Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

 LEZIONE 12

Com’è organizzata la nostra opera di predicazione?

Com’è organizzata la nostra opera di predicazione?

Spagna

Bielorussia

Hong Kong

Perú

Poco prima della sua morte Gesù dichiarò: “Questa buona notizia del Regno sarà predicata in tutta la terra abitata, perché sia resa testimonianza a tutte le nazioni, e allora verrà la fine” (Matteo 24:14). Ma come sarebbe stata compiuta quest’opera mondiale di predicazione? Seguendo l’esempio che Gesù lasciò quando era sulla terra (Luca 8:1).

Cerchiamo di contattare le persone a casa loro. Gesù insegnò ai discepoli a predicare la buona notizia di casa in casa (Matteo 10:11-13; Atti 5:42; 20:20). A quegli evangelizzatori del I secolo furono assegnate delle zone precise in cui predicare (Matteo 10:5, 6; 2 Corinti 10:13). Anche oggi la nostra opera è ben organizzata, e ogni congregazione riceve un territorio specifico da curare. Questo ci permette di ubbidire al comando di Gesù di “predicare al popolo e di testimoniare in modo completo” (Atti 10:42).

Cerchiamo di parlare con le persone dovunque si trovino. Gesù ci diede l’esempio predicando anche in luoghi pubblici, come lungo la riva del mare o presso un pozzo (Marco 4:1; Giovanni 4:5-15). Anche noi iniziamo conversazioni con le persone su argomenti biblici dovunque sia possibile: per strada, nei negozi, nei parchi o per telefono. Predichiamo inoltre a vicini, colleghi, compagni di scuola e parenti ogni volta che ci si presenta l’occasione adatta. Tutto questo permette a milioni di persone in ogni parte del mondo di udire “la buona notizia della [...] salvezza” (Salmo 96:2).

C’è qualcuno a cui vorresti parlare della buona notizia del Regno di Dio e di ciò che può significare per lui? Non tenere questo messaggio di speranza tutto per te. Parlane ad altri non appena puoi!

  • Quale “buona notizia” deve essere proclamata?

  • Sotto quali aspetti i Testimoni di Geova imitano Gesù nell’opera di predicazione?