare l’umidità emessa dal corpo.

● Tenete pulito il materasso usando un coprimaterasso lavabile. Passate regolarmente l’aspirapolvere sul materasso e sulla rete per rimuovere la lanugine e la polvere, e in caso di macchie lavate subito con sapone neutro e acqua fresca.

● Cercate di non sedervi ogni volta nello stesso punto sull’orlo del materasso. Non permettete ai bambini o a chiunque altro di saltare sul letto.

Il letto è molto più di un investimento in denaro. In esso investite un terzo della vostra vita e questo può influire notevolmente sugli altri due terzi. Se sceglierete bene il vostro ‘sostegno’ e ne avrete cura, esso avrà cura di voi.

[Riquadro a pagina 22]

Qual è il letto che fa per voi?

Comodità e sostegno adeguato. Per andare bene un materasso non dev’essere duro come una tavola. Si ritiene, infatti, che un letto troppo duro possa aggravare i problemi alla schiena. Lasciate che sia il corpo a dirvi cos’è meglio per voi. Sdraiatevi sulla schiena. Se riuscite a far scivolare la mano nella curva della schiena e a tenerla comodamente lì e se riuscite a girarvi facilmente, allora il materasso è più o meno della consistenza giusta per voi. Quando dormite su un fianco, un materasso che fornisca un buon appoggio deve far rimanere diritta la colonna vertebrale. Chi è piuttosto pesante ha bisogno di un letto più duro.

Dimensioni. Scegliete un letto che vi lasci libertà di movimento. Se due persone dormono insieme, tenete presente che in un letto a una piazza e mezzo due adulti hanno lo stesso spazio di un bambino nella culla.

Abbinamento. Se possibile, per stare comodi e avere un sostegno adeguato comprate materasso e rete che siano abbinati e progettati per essere usati insieme. Una rete vecchia può danneggiare un materasso nuovo e invalidarne la garanzia.

Valore. Spesso la qualità si paga, quindi comprate il miglior letto che potete permettervi.

Spazio. Se avete poco spazio potreste prendere in considerazione un mobile letto o un letto a scomparsa, che si ripiega dentro un mobile. Un’altra possibilità è il futon, un materasso a falde sovrapposte in cotone cardato che di notte viene srotolato rapidamente sul pavimento. I futon si vendono anche come divani letto con il telaio a doghe intercambiabili.

Problemi di salute. Se nel letto tradizionale state scomodi, un letto regolabile vi permetterà di assumere diverse posizioni. Un letto con il materasso ad acqua sostiene il peso del corpo distribuendolo uniformemente e può alleviare il disagio causato dai punti di pressione.

Allergie. Se siete allergici alla polvere o alle imbottiture naturali, forse potreste scegliere un materasso di gommapiuma o fibre sintetiche. Va anche notato che in un letto con la rete a doghe o con il materasso ad acqua gli allergeni non si accumulano facilmente.

Persone anziane. Accertatevi di poter poggiare per terra la pianta dei piedi quando state seduti sulla sponda del letto. Una rete dal bordo rigido vi renderà più facile entrare e uscire dal letto da seduti.

[Riquadro a pagina 23]

Per dormire sicuri

▪ Indossate indumenti non infiammabili.

▪ Assicuratevi che il letto sia lontano da fonti di calore e stufe.

▪ Se usate una termocoperta, controllate spesso che il tessuto non sia logoro, che non ci siano incrinature o bruciature e che il filo elettrico non sia consumato. Non usate mai la termocoperta quando è umida, ma lasciatela asciugare. Quando è accesa, non metteteci sopra roba pesante.

▪ Non riempite la borsa dell’acqua calda di acqua bollente e non usatela con la termocoperta. Toglietela prima che un bambino si metta a letto.

[Diagramma a pagina 23]

(Per la corretta impaginazione, vedi l’edizione stampata)

Fodera o traliccio

Imbottitura trapuntata

Microimbottitura

Trapunti

Strati di imbottitura

Supporto interno

Gommapiuma

Molle continue

Molle indipendenti

Molle col sistema a box

[Fonte]

Riproduzione per gentile concessione dello Sleep Council

[Fonte dell’immagine a pagina 21]

Riproduzione per gentile concessione dello Sleep Council