Seconda lettera di Pietro 3:1-18

  • Schernitori ignorano la distruzione futura (1-7)

  • Geova non è lento (8-10)

  • Pensate a che tipo di persone dovete essere (11-16)

    • Nuovi cieli e una nuova terra (13)

  • Attenti a non essere sviati (17, 18)

3  Miei cari, questa è la seconda lettera che vi scrivo; in questa, come nella prima, risveglio la vostra facoltà di pensare in modo chiaro rammentandovi alcune cose,+  affinché ricordiate le parole dette in passato* dai santi profeti e il comandamento del Signore e Salvatore trasmesso per mezzo dei vostri apostoli.  Prima di tutto sappiate questo: negli ultimi giorni verranno degli schernitori con i loro scherni, che agiranno secondo i propri desideri+  e diranno: “Dov’è questa sua presenza che è stata promessa?+ Dal giorno in cui i nostri antenati si addormentarono nella morte, tutto continua esattamente come dal principio della creazione”.+  Loro, però, ignorano di proposito questo fatto: molto tempo fa c’erano i cieli e una terra posta solidamente fuori dall’acqua e fra le acque mediante la parola di Dio,+  e mediante quelle cose il mondo di allora subì la distruzione quando fu inondato dall’acqua.+  Ma mediante la stessa parola i cieli e la terra attuali sono riservati al fuoco, custoditi fino al giorno del giudizio e della distruzione degli empi.*+  Comunque, non sfugga alla vostra attenzione, miei cari, che per Geova* un giorno è come mille anni, e mille anni come un giorno.+  Geova* non è lento ad adempiere la sua promessa,+ come pensano alcuni, ma è paziente con voi perché desidera che non sia distrutto nessuno ma che tutti giungano al pentimento.+ 10  Tuttavia il giorno di Geova*+ verrà come un ladro;+ in quel giorno i cieli scompariranno+ con un gran fragore,* ma gli elementi, essendo incandescenti, si dissolveranno, e la terra e le opere che sono in essa saranno portate allo scoperto.+ 11  Dato che tutte queste cose devono quindi essere dissolte, pensate a che tipo di persone dovete essere, persone che hanno una condotta santa* e compiono opere di devozione a Dio,* 12  mentre aspettate e tenete bene a mente* la presenza del giorno di Geova,*+ mediante il quale i cieli saranno distrutti+ nelle fiamme e gli elementi si scioglieranno per l’intenso calore. 13  Ma secondo la sua promessa noi aspettiamo nuovi cieli e una nuova terra,+ e in questi regnerà* la giustizia.+ 14  Quindi, miei cari, dato che aspettate queste cose, fate tutto il possibile per essere infine trovati da lui immacolati, senza alcun difetto e in pace.+ 15  Inoltre considerate la pazienza del nostro Signore come salvezza, come anche il nostro caro fratello Paolo vi ha scritto secondo la sapienza che gli è stata data.+ 16  Lui vi ha parlato di queste cose come fa in tutte le sue lettere. In esse, comunque, ci sono alcune cose difficili da capire, che gli ignoranti* e gli instabili distorcono, come fanno anche con il resto delle Scritture, causando la loro stessa distruzione. 17  Voi dunque, miei cari, sapendo questo in anticipo, state in guardia per non essere sviati anche voi dall’errore di persone senza legge e per non cadere dalla vostra ferma posizione.+ 18  Piuttosto, continuate a crescere* nell’immeritata bontà* e nella conoscenza del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo. A lui vada la gloria ora e nel giorno dell’eternità. Amen.

Note in calce

O “cose predette”.
Cioè irriverenti verso Dio.
O “rumore sibilante”.
O “persone di santi atti di condotta”.
O “santa devozione”.
O “e desiderate ardentemente”. Lett. “affrettando”.
Lett. “dimorerà”.
O “non istruiti”.
O “beneficiare sempre di più”.