Secondo libro di Samuele 22:1-51

22  E nel giorno in cui Geova lo liberò dalla mano di tutti i suoi nemici+ e dalla mano di Sàul,+ Davide innalzò a Geova le parole di questo canto:+   “Geova è la mia rupe e la mia fortezza,+ il mio liberatore.+   Il mio Dio è la mia roccia,+ dove trovo riparo,il mio scudo+ e il mio corno di salvezza,* il mio rifugio sicuro,*+il luogo che accoglie la mia fuga,+ il mio salvatore:+ sei tu che mi salvi dalla violenza.   Invoco Geova, al quale va ogni lode,e sarò salvato dai miei nemici.   Le onde della morte s’infrangevano tutt’intorno a me;+fiumane di uomini indegni mi terrorizzavano.+   I legami della Tomba* mi strinsero;+mi trovai di fronte le trappole della morte.+   Nella mia angoscia invocai Geova;+continuai a supplicare il mio Dio. Ed egli dal suo tempio udì la mia voce,e il mio grido d’aiuto giunse ai suoi orecchi.+   La terra cominciò a tremare e sussultare,+e le fondamenta dei cieli traballarono e si scossero,+perché egli si era adirato.+   Fumo uscì dalle sue narici,un fuoco divoratore venne dalla sua bocca,+carboni ardenti si sprigionarono da lui. 10  E nel discendere egli curvò i cieli;+sotto i suoi piedi c’era fitta oscurità.+ 11  Venne cavalcando un cherubino,+ volando; fu visto sulle ali di uno spirito.*+ 12  Quindi si circondò di tenebre come di un riparo,+di acque buie e fitte nubi. 13  Il fulgore davanti a lui fu squarciato da carboni ardenti. 14  Allora Geova tuonò dal cielo;+l’Altissimo fece udire la sua voce.+ 15  Scoccò le sue frecce+ e li disperse;scagliò fulmini e li gettò nel panico.+ 16  Il rimprovero di Geovae l’impeto del soffio delle sue narici+fecero comparire il fondo del mare,+portarono allo scoperto le fondamenta della terra. 17  Dall’alto egli stese la mano,mi afferrò e mi tirò fuori da acque profonde.+ 18  Mi liberò dal mio possente nemico,+da quelli che mi odiavano ed erano più forti di me. 19  Nel giorno del mio disastro mi si avventarono contro,+ma c’era Geova a sostenermi. 20  Mi portò al sicuro;*+mi liberò perché gli ero gradito.+ 21  Geova mi ricompensa secondo la mia giustizia,+mi ripaga secondo l’innocenza* delle mie mani,+ 22  perché ho seguito le vie di Geovae non ho malvagiamente abbandonato il mio Dio. 23  Tutti i suoi giudizi+ sono di fronte a me;non mi allontanerò dai suoi decreti.+ 24  Mi manterrò integro+ davanti a luie mi guarderò dal peccare.+ 25  Geova mi ripaghi secondo la mia giustizia,+secondo la mia innocenza di fronte ai suoi occhi.+ 26  Con chi è leale tu ti mostri leale,+con chi è integro ti comporti con integrità,+ 27  con chi è puro ti riveli puro,+ma con chi è falso agisci scaltramente.*+ 28  Tu salvi chi è umile,+ma i tuoi occhi sono contro il superbo per umiliarlo.+ 29  Tu sei la mia lampada, o Geova.+ È Geova che illumina le mie tenebre.+ 30  Con il tuo aiuto posso attaccare una banda di predoni. Con la potenza del mio Dio posso scalare un muro.+ 31  La via del vero Dio è perfetta;+le parole di Geova sono pure.*+ Egli è uno scudo per tutti quelli che si rifugiano in lui.+ 32  Chi è infatti un Dio se non Geova?+ E chi è una roccia se non il nostro Dio?+ 33  Il vero Dio è la mia solida fortezza;+egli renderà perfetta la mia via.+ 34  Rende i miei piedi come quelli di una cerva:mi fa stare saldo sulle alture.+ 35  Addestra le mie mani per la guerra;le mie braccia possono ora tendere un arco di rame. 36  Tu mi dai il tuo scudo di salvezza,e la tua umiltà mi fa grande.+ 37  Allarghi il sentiero per i miei passi;i miei piedi* non vacilleranno.+ 38  Inseguirò i miei nemici e li annienterò;non farò ritorno prima di averli sterminati. 39  Li distruggerò, li farò a pezzi, così che non potranno rialzarsi;+cadranno sotto i miei piedi. 40  Mi darai forza per la battaglia;+farai cadere i miei avversari sotto di me.+ 41  Metterai in fuga i miei nemici davanti a me;*+ridurrò al silenzio quelli che mi odiano.+ 42  Gridano aiuto, ma non c’è nessuno che li salvi;invocano Geova, ma lui non risponde.+ 43  Li ridurrò come la polvere della terra. Li frantumerò e li calpesterò come fango lungo le strade. 44  Mi libererai dalle continue accuse del mio popolo.+ Mi custodirai perché io sia capo di nazioni;+un popolo che non ho conosciuto mi servirà.+ 45  Stranieri verranno a inchinarsi servilmente;+ciò che udranno su di me li spingerà a ubbidirmi.* 46  Stranieri si perderanno d’animo;*usciranno tremando dalle loro fortezze. 47  Geova vive! Sia lodata la mia Roccia!+ Sia esaltato Dio, la Roccia della mia salvezza!+ 48  Il vero Dio fa vendetta per me;+a me sottomette i popoli;+ 49  mi libera dai nemici. Tu mi innalzi+ al di sopra di chi mi attacca;mi salvi dall’uomo violento.+ 50  Per questo, o Geova, ti ringrazierò fra le nazioni+e canterò lodi* al tuo nome.+ 51  Egli è colui che con grandi gesta salva il suo re+e che mostra amore leale al suo unto,a Davide e alla sua discendenza* per sempre”.+

Note in calce

O “il mio potente salvatore”. Vedi Glossario, “corno”.
O “sicura altezza”.
O “Scèol”, cioè il luogo simbolico in cui si trovano i morti. Vedi Glossario.
O “del vento”.
O “in un luogo spazioso”.
Lett. “purezza”.
O forse “come uno sciocco”.
O “purificate nel fuoco”.
O “caviglie”.
O “mi darai la nuca dei miei nemici”.
Lett. “all’udire dell’orecchio mi ubbidiranno”.
O “verranno meno”.
O “suonerò melodie”.
Lett. “seme”.

Approfondimenti

Galleria multimediale