Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Pionieri della medicina

Pionieri della medicina

 Pionieri della medicina

ALL’ETÀ di 61 anni José, un belga che vive nella piccola cittadina di Oupeye, si è sentito dire che aveva bisogno di un trapianto di fegato. “È stata la cosa più scioccante che mi sia mai capitata”, dice. Solo quarant’anni fa i trapianti di fegato erano fantascienza. Ancora negli anni ’70 il tasso di sopravvivenza era solo del 30 per cento circa. Oggi invece i trapianti di fegato sono all’ordine del giorno, e la percentuale di successi è aumentata molto.

C’è però ancora un grosso problema. I trapianti di fegato spesso comportano un esteso sanguinamento, perciò in genere i medici durante l’intervento ricorrono alle emotrasfusioni. A motivo delle sue convinzioni religiose José non voleva il sangue. Tuttavia voleva il trapianto. Impossibile? Qualcuno potrebbe pensare di sì. Ma il primario di chirurgia riteneva che lui e la sua équipe avessero buone possibilità di portare a termine l’intervento senza sangue. E questo è proprio quanto hanno fatto! Dopo soli 25 giorni dall’intervento José era di nuovo a casa insieme alla moglie e alla figlia. *

Grazie all’abilità di quelli che la rivista Time definisce “eroi della medicina”, oggi la medicina e la chirurgia senza sangue sono più diffuse che mai. Ma perché sono così richieste? Per rispondere, esaminiamo la tormentata storia delle trasfusioni di sangue.

[Nota in calce]

^ par. 3 I testimoni di Geova considerano i trapianti d’organo una questione di coscienza su cui ciascuno decide personalmente.

[Immagine a pagina 3]

In tutto il mondo ci sono attualmente più di 90.000 medici che si sono dichiarati disposti a curare i testimoni di Geova senza sangue