Ezechiele 29:1-21

29  Nel 10o anno, nel 10o mese, il 12o giorno del mese, ricevetti questo messaggio* di Geova:  “Figlio dell’uomo, rivolgi la faccia verso il faraone, re d’Egitto, e profetizza contro di lui e contro tutto l’Egitto.+  Pronuncia queste parole: ‘Questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: “Ecco, sono contro di te, o faraone, re d’Egitto,+il grande mostro marino che giace in mezzo alle acque del suo Nilo*+e che dice: ‘Il Nilo è mio;me lo sono fatto io’.+   Metterò uncini alle tue mascelle e farò attaccare alle tue scaglie i pesci del tuo Nilo. Ti tirerò fuori dal tuo Nilo insieme a tutti i pesci del Nilo attaccati alle tue scaglie.   Abbandonerò nel deserto te e tutti i pesci del tuo Nilo. Cadrai in mezzo ai campi; i tuoi resti non saranno raccolti né radunati.+ Ti darò in pasto alle bestie feroci della terra e agli uccelli del cielo.+   Allora tutti gli abitanti dell’Egitto dovranno riconoscere che io sono Geova,perché non hanno sostenuto la casa d’Israele più di quanto farebbe un filo di paglia.*+   Quando afferrarono la tua mano, ti rompesti,e lacerasti loro la spalla. Quando si appoggiarono a te, ti spezzasti,e li facesti traballare”.*+  “‘Pertanto questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: “Ecco, farò venire contro di te la spada+ e stroncherò di mezzo a te uomo e animale.  Il paese d’Egitto diventerà un luogo desolato e devastato;+ e dovranno riconoscere che io sono Geova, perché hai detto:* ‘Il Nilo è mio; l’ho fatto io’.+ 10  Per questo sono contro di te e contro il tuo Nilo, e farò del paese d’Egitto un luogo devastato e arido, una distesa desolata,+ da Mìgdol+ a Siène,+ fino al confine con l’Etiopia. 11  Non vi passerà né uomo né animale,+ e non sarà abitato per 40 anni. 12  Farò dell’Egitto il più desolato dei paesi, e le sue città saranno le più desolate per 40 anni;+ sparpaglierò gli egiziani fra le nazioni e li disperderò fra i paesi”.+ 13  “‘Questo è dunque ciò che il Sovrano Signore Geova dice: “Dopo 40 anni radunerò gli egiziani dai popoli fra i quali saranno stati dispersi;+ 14  ricondurrò i prigionieri egiziani nel paese di Pàtros,+ il loro paese d’origine, e là diventeranno un regno insignificante. 15  L’Egitto diventerà inferiore agli altri regni e non dominerà più le altre nazioni;+ lo renderò così piccolo che non potrà sottomettere altre nazioni.+ 16  Non sarà più fonte di sicurezza per la casa d’Israele,+ ma le ricorderà di aver sbagliato quando si rivolse agli egiziani per ottenere aiuto. E dovranno riconoscere che io sono il Sovrano Signore Geova”’”. 17  Nel 27o anno, nel 1o mese, il 1o giorno del mese, ricevetti questo messaggio di Geova: 18  “Figlio dell’uomo, Nabucodònosor,*+ re di Babilonia, fece compiere al suo esercito una grande fatica contro Tiro.+ Ogni testa diventò calva e ogni spalla si scorticò. Ma lui e il suo esercito non ricevettero alcun salario per la fatica compiuta contro di lei. 19  “Pertanto questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: ‘Ecco, do il paese d’Egitto a Nabucodònosor,*+ re di Babilonia, che ne porterà via le ricchezze, ne prederà le spoglie e lo saccheggerà; questo sarà il salario per il suo esercito’. 20  “‘Come compenso per la fatica compiuta contro Tiro gli darò il paese d’Egitto, perché agirono per me’,+ dichiara il Sovrano Signore Geova. 21  “In quel giorno farò spuntare* un corno per la casa d’Israele,*+ e ti darò la possibilità di parlare in mezzo a loro; e dovranno riconoscere che io sono Geova”.

Note in calce

Lett. “parola”.
Qui e di seguito, “Nilo” si riferisce al fiume e ai suoi canali d’irrigazione.
Lett. “una canna”.
O “facesti vacillare tutti i loro fianchi”.
Lett. “ha detto”.
Lett. “Nabucodòrosor”, variante dello stesso nome.
Lett. “Nabucodòrosor”, variante dello stesso nome.
Lett. “germogliare”.
O “darò forza alla casa d’Israele”.

Approfondimenti

Galleria multimediale