Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Perché i miei amici mi fanno soffrire?

Perché i miei amici mi fanno soffrire?

 I giovani chiedono...

Perché i miei amici mi fanno soffrire?

“Avevo delle amiche . . . Poi loro fecero amicizia con un’altra ragazza e se mi avvicinavo smettevano di parlare. . . . Cominciarono a escludermi da tutto. Ne soffrii molto”. — Karen. *

PUÒ succedere ai migliori amici. Un giorno due persone sono inseparabili; il giorno dopo non si rivolgono nemmeno il saluto. “Un’amica dovrebbe essere una persona di cui ti puoi fidare, a cui ti puoi rivolgere in qualsiasi circostanza”, dice Nora, una diciassettenne. A volte, però, i migliori amici possono cominciare a comportarsi come i peggiori nemici.

Quando l’amicizia si guasta

Cosa fa sì che una bella amicizia si guasti? Per Sandra i problemi iniziarono quando prestò una delle sue magliette preferite alla sua amica Megan. “Quando me la restituì”, dice Sandra, “era sporca e c’era un piccolo strappo sulla manica. Lei non mi disse niente, pensando che non me ne sarei accorta”. Che effetto ebbe su Sandra la mancanza di considerazione di Megan? “Mi fece andare su tutte le furie”, dice. “La presi come una mancanza di rispetto per le mie cose . . . o per i miei sentimenti”.

Si può essere feriti anche quando un intimo amico fa o dice qualcosa che ci mette in imbarazzo. Questo è ciò che accadde a Cindy quando confidò a un gruppo di compagne di non avere ancora letto il libro su cui doveva fare una relazione. All’improvviso la sua amica Kate cominciò a criticarla. “Mi mise in imbarazzo di fronte a un gruppo di nostre amiche”, ricorda Cindy. “Questo mi mandò in bestia. Da allora le cose fra noi non sono più state le stesse”.

A volte si crea una frattura quando un nostro amico comincia a frequentare altre amicizie. “Avevo una cara amica che entrò a far parte di questo gruppetto”, dice Bonnie, una ragazza di 13 anni. “Da allora cominciò a snobbarmi”. Oppure potresti accorgerti che un tuo amico o una tua amica ha dei secondi fini per voler stare insieme a te. “Bobby ed io eravamo buoni amici”, dice Joe, che ha 13 anni. “Credevo che si trovasse bene con me, ma scoprii che gli interessavo solo perché mio padre lavora in campo pubblicitario e riusciva sempre a procurarci i biglietti per la partita o per qualche concerto”. Come si sente Joe  adesso? “Non mi fiderò mai più di Bobby!”, dice.

A volte capita che un amico divulghi informazioni che avresti voluto rimanessero confidenziali. Allison, per esempio, parlò con la sua amica Sara di un problema personale di una collega. Il giorno dopo Sara menzionò la cosa di fronte alla collega. “Non avrei mai immaginato che avesse la lingua così lunga!”, dice Allison. “Mi arrabbiai da morire”. Anche Rachel, che ha 16 anni, ebbe un’esperienza del genere quando una sua amica raccontò ad altri una cosa di cui avevano parlato in privato. “Mi sentii in imbarazzo e tradita”, dice Rachel. “Pensai tra me e me: ‘Come faccio da ora in poi a fidarmi di lei?’”

Un’amicizia può essere fonte di sostegno emotivo, specialmente quando vi sono interesse, fiducia e rispetto reciproci. Ma anche le amicizie più strette possono attraversare momenti difficili. La Bibbia osserva onestamente: “Esistono compagni disposti a spezzarsi l’un l’altro”. (Proverbi 18:24) Qualunque sia la causa, sentirsi traditi da un amico o da un’amica può essere devastante. Perché succede una cosa del genere?

Perché le amicizie vacillano

Nessuna relazione umana, tra giovani o tra adulti, è esente da problemi. Dopo tutto, il discepolo cristiano Giacomo scrisse: “Tutti inciampiamo molte volte. Se uno non inciampa in parola, questi è un uomo perfetto, capace di tenere a freno anche l’intero corpo”. (Giacomo 3:2; 1 Giovanni 1:8) Visto che tutti sbagliamo, è inevitabile che prima o poi un tuo amico faccia o dica qualcosa che ti ferisce. D’altra parte, forse anche tu ricordi qualche occasione in cui hai fatto soffrire quella persona. (Ecclesiaste 7:22) “Siamo tutti imperfetti, e di tanto in tanto ci prendiamo per il verso sbagliato”, dice Lisa, che ha 20 anni.

Oltre all’imperfezione, possono entrare in gioco altri fattori. Ricorda che, man mano che cresci e maturi, i tuoi interessi cambiano, e lo stesso vale per i tuoi amici. Pertanto, due persone che un tempo avevano molte cose in comune possono riscontrare di diventare lentamente ma inesorabilmente sempre più lontane. Un’adolescente, lamentandosi della sua migliore amica, disse: “Non ci telefoniamo più molto spesso, e quando parliamo non ci troviamo più d’accordo quasi su nulla”.

Naturalmente, allontanarsi gradualmente è un conto, ma perché alcuni fanno soffrire i propri amici? Spesso c’è di mezzo la gelosia. Per esempio, può darsi che un tuo amico cominci a ingelosirsi per le tue capacità o per i risultati che ottieni. (Confronta Genesi 37:4; 1 Samuele 18:7-9). La Bibbia dice che “la gelosia è marciume alle ossa”. (Proverbi 14:30) Fa nascere invidia e contese. Qualunque ne sia la causa, cosa puoi fare se un amico ti ferisce?

Riaggiustare le cose

“Per prima cosa”, dice Rachel, “osserverei la persona e cercherei di capire se ha agito in maniera premeditata”. Quando ti senti offeso da qualcosa che altri hanno detto o fatto, non reagire d’istinto. Sii paziente, invece, e ragiona. (Proverbi 14:29) Se reagisci impulsivamente a quella che consideri un’offesa migliorerai davvero la situazione? Dopo aver valutato le cose, può darsi che tu decida di seguire il consiglio di Salmo 4:4: “Agitatevi, ma non peccate. Abbiate il vostro dire nel vostro cuore sul vostro letto, e tacete”. Dopo di che potresti decidere di lasciare che ‘l’amore copra una moltitudine di peccati’. — 1 Pietro 4:8.

Ma che dire se senti di non poter semplicemente passar sopra all’accaduto? In tal caso, la cosa migliore sarebbe avvicinare la persona. “Trovatevi, voi due da soli, e parlate di ciò che è accaduto”, dice un tredicenne di nome Frank. “Se non fate così, coverete rancore”. Susan, che ha 16 anni, è dello stesso avviso. “La cosa migliore”, dice, “è dire alla persona che vi fidavate di lei e che siete rimasti delusi”. Anche Jacqueline preferisce risolvere i problemi parlando con la persona. “Cerco di affrontare la questione”, dice. “Di solito la persona risponde con franchezza e il problema si risolve su due piedi”.

 Naturalmente, devi evitare di parlare con il tuo amico quando sei adirato. La Bibbia dice: “L’uomo infuriato suscita contesa, ma chi è lento all’ira acquieta la lite”. (Proverbi 15:18) Perciò prima di cercare di risolvere il problema aspetta di aver riacquistato la calma. “Sulle prime vai su tutte le furie”, ammette Lisa, “ma devi lasciar sbollire la rabbia. Aspetta che ti passi l’arrabbiatura. Poi puoi andare dalla persona per discutere pacificamente della cosa”.

Il segreto sta nella parola “pacificamente”. Ricorda che il tuo obiettivo non è quello di dare una bella lezione al tuo amico o alla tua amica, ma di risolvere il problema in maniera amichevole e, se possibile, di tornare ad essere amici. (Salmo 34:14) Perciò, parla con il cuore in mano. Lisa suggerisce di dire qualcosa del tipo: “Io ti considero un’amica, e spero che tu faccia altrettanto, ma devo sapere che cosa è successo”. “Devi capire perché la persona si è comportata in quel modo. Una volta che l’hai capito, di solito non è difficile regolarsi di conseguenza”.

Sarebbe sicuramente sbagliato che tu cercassi di rendere pan per focaccia, magari spettegolando sul conto di quella persona e cercando di tirare altri dalla tua parte. L’apostolo cristiano Paolo scrisse ai romani: “Non rendete a nessuno male per male”. (Romani 12:17) In realtà, per quanto tu ti possa sentire ferito, rendendo pan per focaccia non faresti che peggiorare le cose. “Non vale la pena di vendicarsi”, dice Nora, “perché si rovina l’amicizia per sempre”. Anzi, dice che se fai del tuo meglio per fare la pace “ti senti meglio con te stesso”.

E se il tuo amico o la tua amica non risponde ai tuoi tentativi di riconciliazione? In tal caso, ricorda che esistono vari gradi di amicizia. “Non tutti gli amici sono amici intimi”, dice Judith McCleese, consulente familiare. “Impara che ci possono essere vari tipi di rapporto”. Comunque sia, può esserti di conforto sapere che tu hai fatto la tua parte per ristabilire la pace. L’apostolo Paolo scrisse: “Se possibile, per quanto dipende da voi, siate pacifici con tutti gli uomini”. — Romani 12:18.

Anche nelle migliori amicizie ci sarà qualche burrasca. Se riesci a superare la burrasca senza perdere il rispetto per gli altri o per te stesso, sei sulla buona strada per diventare un adulto maturo. Anche se ci sono individui “disposti a spezzarsi l’un l’altro”, la Bibbia ci assicura anche che “esiste un amico che si tiene più stretto di un fratello”. — Proverbi 18:24.

[Nota in calce]

^ par. 3 Alcuni nomi sono stati cambiati.

[Immagini a pagina 15]

Parlando di ciò che è accaduto puoi evitare che l’amicizia si rovini