Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente all’indice

Perché voglio sempre essere perfetto?

Perché voglio sempre essere perfetto?

 CAPITOLO 27

Perché voglio sempre essere perfetto?

Ti sconvolge non prendere il massimo dei voti in un compito o in un’interrogazione?

□ Sì

□ No

Ogni volta che ricevi una critica ti senti un totale fallimento?

□ Sì

□ No

Ti è difficile stringere e mantenere un’amicizia perché nessuno sembra essere alla tua altezza?

□ Sì

□ No

SE HAI risposto sì a una o più delle domande qui sopra, forse hai un problema: il perfezionismo. ‘Ma che male c’è a voler fare le cose per bene?’, potresti chiedere. Ovviamente non c’è nulla di male. La Bibbia elogia l’uomo che è “abile nel suo lavoro”. (Proverbi 22:29) Il perfezionista, però, esagera.

Per esempio Jason, che ha 19 anni, ammette: “Nell’ultimo anno di scuola pensavo che se non avessi sempre ottenuto il  massimo dei voti non sarei stato affatto un bravo studente. Inoltre suono il piano e credevo di dover suonare come un concertista”.

Il perfezionismo potrebbe addirittura essere un intralcio nell’adorazione. Pensa a cosa può succedere a un ragazzo che viene costantemente proposto come modello da imitare. Essendo sempre sotto i riflettori, potrebbe sentirsi come se camminasse in bilico su una fune, con gli occhi di tutti puntati addosso. Naturalmente i cristiani, sia giovani che anziani, traggono beneficio dai buoni esempi che vedono nella congregazione. Ciò nonostante, nel tentativo affannoso di mantenere un’immagine perfetta, un ragazzo può perdere la gioia nel servire Dio. Se accade, questo ragazzo ha bisogno di chiedere aiuto. Tuttavia potrebbe non farlo per paura di deludere coloro che lo stimano così tanto. Potrebbe addirittura essere tentato di lasciar perdere tutto, pensando che, se non è in grado di raggiungere la perfezione, non vale nemmeno la pena tentare.

Combatti il perfezionismo

Il perfezionista vive nell’illusione che non si dovrebbero mai fare errori. Questo punto di vista, però, presenta un vizio di fondo. La Bibbia è molto chiara: “Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio”. (Romani 3:23) Quindi, nessuno di noi può essere perfetto in senso assoluto. L’idea  di riuscire a fare le cose alla perfezione è assurda come l’idea di poter volare. Anche se tu credessi di poterci riuscire, è semplicemente impossibile.

Come puoi evitare di farti ossessionare dal perfezionismo? Prova a fare così:

Rivedi il tuo concetto di “successo”. Ti stai esaurendo nel tentativo di essere il migliore? La Bibbia paragona uno sforzo del genere a “cercare di afferrare il vento”. (Ecclesiaste 4:4, La Nuova Diodati) Il fatto è che sono in pochi a risultare “i migliori”. E anche se qualcuno ce la fa, in genere è solo questione di tempo: prima o poi arriva qualcun altro migliore di lui. Avere successo significa fare del proprio meglio, non fare meglio degli altri. — Galati 6:4.

Sii realista. Le tue aspettative dovrebbero essere proporzionate non solo alle tue capacità ma anche ai tuoi limiti. Puntare troppo in alto può essere segno di immodestia, addirittura  di egotismo. L’apostolo Paolo dà un buon consiglio: “Dico a ognuno che è fra voi di non pensare di sé più di quanto sia necessario pensare”. (Romani 12:3) Perciò, sii realista. Rivedi le tue aspettative. Fa del tuo meglio ma non puntare alla perfezione.

Non prenderti troppo sul serio. Prova a cimentarti in cose nelle quali non sei troppo bravo: potrebbe trattarsi di suonare uno strumento musicale. È vero che farai un sacco di  errori, ma questa volta cerca di considerare i tuoi sbagli sotto una luce diversa. La Bibbia dice che c’è “un tempo per ridere”. (Ecclesiaste 3:4) E allora cerca di non prenderti troppo sul serio. In questo modo riuscirai a capire che commettere degli errori fa solo parte del processo di apprendimento. Forse non ti sarà facile fare qualcosa senza rincorrere un ideale di perfezione, ma sforzati di scacciare pensieri negativi e critici.

Ricorda sempre che Geova non pretende la perfezione; si aspetta solo che gli siamo fedeli. (1 Corinti 4:2) Se ti stai sforzando di essere fedele puoi davvero sentirti soddisfatto di te stesso, pur non essendo perfetto.

NEL PROSSIMO CAPITOLO

Oggi l’omosessualità è comunemente accettata. Come puoi evitarla? Che dire se hai desideri omosessuali?

SCRITTURA CHIAVE

“Non c’è uomo giusto sulla terra che continui a fare il bene e non pecchi”. — Ecclesiaste 7:20.

UN SUGGERIMENTO

Pensa a qualcosa che hai sempre rimandato solo per paura di non farlo alla perfezione. Poi stabilisci una data entro cui lo farai.

SAPEVI CHE...?

Geova è perfetto, ma nel trattare con gli esseri umani imperfetti non pretende la perfezione. Non è irragionevole o poco realista in ciò che si aspetta da noi.

I MIEI PROSSIMI OBIETTIVI

Se diventassi eccessivamente critico verso me stesso, dovrei ․․․․․

Se diventassi eccessivamente critico verso gli altri, dovrei ․․․․․

Ecco cosa vorrei chiedere ai miei genitori sull’argomento: ․․․․․

CHE NE PENSI?

● Ci sono campi della vita in cui tendi a porti degli obiettivi troppo elevati? Se sì, quali?

● Quali passi biblici ti fanno capire chiaramente che Geova Dio non si aspetta la perfezione dai suoi servitori?

● Perché gli altri potrebbero allontanarsi da te se sei un perfezionista?

● In futuro come reagirai ai tuoi errori?

[Testo in evidenza a pagina 226]

“Fare del proprio meglio ed essere dei perfezionisti sono due cose diverse: la prima è equilibrata, la seconda no.” — Megan

[Riquadro a pagina 228]

Perfezionismo e amicizie

Ti è mai capitato di escludere alcuni dalla tua vita perché non sono alla tua altezza? Oppure, ci sono brave persone che si tengono a distanza da te perché i tuoi standard di amicizia sembrano troppo elevati? La Bibbia dà questo consiglio: “Non divenire troppo giusto e non ti mostrare eccessivamente saggio. Perché dovresti causarti desolazione?” (Ecclesiaste 7:16) Sai qual è un modo in cui chi è perfezionista ‘si causa desolazione’? Facendo allontanare coloro che altrimenti gradirebbero la sua compagnia. “A nessuno piace stare in compagnia di persone che ti fanno sentire a disagio”, dice una ragazza che si chiama Amber, “e ho visto alcuni perfezionisti perdere dei buoni amici per delle autentiche sciocchezze”.

[Immagine a pagina 229]

Cercare di essere perfetti è assurdo come cercare di volare