Isaia 64:1-12

  • Continua la preghiera di pentimento (1-12)

    • Geova, “il nostro Vasaio” (8)

64  Se solo tu avessi squarciato i cielie fossi sceso, facendo tremare i monti,   come quando il fuoco incendia i rami secchie fa bollire l’acqua! Allora i tuoi nemici conoscerebbero il tuo nome,e le nazioni tremerebbero al tuo cospetto.   Quando facesti cose straordinarie che non osavamo sperare,+scendesti e i monti tremarono davanti a te.+   Dall’antichità nessuno ha sentito o ha prestato orecchioe nessun occhio ha visto un Dio, oltre a te,che agisca a favore di chi spera in lui.*+   Sei andato incontro a quelli che sono felici di praticare la giustizia,+quelli che ti ricordano e seguono le tue vie. Ecco, ti sei adirato quando abbiamo peccato,+e lo abbiamo fatto per lungo tempo. Come potremo essere salvati?   Siamo tutti diventati come una persona impura,e tutti i nostri atti di giustizia sono come un panno usato durante le mestruazioni.+ Ci seccheremo tutti come foglie,e i nostri peccati ci porteranno via come il vento.   Non c’è nessuno che invochi il tuo nome,nessuno che si scuota per stringersi a te,perché ci hai nascosto la tua faccia+e ci fai consumare* a causa* dei nostri peccati.   Ma ora, o Geova, tu sei nostro Padre.+ Noi siamo l’argilla e tu sei il nostro Vasaio;*+siamo tutti opera delle tue mani.   Non adirarti troppo, o Geova,+e non ricordare i nostri peccati per sempre. Per favore, guardaci: tutti noi siamo il tuo popolo. 10  Le tue sante città sono diventate un deserto;Sìon è diventata un deserto,Gerusalemme una desolazione.+ 11  La nostra casa* di santità e gloria,*in cui i nostri antenati ti lodavano,è stata data alle fiamme,+e tutto quello che ci era caro è in rovina. 12  Di fronte a questo, o Geova, continuerai a trattenerti? Resterai in silenzio e ci farai affliggere tanto duramente?+

Note in calce

O “chi lo attende pazientemente”.
Lett. “struggere”.
Lett. “nella mano”.
O “colui che ci ha modellato”.
O “tempio”.
O “bellezza”.