Levitico 16:1-34

16  Geova parlò a Mosè dopo la morte dei due figli di Aronne che erano morti per essersi avvicinati a Geova.+  Geova disse a Mosè: “Di’ a tuo fratello Aronne che non può entrare in qualsiasi momento nel luogo santo+ oltre la cortina,+ davanti al coperchio che è sull’Arca; in caso contrario morirà,+ perché la mia presenza sarà manifesta in una nuvola+ sopra il coperchio.+  “Questo è ciò che Aronne deve portare quando entra nel luogo santo: un giovane toro come offerta per il peccato+ e un montone come olocausto.+  Deve indossare la santa tunica di lino,+ coprire le sue nudità con i calzoni* di lino,+ cingersi con la fascia di lino+ e avvolgersi il turbante di lino+ sulla testa. Sono vesti sante.+ Si laverà in acqua+ e le indosserà.  “Dall’assemblea degli israeliti+ deve prendere due capri* come offerta per il peccato e un montone come olocausto.  “Aronne deve poi presentare il toro della sua offerta per il peccato, e farà espiazione per sé+ e per la sua casa.  “Quindi prenderà i due capri e li farà stare davanti a Geova all’ingresso della tenda dell’incontro.  Getterà le sorti sui due capri, una per Geova e l’altra per Azazèl.*  Presenterà poi il capro che è stato designato a sorte+ per Geova e ne farà un’offerta per il peccato. 10  Il capro che è stato designato a sorte per Azazèl, invece, dev’essere portato vivo davanti a Geova, affinché si compia l’espiazione su di esso e lo si mandi via nel deserto per Azazèl.+ 11  “Aronne presenterà il toro della sua offerta per il peccato e farà espiazione per sé e per la sua casa, e scannerà il toro della sua offerta per il peccato.+ 12  “Prenderà poi l’incensiere*+ pieno di carboni ardenti, tolti dall’altare+ davanti a Geova, e due manciate di fine incenso profumato,+ e li porterà al di là della cortina.+ 13  Metterà l’incenso sul fuoco davanti a Geova,+ e la nuvola dell’incenso avvolgerà il coperchio*+ che sta sopra la Testimonianza,+ affinché lui non muoia. 14  “Prenderà un po’ del sangue del toro+ e lo spruzzerà con il dito di fronte al coperchio sul lato orientale, e ne spruzzerà un po’ con il dito sette volte davanti al coperchio.+ 15  “Quindi scannerà il capro dell’offerta per il peccato del popolo,+ ne porterà il sangue al di là della cortina+ e farà con quel sangue+ come ha fatto con il sangue del toro; lo spruzzerà verso il coperchio e davanti al coperchio. 16  “Deve fare espiazione per il luogo santo a motivo degli atti di impurità degli israeliti e a motivo delle loro trasgressioni e dei loro peccati;+ e lo stesso deve fare per la tenda dell’incontro, che è in mezzo a loro, in mezzo ai loro atti di impurità. 17  “Nessun altro uomo deve trovarsi nella tenda dell’incontro da quando lui entra nel luogo santo per fare espiazione fino a quando esce. E lui farà espiazione per sé, per la sua casa+ e per l’intera congregazione d’Israele.+ 18  “Dopodiché uscirà dirigendosi verso l’altare,+ che è davanti a Geova; farà espiazione per esso, prenderà un po’ del sangue del toro e un po’ del sangue del capro e li metterà sui corni dell’altare da ogni lato. 19  Inoltre con il dito vi spruzzerà sopra un po’ di sangue sette volte, e lo purificherà dagli atti di impurità degli israeliti e lo santificherà. 20  “Quando avrà finito di fare espiazione+ per il luogo santo, per la tenda dell’incontro e per l’altare,+ Aronne presenterà il capro vivo.+ 21  Porrà entrambe le mani sulla testa del capro vivo; confesserà su di esso tutti gli errori degli israeliti, tutte le loro trasgressioni e tutti i loro peccati; li metterà sulla testa del capro+ e lo manderà via nel deserto per mano di un uomo appositamente incaricato.* 22  Il capro porterà tutti i loro errori+ su di sé in una regione desolata,+ e lui lo manderà via nel deserto.+ 23  “Allora Aronne entrerà nella tenda dell’incontro, si toglierà le vesti di lino che aveva indossato quando era entrato nel luogo santo e le deporrà lì. 24  Si laverà* in acqua+ in un luogo santo e indosserà le sue vesti;+ poi uscirà e offrirà il suo olocausto+ e l’olocausto del popolo,+ e farà espiazione per sé e per il popolo.+ 25  Quindi farà fumare sull’altare il grasso dell’offerta per il peccato. 26  “L’uomo che ha mandato via il capro per Azazèl+ deve lavare i propri indumenti e il proprio corpo in acqua, dopodiché potrà rientrare nell’accampamento. 27  “Il toro dell’offerta per il peccato e il capro dell’offerta per il peccato, il cui sangue era stato portato nel luogo santo per fare espiazione, saranno trasportati fuori dall’accampamento; e la pelle, la carne e lo sterco saranno bruciati nel fuoco.+ 28  Colui che li ha bruciati deve lavare i propri indumenti e il proprio corpo in acqua, dopodiché potrà rientrare nell’accampamento. 29  “Sarà per voi un decreto permanente: nel 7o mese, il 10o giorno del mese, dovete affliggervi* e non dovete svolgere nessun lavoro,+ né voi né lo straniero che risiede tra voi. 30  Quel giorno si farà espiazione+ per voi, per dichiararvi puri. Sarete puri da tutti i vostri peccati davanti a Geova.+ 31  Per voi è un Sabato di completo riposo, e dovete affliggervi.+ È un decreto permanente. 32  “Il sacerdote che sarà unto+ e insediato* come sacerdote+ in luogo di suo padre+ farà espiazione e indosserà le vesti di lino,+ le vesti sante.+ 33  Farà espiazione per il sacro santuario,+ per la tenda dell’incontro+ e per l’altare;+ e farà espiazione per i sacerdoti e per tutto il popolo della congregazione.+ 34  Questo sarà per voi un decreto permanente,+ affinché una volta l’anno si faccia espiazione per gli israeliti a motivo di tutti i loro peccati”.+ Pertanto lui fece proprio come Geova aveva comandato a Mosè.

Note in calce

O “calzoni corti”, “mutande”.
O “capretti maschi”.
Forse significa “capro che scompare”.
O “portafuoco”.
O “propiziatorio”, cioè il coperchio dell’Arca.
O “un uomo che si tiene pronto”.
Lett. “bagnerà la sua carne”.
O “affliggere le vostre anime”. In genere si ritiene che l’espressione si riferisca al sottoporsi a privazioni di vario tipo, come il digiuno.
Lett. “e la cui mano sarà riempita”.

Approfondimenti

Galleria multimediale