Vangelo secondo Marco 10:1-52

10  Partito da là, andò ai confini* della Giudea al di là del Giordano, e le folle si radunarono di nuovo intorno a lui. Com’era sua abitudine, si mise nuovamente a insegnare loro.+  Si avvicinarono dei farisei che, con l’intenzione di metterlo alla prova, gli chiesero se era lecito a un uomo divorziare dalla moglie.+  Lui rispose: “Che cosa vi ha comandato Mosè?”  Loro replicarono: “Mosè ha concesso di scrivere un certificato di ripudio e di divorziare da lei”.+  Ma Gesù disse: “È stato per la durezza del vostro cuore+ che vi ha scritto questo comandamento.+  Comunque, al principio della creazione ‘Egli li fece maschio e femmina;+  per questo motivo l’uomo lascerà suo padre e sua madre,+  e i due saranno una sola carne’.+ Così non sono più due, ma una sola carne.  Perciò, quello che Dio ha unito,* l’uomo non lo separi”.+ 10  Quando furono di nuovo in casa, i discepoli si misero a fargli delle domande su questo argomento. 11  Lui disse loro: “Chiunque divorzia da sua moglie e ne sposa un’altra commette adulterio+ contro di lei, 12  e se una donna, dopo aver divorziato da suo marito, ne sposa un altro, commette adulterio”.+ 13  Ora alcuni gli portarono dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono.+ 14  Vedendo questo, Gesù si indignò e disse loro: “Lasciate che i bambini vengano da me e non cercate di fermarli, perché il Regno di Dio appartiene a quelli come loro.+ 15  In verità vi dico: chi non riceve il Regno di Dio come un bambino non vi entrerà affatto”.+ 16  E prese i bambini fra le braccia e li benedisse, ponendo su di loro le mani.+ 17  Mentre si rimetteva in cammino, un uomo gli corse incontro, cadde in ginocchio davanti a lui e gli fece questa domanda: “Maestro buono, cosa devo fare per ereditare la vita eterna?”+ 18  Gesù gli rispose: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono tranne uno solo, Dio.+ 19  Tu conosci i comandamenti: non assassinare,+ non commettere adulterio,+ non rubare,+ non rendere falsa testimonianza,+ non frodare,+ onora tuo padre e tua madre”.+ 20  L’uomo gli disse: “Maestro, queste cose le osservo tutte fin dalla giovinezza”. 21  Guardandolo, Gesù provò amore per lui e gli disse: “C’è una cosa che ti manca: va’, vendi ciò che hai e da’ il ricavato ai poveri, e allora avrai un tesoro in cielo; e vieni, sii mio discepolo”.+ 22  A queste parole l’uomo si rattristò e se ne andò addolorato, perché possedeva molti beni. 23  Guardatosi intorno, Gesù disse ai suoi discepoli: “Quanto sarà difficile per quelli che hanno ricchezze entrare nel Regno di Dio!”+ 24  Ma i discepoli si sorpresero alle sue parole. Allora Gesù continuò: “Figli, com’è difficile entrare nel Regno di Dio! 25  È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago piuttosto che un ricco entri nel Regno di Dio”.+ 26  Loro si stupirono ancora di più e gli dissero: “Allora chi potrà mai essere salvato?”+ 27  Guardandoli negli occhi, Gesù disse: “Agli uomini è impossibile, ma non a Dio, perché a Dio ogni cosa è possibile”.+ 28  Pietro cominciò a dirgli: “Ecco, noi abbiamo lasciato ogni cosa e ti abbiamo seguito”.+ 29  Gesù disse: “In verità vi dico: non c’è nessuno che, avendo lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per amor mio e per amore della buona notizia,+ 30  non riceva ora, in questo periodo di tempo,* cento volte tanto, di case, fratelli, sorelle, madri, figli e campi, insieme a persecuzioni,+ e nel sistema di cose futuro la vita eterna. 31  Ma molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi”.+ 32  Mentre erano in cammino per salire a Gerusalemme, Gesù li precedeva e loro erano stupiti, e quelli che seguivano erano intimoriti. Di nuovo prese i Dodici in disparte e cominciò a dire loro queste cose che stavano per succedergli:+ 33  “Ecco, stiamo salendo a Gerusalemme, e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi sacerdoti e agli scribi. Lo condanneranno a morte e lo consegneranno a uomini delle nazioni, 34  che lo derideranno, gli sputeranno addosso,+ lo flagelleranno e lo uccideranno, ma tre giorni dopo risorgerà”.+ 35  Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo,+ gli si avvicinarono e gli dissero: “Maestro, desideriamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo”.+ 36  Lui disse loro: “Cosa volete che faccia per voi?” 37  Gli dissero: “Concedici di sedere uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nella tua gloria”.+ 38  Ma Gesù disse loro: “Non sapete quello che state chiedendo. Potete bere il calice che io bevo o essere battezzati con il battesimo con cui io sono battezzato?”+ 39  Gli risposero: “Sì, possiamo berlo”. Allora Gesù disse loro: “Voi berrete il calice che io bevo e sarete battezzati con il battesimo con cui io sono battezzato.+ 40  Comunque, quanto a sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; quei posti appartengono a coloro per i quali sono stati preparati”. 41  Gli altri 10, sentendo tutto questo, si indignarono contro Giacomo e Giovanni.+ 42  Ma Gesù li chiamò a sé e disse loro: “Voi sapete che quelli che sono considerati* governanti delle nazioni le dominano, e i loro grandi esercitano autorità su di esse.+ 43  Fra voi non dev’essere così, ma chiunque vuole diventare grande fra voi dev’essere vostro servitore,+ 44  e chiunque vuole essere il primo fra voi dev’essere schiavo di tutti. 45  Infatti anche il Figlio dell’uomo è venuto non per essere servito, ma per servire+ e per dare la sua vita come riscatto in cambio di molti”.+ 46  Arrivarono poi a Gèrico. E mentre lui, i suoi discepoli e una considerevole folla uscivano da Gèrico, Bartimèo (il figlio di Timèo), un mendicante cieco, era seduto lungo la strada.+ 47  Quando sentì che passava Gesù il Nazareno, si mise a gridare: “Figlio di Davide,+ Gesù, abbi misericordia di me!”+ 48  Allora molti cominciarono a rimproverarlo dicendogli di stare zitto, ma lui gridava ancora di più: “Figlio di Davide, abbi misericordia di me!” 49  Quindi Gesù si fermò e disse: “Chiamatemelo”. E chiamarono il cieco, dicendogli: “Coraggio! Alzati, ti chiama!” 50  Gettando via il suo mantello, lui balzò in piedi e andò da Gesù. 51  Allora Gesù gli disse: “Cosa vuoi che faccia per te?” Il cieco gli rispose: “Rabbunì,+ fammi recuperare la vista”. 52  Gesù gli disse: “Va’, la tua fede ti ha sanato”.*+ E immediatamente il cieco recuperò la vista,+ e si mise a seguirlo lungo la strada.

Note in calce

O “territori”.
Lett. “ha aggiogato insieme”.
O “al presente”.
O “quelli che sembrano”.
O “salvato”.

Approfondimenti

ai confini della Giudea al di là del Giordano A quanto pare in riferimento alla Perea, regione a E del Giordano, e specialmente alla zona della Perea che confinava con la Giudea. In questa occasione Gesù lasciò la Galilea e vi ritornò solo dopo la sua risurrezione. (Vedi App. A7, cartina 5.)

ai confini della Giudea al di là del Giordano A quanto pare in riferimento alla Perea, regione a E del Giordano, e specialmente alla zona della Perea che confinava con la Giudea. (Vedi approfondimento a Mt 19:1 e App. A7, cartina 5.)

certificato di ripudio O “certificato di divorzio”. La Legge stabiliva che, prima di divorziare, un uomo doveva preparare un documento con valore legale e probabilmente consultare gli anziani; questo gli avrebbe dato il tempo di rivalutare una decisione tanto seria. L’obiettivo della Legge era quello di impedire divorzi avventati e tutelare in una certa misura le donne dal punto di vista legale (De 24:1). Al tempo di Gesù, però, i capi religiosi avevano reso facile ottenere il divorzio. Giuseppe Flavio, storico del I secolo, fariseo e lui stesso divorziato, afferma che il divorzio era consentito “per qualsivoglia motivo”. E aggiunge: “Tra gli uomini possono sorgere molti di questi motivi” (Antichità giudaiche, IV, 253 [viii, 23], a cura di L. Moraldi, UTET, Torino, 2006). (Vedi approfondimento a Mt 5:31.)

certificato di ripudio Vedi approfondimento a Mt 19:7.

principio della creazione Evidentemente in riferimento alla creazione del genere umano. Qui Gesù parla di come il Creatore istituì il matrimonio tra un uomo e una donna, formando così il nucleo della società umana.

Egli Alcuni antichi manoscritti precisano il soggetto e contengono la lezione “Dio”.

una sola carne Questa espressione è una traduzione letterale dell’espressione ebraica che si trova in Gen 2:24. Può essere resa anche “un solo corpo” o “una sola persona”. Descrive il legame più stretto possibile tra due esseri umani. Non si riferisce solamente all’unione sessuale, ma abbraccia l’intera relazione tra marito e moglie, relazione che li rende compagni fedeli e inseparabili. È un’unione che non può essere infranta senza che le due parti ne rimangano danneggiate.

una sola carne Vedi approfondimento a Mt 19:5.

immoralità sessuale In greco pornèia, termine generico usato in riferimento a qualsiasi rapporto sessuale illecito secondo la Bibbia. Comprende adulterio, prostituzione, rapporti sessuali tra persone non sposate, omosessualità e bestialità. (Vedi Glossario.)

divorzia da sua moglie O “manda via sua moglie”. Le parole di Gesù riportate da Marco vanno intese alla luce della formulazione più completa di Mt 19:9, dove è aggiunta la specifica “se non a causa di immoralità sessuale”. (Vedi approfondimento a Mt 5:32.) Ciò che Marco scrisse riportando le parole di Gesù sul divorzio si applica quando si divorzia per una qualunque altra causa che non sia l’“immoralità sessuale” (in greco pornèia) commessa dal coniuge infedele.

commette adulterio contro di lei Con queste parole Gesù respingeva l’insegnamento rabbinico che permetteva agli uomini di divorziare “per qualsiasi motivo” (Mt 19:3, 9). L’idea di commettere adulterio contro la propria moglie era sconosciuta alla maggioranza degli ebrei. I rabbi insegnavano che un marito infedele non stava commettendo adulterio: solo la donna poteva essere considerata adultera. Rendendo il marito soggetto agli stessi obblighi morali della moglie, Gesù conferì dignità alle donne ed elevò la loro condizione.

se una donna, dopo aver divorziato da suo marito Con queste parole Gesù riconosce alla donna il diritto di divorziare dal marito infedele. Questa cosa evidentemente era inaccettabile per gli ebrei di quel tempo. Secondo Gesù, invece, sotto il sistema cristiano la stessa norma si applicava sia agli uomini che alle donne.

bambini Questi bambini potevano avere varie età, dato che il termine greco qui presente è usato non solo in riferimento a bambini appena nati o di pochi anni (Mt 2:8; Lu 1:59) ma anche in riferimento a una ragazzina di 12 anni, la figlia di Iairo (Mr 5:39-42). Comunque, nel passo parallelo di Lu 18:15, che descrive l’incontro di Gesù con questo stesso gruppo di bambini, Luca usa un’altra parola greca, che si riferisce solo a bambini molto piccoli (Lu 1:41; 2:12).

come un bambino Gesù esorta a imitare le belle qualità dei bambini. I bambini, ad esempio, sono umili e disposti a imparare, si fidano degli altri e accettano di buon grado la guida che viene data loro (Mt 18:5).

prese i bambini fra le braccia Solo il racconto di Marco menziona questo dettaglio. Il termine greco reso “prendere fra le braccia” si trova solo qui e in Mr 9:36, e potrebbe anche essere reso “abbracciare”. Gesù superò le aspettative degli adulti che gli avevano portato i bambini soltanto “perché li toccasse” (Mr 10:13). Essendo il maggiore di almeno sette figli, capiva i bisogni dei bambini (Mt 13:55, 56). Oltre a prenderli fra le braccia, Gesù li benedisse. Il verbo greco qui usato è un composto con valore intensivo, che potrebbe trasmettere l’idea che Gesù li benedisse in modo tenero e affettuoso.

Maestro buono Evidentemente l’uomo usò l’espressione “Maestro buono” come titolo adulatorio e formalistico, dato che di solito questo era il trattamento d’onore preteso dai capi religiosi. Anche se Gesù non aveva alcun problema a farsi identificare appropriatamente come “Maestro” e “Signore” (Gv 13:13), attribuì tutto l’onore a suo Padre.

Nessuno è buono tranne uno solo, Dio Qui Gesù riconosce che il modello assoluto di bontà è Geova, l’unico che abbia il diritto sovrano di determinare ciò che è bene (buono) e ciò che è male. Quando si ribellarono mangiando il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male, Adamo ed Eva cercarono di arrogarsi questo diritto (Gen 2:17; 3:4-6). Invece Gesù lascia umilmente che sia suo Padre a stabilire delle norme. E Dio ha espresso chiaramente ciò che è bene per mezzo dei comandi contenuti nella sua Parola (Mr 10:19).

provò amore per lui Marco è l’unico a mettere per iscritto i sentimenti che Gesù provò per quel giovane capo (Mt 19:16-26; Lu 18:18-30). Questa descrizione dei sentimenti di Gesù potrebbe essere riconducibile a Pietro, anche lui uomo dalla grande sensibilità. (Vedi “Introduzione a Marco”.)

È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago Gesù usa un’iperbole per illustrare un concetto: come un cammello non può passare per la cruna di un ago da cucire, così un ricco non può entrare nel Regno di Dio se continua a dare più valore ai suoi beni che alla sua amicizia con Geova. Gesù non voleva dire che nessun ricco sarebbe entrato nel Regno, dato che aggiunse: “A Dio ogni cosa è possibile” (Mr 10:27).

gli dissero Alcuni manoscritti contengono la lezione “si dissero l’un l’altro”.

sistema di cose futuro O “era futura”, “epoca futura”. Il termine greco qui presente (aiòn) significa fondamentalmente “(periodo di) tempo”, “epoca”. Può riferirsi allo stato delle cose o alle caratteristiche che contraddistinguono un certo periodo di tempo, un’epoca o un’era. Qui Gesù ha in mente la futura era sotto il Regno di Dio, quando si potrà godere della vita eterna (Lu 18:29, 30; vedi Glossario, “sistema di cose”).

ai confini della Giudea al di là del Giordano A quanto pare in riferimento alla Perea, regione a E del Giordano, e specialmente alla zona della Perea che confinava con la Giudea. (Vedi approfondimento a Mt 19:1 e App. A7, cartina 5.)

in cammino per salire a Gerusalemme La città si trovava a circa 750 m sul livello del mare; per questo in diversi casi nelle Scritture si parla di persone che salivano a Gerusalemme per adorare Dio (Lu 2:22; Gv 2:13; At 11:2). Gesù e i suoi discepoli stavano salendo dalla valle del Giordano (vedi approfondimento a Mr 10:1), il cui punto più basso è a circa 400 m sotto il livello del mare. Per raggiungere Gerusalemme dovevano camminare in salita superando un dislivello di circa 1.000 m.

gli sputeranno addosso Sputare addosso o in faccia a qualcuno era un atto di estremo disprezzo, inimicizia o indignazione, che umiliava chi lo subiva (Nu 12:14; De 25:9). Gesù qui disse che avrebbe subìto questo trattamento, il che avrebbe adempiuto la profezia messianica di Isa 50:6, dove si legge: “Non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi”. In adempimento a questa profezia, alcuni gli sputarono addosso quando comparve davanti al Sinedrio (Mr 14:65) e i soldati romani gli sputarono addosso dopo che era stato processato da Pilato (Mr 15:19).

Giacomo [...] e suo fratello Giovanni Giacomo è sempre menzionato con suo fratello Giovanni, e nella maggioranza dei casi è citato per primo. Questo potrebbe indicare che era il maggiore dei due (Mt 4:21; 10:2; 17:1; Mr 1:29; 3:17; 5:37; 9:2; 10:35, 41; 13:3; 14:33; Lu 5:10; 6:14; 8:51; 9:28, 54; At 1:13).

Zebedeo È possibile che Zebedeo fosse marito di Salome e che Salome fosse sorella di Maria, madre di Gesù. Se così fosse, Zebedeo era zio di Gesù, e Giacomo e Giovanni erano suoi cugini. (Vedi approfondimento a Mr 15:40.)

la madre dei figli di Zebedeo Si tratta della madre degli apostoli Giacomo e Giovanni. Secondo il racconto di Marco, sono Giacomo e Giovanni ad avvicinarsi a Gesù (Mr 10:35). Evidentemente quindi ci sono loro dietro la richiesta, ma lasciano che a farla sia la loro madre, Salome, forse zia di Gesù (Mt 27:55, 56; Mr 15:40, 41; Gv 19:25).

i figli Alcuni manoscritti qui riportano “i due figli”, ma la lezione più breve che è stata adottata nel testo è ben attestata nei manoscritti disponibili.

Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedeo, gli si avvicinarono Secondo il racconto di Matteo, è la madre di Giacomo e Giovanni ad avvicinare Gesù, ma evidentemente ci sono i suoi figli dietro la richiesta. Il Vangelo di Matteo avvalora questa spiegazione perché riferisce che, sentendo della richiesta fatta, gli altri dieci discepoli “si indignarono contro i due fratelli”, e non contro la madre (Mt 20:20-24; vedi approfondimenti a Mt 4:21; 20:20).

alla sua destra [...] alla sua sinistra In alcuni contesti entrambe le posizioni indicano onore e autorità (Mt 20:21, 23), ma il posto d’onore per eccellenza è sempre quello alla destra (Sl 110:1; At 7:55, 56; Ro 8:34). Comunque, qui e in Mt 25:34, 41 c’è un netto contrasto tra il posto di favore alla destra del Re e quello di sfavore alla sua sinistra. (Confronta Ec 10:2, ntt.)

uno alla tua destra e uno alla tua sinistra Qui entrambe le posizioni indicano onore e autorità, ma il posto d’onore per eccellenza è sempre quello alla destra (Sl 110:1; At 7:55, 56; Ro 8:34; vedi approfondimento a Mt 25:33).

bere il calice Nella Bibbia la parola “calice” spesso è usata metaforicamente per indicare la volontà di Dio per una persona, ovvero la porzione o la parte da lui riservata a quella persona (Sl 11:6; 16:5; 23:5). Qui “bere il calice” vuol dire sottomettersi alla volontà di Dio. Nel caso di Gesù “il calice” incluse sia le sofferenze e la morte a seguito della falsa accusa di bestemmia sia la sua risurrezione alla vita immortale in cielo.

bere il calice Nella Bibbia la parola “calice” spesso è usata metaforicamente per indicare la volontà di Dio per una persona, ovvero la porzione o la parte da lui riservata a quella persona (Sl 11:6; 16:5; 23:5). Qui “bere il calice” vuol dire sottomettersi alla volontà di Dio. Nel caso di Gesù “il calice” incluse sia le sofferenze e la morte a seguito della falsa accusa di bestemmia sia la sua risurrezione alla vita immortale in cielo.

bere il calice Vedi approfondimento a Mt 20:22.

essere battezzati con il battesimo con cui io sono battezzato O “essere immersi con l’immersione a cui io sono sottoposto”. Gesù qui mette in parallelo il termine “battesimo” e il termine “calice”. (Vedi approfondimento a Mt 20:22.) Gesù si sta già sottoponendo a questo battesimo durante il suo ministero, dato che al suo battesimo in acqua ha iniziato volontariamente una vita di sacrificio. Verrà completamente battezzato, o immerso, nella morte quando verrà giustiziato sul palo di tortura il 14 nisan del 33. La sua risurrezione completerà questo battesimo (Ro 6:3, 4). Il battesimo di Gesù nella morte è dunque una cosa del tutto distinta e separata dal suo battesimo in acqua, perché Gesù si era completamente sottoposto al battesimo in acqua all’inizio del suo ministero, quando il suo battesimo nella morte era solo cominciato.

le dominano O “le signoreggiano”, “sono i loro padroni”. Il termine greco qui presente è usato solo quattro volte nelle Scritture Greche Cristiane (Mt 20:25; Mr 10:42; 1Pt 5:3 [dove è reso “spadroneggiare”]; At 19:16 [dove è reso “assalire”]). Le parole di Gesù ricordavano agli ascoltatori l’odiato giogo romano e l’oppressiva dominazione degli Erodi (Mt 2:16; Gv 11:48). Evidentemente Pietro afferrò il punto di ciò che Gesù consigliò subito dopo (Mr 10:43, 44), dato che in seguito incoraggiò gli anziani cristiani a guidare il gregge dando l’esempio e non spadroneggiando (1Pt 5:3). Nel passo parallelo di Luca (Lu 22:25) è usato un verbo affine, che compare anche in 2Co 1:24 quando Paolo dice che i cristiani non “[sono] i padroni” della fede dei loro compagni d’opera.

vita Qui “vita” traduce il termine greco psychè, tradizionalmente reso “anima”. (Vedi Glossario, “anima”.)

Gerico La prima delle città cananee a O del Giordano a essere conquistata dagli israeliti (Nu 22:1; Gsè 6:1, 24, 25). Al tempo di Gesù era stata costruita una nuova città circa 2 km a S della città vecchia. Questo potrebbe spiegare perché in Lu 18:35 si legge che lo stesso avvenimento si verificò mentre Gesù “si avvicinava a Gerico”. Forse Gesù compì il miracolo mentre lui e gli altri uscivano dalla città ebraica e si avvicinavano alla città romana, o viceversa. (Vedi App. B4 e B10.)

Gerico Vedi approfondimento a Mt 20:29.

un mendicante cieco Nel riferire questo avvenimento, Matteo dice che erano presenti due ciechi (Mt 20:30). Marco e Luca ne menzionano uno solo (Lu 18:35), evidentemente perché si concentrano su Bartimeo, chiamato per nome solo nel Vangelo di Marco.

Nazaret Probabilmente significa “città del germoglio”. Nazaret fu la città della bassa Galilea dove Gesù trascorse gran parte della sua vita terrena.

ciò che era stato detto tramite i profeti: “Sarà chiamato Nazareno” Evidentemente in riferimento al libro scritto dal profeta Isaia (Isa 11:1), libro in cui il promesso Messia viene definito ‘un germoglio [in ebraico nètser] che sarebbe spuntato dalle radici di Iesse’. Forse Matteo usò il plurale “profeti” per riferirsi anche a Geremia, che aveva scritto di “un germoglio giusto” che sarebbe venuto da Davide (Ger 23:5; 33:15), e a Zaccaria, che aveva parlato di un re-sacerdote “il cui nome è Germoglio” (Zac 3:8; 6:12, 13). Il termine “Nazareno” diventò un appellativo usato per Gesù e successivamente per i suoi discepoli.

figlio di Davide Questa espressione sottolinea il ruolo di Gesù nel patto concluso da Dio con Davide in base al quale l’erede del Regno sarebbe stato un discendente di Davide (2Sa 7:11-16; Sl 89:3, 4).

Davide, il re Anche se in questa genealogia sono menzionati vari re, il titolo “re” è attribuito solo a Davide. La dinastia reale d’Israele era chiamata “casa di Davide” (1Re 12:19, 20). Chiamando Gesù “figlio di Davide”, come si legge al v. 1, Matteo dà risalto al tema del Regno e mostra che Gesù è l’erede del potere regale, l’erede promesso nel patto davidico (2Sa 7:11-16).

gli rese omaggio O “gli si inchinò”, “si prostrò a lui”, “lo ossequiò”. Evidentemente, chiamando Gesù “Figlio di Davide” (Mt 15:22), questa donna non ebrea riconobbe in lui il Messia promesso. Gli rese omaggio non perché lo considerasse un dio o una divinità, ma perché lo riteneva un rappresentante di Dio. (Vedi approfondimenti a Mt 2:2; 8:2; 14:33; 18:26.)

il Nazareno Appellativo usato per Gesù e successivamente per i suoi discepoli (At 24:5). Dato che erano molti gli ebrei che si chiamavano Gesù, era comune aggiungere una specifica che permettesse di identificare la persona; nei tempi biblici era consuetudine associare qualcuno al suo luogo di origine (2Sa 3:2, 3; 17:27; 23:25-39; Na 1:1; At 13:1; 21:29). Gesù visse buona parte della sua vita a Nazaret, in Galilea, quindi era naturale usare questo appellativo nei suoi confronti. Gesù venne chiamato “il Nazareno” in varie situazioni e da persone diverse (Mr 1:23, 24; 10:46, 47; 14:66-69; 16:5, 6; Lu 24:13-19; Gv 18:1-7). Gesù stesso accettò e usò questo nome (Gv 18:5-8; At 22:6-8). La scritta in ebraico, in latino e in greco che Pilato pose sul palo di tortura diceva: “Gesù il Nazareno, il re dei giudei” (Gv 19:19, 20). Dalla Pentecoste del 33 in poi gli apostoli, e anche altri, spesso parlarono di Gesù come del Nazareno o indicarono che era di Nazaret (At 2:22; 3:6; 4:10; 6:14; 10:38; 26:9; vedi anche approfondimenti a Mt 2:23).

Figlio di Davide Chiamando Gesù “Figlio di Davide”, il cieco Bartimeo lo riconosce apertamente come il Messia. (Vedi approfondimenti a Mt 1:1, 6; 15:25.)

Rabbunì Termine semitico che significa “maestro mio”. È possibile che in origine “rabbunì” fosse più riguardoso o trasmettesse più calore rispetto a “rabbi”, titolo che significa “maestro” (Gv 1:38). Comunque, quando scrisse il suo Vangelo, Giovanni tradusse “rabbunì” con “maestro” (Gv 20:16). Può darsi che a quel tempo il suffisso di prima persona (, che significa “mio”) avesse perso il suo significato originale nel caso di “rabbunì”.

Galleria multimediale

A est del Giordano, la Perea
A est del Giordano, la Perea

La foto mostra parte della regione conosciuta come Perea. Quest’area si trovava a est del Giordano; a nord si estendeva fino a Pella e a sud arrivava a includere la zona a est del Mar Morto. La parola “Perea” non compare nella Bibbia. Comunque, “Perea” deriva da un termine greco che significa “dall’altro lato”, “dall’altra parte”, “al di là” e che ricorre in diversi punti della Bibbia, in alcuni dei quali proprio in riferimento alla Perea (Mt 4:25; Mr 3:8). A volte chi proveniva dalla Galilea ed era diretto a Gerusalemme attraversava la Perea. Verso la fine del suo ministero, Gesù insegnò per qualche tempo nella Perea (Lu 13:22) e successivamente vi passò di nuovo mentre era diretto a Gerusalemme (Mt 19:1; 20:17-19; Mr 10:1, 32, 46).

(1) Giordano

(2) Pianura a est del Giordano

(3) Monti di Galaad