Ezechiele 28:1-26

28  E ricevetti un altro messaggio* di Geova:  “Figlio dell’uomo, di’ al comandante di Tiro: ‘Questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: “Il tuo cuore si è insuperbito+ e continui a dire: ‘Io sono un dio;siedo sul trono di un dio nel cuore del mare’.+ Invece sei solamente un uomo, non un dio,benché nel tuo cuore tu ti senta un dio.   Ecco, sei più saggio di Daniele.+ Non ci sono segreti che ti rimangano nascosti.   Con la tua sapienza e il tuo discernimento ti sei arricchito,e continui ad accumulare oro e argento nei tuoi tesori.+   La tua abilità nei commerci ti ha portato grandi ricchezze,+e a motivo delle tue ricchezze il tuo cuore si è insuperbito”’.  “‘Pertanto questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: “Visto che nel tuo cuore ti senti un dio,   farò venire contro di te stranieri, i più spietati fra i popoli;+sfodereranno la spada contro la bellezza della tua sapienzae profaneranno il tuo glorioso splendore.+   Ti faranno scendere nella fossa,*e morirai di morte violenta nel cuore del mare.+   Continuerai a dire: ‘Io sono un dio’, davanti a colui che ti ucciderà? Sarai solamente un uomo, non un dio, nelle mani di quelli che ti profaneranno”’. 10  ‘Per mano di stranieri morirai della stessa morte degli incirconcisi,poiché io stesso ho parlato’, dichiara il Sovrano Signore Geova”. 11  Ricevetti anche questo messaggio di Geova: 12  “Figlio dell’uomo, intona un canto funebre riguardo al re di Tiro. Digli: ‘Questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: “Tu eri un modello di perfezione,*pieno di sapienza+ e perfetto in bellezza.+ 13  Eri in Èden, il giardino di Dio. Eri ornato di ogni pietra preziosa:rubino, topazio e diaspro,crisolito, onice e giada,zaffiro, turchese+ e smeraldo. Montature e castoni erano d’oro. Furono preparati nel giorno in cui fosti creato. 14  Ti posi come l’unto cherubino protettore.* Eri sul santo monte di Dio+ e camminavi in mezzo a pietre di fuoco. 15  Fosti senza difetto nelle tue vie sin dal giorno in cui fosti creato,finché in te non si trovò l’ingiustizia.+ 16  Per l’abbondanza dei tuoi commerci+ti sei riempito di violenza e hai iniziato a peccare.+ Per questo ti scaccerò come profano dal monte di Dio e ti distruggerò,+o cherubino protettore, lontano dalle pietre di fuoco. 17  Il tuo cuore si è insuperbito a motivo della tua bellezza.+ A motivo del tuo glorioso splendore hai rovinato la tua sapienza.+ Ti getterò a terra.+ Farò di te uno spettacolo davanti ai re. 18  A motivo della tua grande colpa e del tuo commercio disonesto hai profanato i tuoi santuari. Farò divampare in mezzo a te un fuoco che ti consumerà.+ Ti ridurrò in cenere sulla terra davanti agli occhi di tutti quelli che ti guardano. 19  Coloro che ti conoscevano fra i popoli ti guarderanno sconcertati.+ La tua fine sarà improvvisa, terribile;e non esisterai mai più”’”.+ 20  Ricevetti anche questo messaggio di Geova: 21  “Figlio dell’uomo, rivolgi la faccia verso Sidóne+ e profetizza contro di lei. 22  Devi dire: ‘Questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: “Ecco, sono contro di te, o Sidóne; sarò glorificato in mezzo a te. E dovranno riconoscere che io sono Geova quando eseguirò il mio giudizio su di lei e mi santificherò in lei. 23  Manderò contro di lei un’epidemia e nelle sue vie scorrerà il sangue. I morti cadranno trafitti in mezzo a lei quando la spada la attaccherà da ogni parte;e dovranno riconoscere che io sono Geova.+ 24  “‘“Allora la casa d’Israele non sarà più circondata da aculei pungenti e spine dolorose,+ da tutti quelli che la trattano con disprezzo; e dovranno riconoscere che io sono il Sovrano Signore Geova”’. 25  “‘Questo è ciò che il Sovrano Signore Geova dice: “Quando radunerò quelli della casa d’Israele dai popoli fra i quali sono stati dispersi,+ sarò santificato fra loro davanti agli occhi delle nazioni.+ E abiteranno nel loro paese,+ quello che diedi al mio servitore Giacobbe.+ 26  Vi abiteranno al sicuro,+ costruiranno case e pianteranno vigne;+ vi abiteranno al sicuro quando eseguirò il mio giudizio su tutti quelli intorno a loro che li trattano con disprezzo;+ e dovranno riconoscere che io sono Geova loro Dio”’”.

Note in calce

Lett. “parola”.
O “tomba”.
Lett. “colui che sigilla un modello”.
O “che copre”.

Approfondimenti

Galleria multimediale