Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Come posso evitare i pericoli su Internet?

Come posso evitare i pericoli su Internet?

 I giovani chiedono...

Come posso evitare i pericoli su Internet?

IMMAGINA di trovarti nella più grande biblioteca che esista. Sei circondato da libri, giornali, cataloghi, fotografie e registrazioni di tutti i tipi e praticamente su ogni argomento. Hai a portata di mano informazioni recenti, nonché gran parte della letteratura dei secoli passati.

Queste informazioni possono essere alla tua portata grazie a Internet. Internet permette di starsene seduti davanti al proprio computer e scambiare informazioni con altri computer e utenti di computer in qualsiasi parte del mondo. * Consente agli utenti di vendere prodotti, fare acquisti, effettuare operazioni bancarie, conversare, ascoltare le novità musicali: tutto nell’intimità delle mura domestiche.

Non c’è da stupirsi, quindi, se gli esperti prevedono che entro la fine di quest’anno più di 320 milioni di persone useranno Internet. In molte parti del mondo Internet è entrata nell’immaginario collettivo. Grazie alla propaganda martellante di scuole e biblioteche, vi accedono milioni di ragazzi. Negli Stati Uniti quasi il 65 per cento dei giovani tra i 12 e i 19 anni ha già fatto uso o si è abbonato a servizi on-line.

Se usata debitamente, Internet può essere una fonte di informazioni utili su condizioni meteorologiche, viaggi e altri argomenti. Attraverso Internet si possono comprare libri, pezzi di ricambio d’automobile e altri articoli. Molti la usano per fare i compiti di scuola.

Benché Internet possa risultare utile, può anche somigliare a una biblioteca senza bibliotecari o altro personale addetto alla sorveglianza. Vi si può accedere sapendo che non c’è nessuno a controllare. Ma questo è uno dei pericoli più grossi di Internet. Perché? Perché un’infinità di siti Web contengono materiale moralmente corrotto e spiritualmente deleterio. Quindi Internet può esporre i giovani cristiani a certe tentazioni. Dopo tutto, l’uomo è curioso per natura e la curiosità è una caratteristica che Satana il Diavolo sfrutta da tempo. Senz’altro Satana approfittò della curiosità di Eva e ‘con la sua astuzia la sedusse’. — 2 Corinti 11:3.

Analogamente, se non è determinato a proteggere la propria spiritualità un giovane cristiano potrebbe facilmente lasciarsi sedurre da materiale corrotto. Un articolo di Better  Homes and Gardens spiega: “Internet è una frontiera piena di attività in cui ricercatori di talento diffondono le ultime scoperte; ma per il ciberspazio si aggirano anche pedofili, imbroglioni, bigotti e altri individui rivoltanti”.

Un ragazzo di nome Javier * dice: “Alcuni siti Web sono sconcertanti. Possono saltar fuori senza preavviso”. E aggiunge: “Cercano di prenderti in trappola. Vogliono adescarti per spillarti denaro”. Un giovane cristiano di nome John ammette: “Quando inizi a guardare roba indecente non è facile smettere. Dà assuefazione”. Alcuni giovani cristiani hanno visitato siti Web immorali e per questo sono finiti in guai più seri. Alcuni hanno perfino rovinato la loro amicizia con Geova. Come si può evitare questo?

“Vedere ciò che è inutile”

A volte un indirizzo Web indica che il sito contiene materiale discutibile. * Proverbi 22:3 avverte: “Accorto è chi ha visto la calamità e va a nascondersi, ma gli inesperti son passati oltre e devono subire la pena”.

Più frequentemente, però, capita di incappare per puro caso in questi siti discutibili. La home page può contenere immagini sconce preparate appositamente per invogliarti a esplorare il sito e a ritornarvi più volte! *

Kevin racconta ciò che è successo a un suo amico: “Aveva tempo da perdere ed era curioso. Ben presto prese l’abitudine di vedere materiale pornografico”. Meno male che questo giovane cristiano si rivolse a un anziano e fu aiutato.

Hai deciso cosa fare se ti imbatti in un sito del genere? Ciò che un cristiano dovrebbe fare è chiaro: Lasciare immediatamente il sito, o addirittura chiudere il browser! Imita il salmista che pregò dicendo: “Fa passare i miei occhi dal vedere ciò che è inutile”. (Salmo 119:37; confronta Giobbe 31:1). Ricorda che anche se non c’è nessun altro essere umano che ci controlla, qualcuno ci osserva. La Bibbia ci rammenta che tutte le cose sono “apertamente esposte agli occhi di colui al quale dobbiamo rendere conto”. — Ebrei 4:13.

Parlando con i tuoi genitori o con altri cristiani maturi puoi rafforzare la tua determinazione di non rivisitare siti deleteri. Dopo tutto, se cadessi nelle sabbie mobili aspetteresti forse di affondare fino al collo prima di chiedere aiuto?

E le compagnie on-line?

Le “chat” permettono a utenti di tutto il mondo di comunicare istantaneamente l’uno con l’altro. Le aziende le usano per tenere conferenze on-line e per fornire servizi alla clientela. Alcune “chat room” consentono agli utenti di scambiarsi informazioni tecniche su come riparare l’auto o programmare un computer. Alcuni tipi di “chat” permettono ad amici e familiari di comunicare fra loro senza spendere cifre astronomiche in telefonate interurbane. Anche se questo mezzo si può usare in maniera legittima, c’è qualche pericolo?

Quando si ha a che fare con “chat room” pubbliche bisogna essere davvero cauti, perché possono annidarsi certi pericoli. La scrittrice Leah Rozen ha osservato: “Gli adolescenti patiti del computer dedicano ore a conversare on-line con sconosciuti di tutto il paese e anche di tutto il mondo. Purtroppo, alcuni di questi sconosciuti che parlano  con loro si rivelano adulti pervertiti in cerca di incontri sessuali con bambini”. Un articolo di Popular Mechanics invitava a “prestare la massima attenzione” nell’usare “chat room” pubbliche. Dando il tuo nome o il tuo indirizzo a uno sconosciuto potresti cacciarti in guai seri! Perché esporsi a questo pericolo?

Un pericolo più subdolo, comunque, consiste nell’allacciare amicizie non appropriate con estranei che non rispettano i princìpi biblici. * I ricercatori dicono che nelle “chat room” buona parte delle conversazioni fra adolescenti sono imperniate sul sesso. È quindi appropriato il consiglio che la Bibbia dà in 1 Corinti 15:33: “Non siate sviati. Le cattive compagnie corrompono le utili abitudini”. Le cattive compagnie che si trovano tramite reti telematiche sono pericolose. Dovrebbe un giovane timorato di Dio esporsi sconsideratamente a rischi del genere?

Come proteggersi

Alla luce dei pericoli che comporta, Internet va usata con cautela. Alcune famiglie, ad esempio, mettono il computer in una parte della casa a cui tutti possono accedere, come il soggiorno. Forse stabiliscono anche che Internet venga usata solo quando sono a casa altri. Se i tuoi genitori impongono queste restrizioni, collabora. (Proverbi 1:8) Regole precise sono una dimostrazione di amore.

Se per fare i compiti devi usare Internet, perché non prendi nota del tempo che trascorri on-line? Cerca di stabilire in anticipo la durata del collegamento, usando una sveglia che ti segnali quando il tempo è scaduto. Tom suggerisce: “Fai un programma, sforzati di sapere esattamente cosa cercare e attieniti al programma, non importa quanto sembrano interessanti altre cose”.

Bisogna anche essere cauti con l’E-mail. I giovani cristiani stanno attenti a non perdersi dietro a una gran mole di posta elettronica, specie se si tratta di informazioni frivole o dubbie. L’uso eccessivo dell’E-mail può far perdere tempo prezioso che dovrebbe essere dedicato ai compiti di scuola e alle attività spirituali.

Il re Salomone disse: “Al fare molti libri non c’è fine, e la molta dedizione ad essi è faticosa per la carne”. (Ecclesiaste 12:12) Queste parole si possono applicare bene a Internet. Non farti prendere dalla smania di raccogliere dati e cifre al punto di trascurare lo studio personale, lo studio della Bibbia e il ministero cristiano. (Matteo 24:14; Giovanni 17:3; Efesini 5:15, 16) Ricorda anche questo: benché la comunicazione attraverso il computer abbia la sua utilità, niente può sostituire il contatto diretto con i conservi cristiani. Perciò, se hai davvero bisogno di usare Internet, cerca di essere deciso a farne saggio uso. Evita i siti pericolosi e non stare troppo tempo on-line. “Salvaguarda il tuo cuore” e non diventare mai schiavo di Internet. — Proverbi 4:23.

[Note in calce]

^ par. 4 Vedi la serie di articoli “Internet: Fa per voi?”, apparsa nel numero di Svegliatevi! del 22 luglio 1997.

^ par. 9 Alcuni nomi sono stati cambiati.

^ par. 11 L’indirizzo Web consiste in una serie di caratteri che permettono di accedere al sito Web. Talvolta nell’indirizzo ci sono parole che indicano lo scopo del sito.

^ par. 12 La home page è come una vetrina elettronica. Spiega cosa offre il sito, chi lo ha creato, ecc.

^ par. 19 Tali pericoli possono esistere in “chat room” pubbliche create da cristiani ben intenzionati allo scopo di trattare argomenti di natura spirituale. A volte malintenzionati e apostati si sono inseriti nelle conversazioni e hanno tentato insidiosamente di persuadere altri ad accettare le loro idee antiscritturali.

[Testo in evidenza a pagina 20]

“Alcuni siti Web sono sconcertanti. Possono saltar fuori senza preavviso”

[Immagine a pagina 21]

Alcune famiglie tengono il personal computer in un luogo a cui tutti possono accedere