Secondo libro dei Re 15:1-38

15  Nel 27o anno di Geroboàmo,* re d’Israele, Azarìa,*+ figlio di Amazìa,+ re di Giuda, diventò re.+  Aveva 16 anni quando diventò re, e regnò 52 anni a Gerusalemme. Sua madre era Iecolìa di Gerusalemme.  Azarìa continuò a fare ciò che era giusto agli occhi di Geova, proprio come aveva fatto suo padre Amazìa.+  Tuttavia gli alti luoghi non furono eliminati,+ e il popolo continuò a sacrificare e a offrire fumo di sacrificio sugli alti luoghi.+  Geova piagò il re, e questi continuò ad avere la lebbra+ fino al giorno della sua morte; viveva in una casa separata,+ mentre Iòtam,+ figlio del re, era a capo della casa* e giudicava il popolo del paese.+  Quanto al resto della storia di Azarìa,+ tutto quello che fece, non è forse riportato nel libro dei fatti storici dei re di Giuda?  Alla fine Azarìa morì,*+ e fu sepolto con i suoi antenati nella Città di Davide; e suo figlio Iòtam diventò re al suo posto.  Nel 38o anno di Azarìa,+ re di Giuda, Zaccarìa,+ figlio di Geroboàmo, diventò re su Israele a Samarìa, e regnò per 6 mesi.  Fece ciò che era male agli occhi di Geova, proprio come avevano fatto i suoi antenati. Non si allontanò dai peccati che Geroboàmo, figlio di Nebàt, aveva fatto commettere a Israele.+ 10  E Sallùm, figlio di Iàbes, cospirò contro di lui e lo uccise+ a Ibleàm.+ Dopo averlo messo a morte, diventò re al suo posto. 11  Il resto della storia di Zaccarìa è riportato nel libro dei fatti storici dei re d’Israele. 12  Così si adempì quello che Geova aveva dichiarato a Ieu con queste parole: “I tuoi figli siederanno per quattro generazioni+ sul trono d’Israele”.+ E così avvenne. 13  Sallùm, figlio di Iàbes, diventò re nel 39o anno di Uzzìa,*+ re di Giuda, e regnò un mese a Samarìa. 14  Poi Menaèm, figlio di Gadi, salì da Tirza+ a Samarìa e lì uccise Sallùm,+ figlio di Iàbes. Dopo averlo messo a morte, diventò re al suo posto. 15  Il resto della storia di Sallùm e la sua cospirazione sono riportati nel libro dei fatti storici dei re d’Israele. 16  Fu allora che Menaèm, partito da Tirza, attaccò Tifsa e tutti i suoi abitanti e il suo territorio, perché non gli avevano aperto le porte. La conquistò e ne sventrò le donne incinte. 17  Nel 39o anno di Azarìa, re di Giuda, Menaèm, figlio di Gadi, diventò re su Israele, e regnò 10 anni a Samarìa. 18  Continuò a fare ciò che era male agli occhi di Geova. Per tutti i suoi giorni non si allontanò da tutti i peccati che Geroboàmo, figlio di Nebàt, aveva fatto commettere a Israele.+ 19  Pul,+ re d’Assiria, entrò nel paese, e Menaèm gli diede 1.000 talenti* d’argento perché lo aiutasse a consolidare il suo potere regale.+ 20  Menaèm si procurò l’argento per il re d’Assiria dagli uomini importanti e benestanti d’Israele,+ esigendo 50 sicli* d’argento da ognuno di loro. Allora il re d’Assiria se ne andò e non rimase nel paese. 21  Quanto al resto della storia di Menaèm,+ tutto quello che fece, non è forse riportato nel libro dei fatti storici dei re d’Israele? 22  Alla fine Menaèm morì,* e suo figlio Pecachìa diventò re al suo posto. 23  Nel 50o anno di Azarìa, re di Giuda, Pecachìa, figlio di Menaèm, diventò re su Israele a Samarìa, e regnò per 2 anni. 24  Continuò a fare ciò che era male agli occhi di Geova. Non si allontanò dai peccati che Geroboàmo, figlio di Nebàt, aveva fatto commettere a Israele.+ 25  E il suo aiutante Peca,+ figlio di Remalìa, cospirò contro di lui e lo uccise a Samarìa nella torre fortificata della casa* del re insieme ad Argòb e Arìe. Con lui c’erano 50 uomini di Gàlaad. Dopo averlo messo a morte, diventò re al suo posto. 26  Il resto della storia di Pecachìa, tutto quello che fece, è riportato nel libro dei fatti storici dei re d’Israele. 27  Nel 52o anno di Azarìa, re di Giuda, Peca,+ figlio di Remalìa, diventò re su Israele a Samarìa, e regnò per 20 anni. 28  Continuò a fare ciò che era male agli occhi di Geova. Non si allontanò dai peccati che Geroboàmo, figlio di Nebàt, aveva fatto commettere a Israele.+ 29  Ai giorni di Peca, re d’Israele, Tiglàt-Pilèser,+ re d’Assiria, invase e conquistò Iiòn, Abèl-Bet-Maàca,+ Ianòa, Chèdes,+ Hàzor, Gàlaad+ e la Galilea, tutto il paese di Nèftali,+ e ne portò gli abitanti in esilio in Assiria.+ 30  Infine Osèa,*+ figlio di Ela, cospirò contro Peca, figlio di Remalìa, e lo uccise. Dopo averlo messo a morte, diventò re al suo posto. Era il 20o anno di Iòtam,+ figlio di Uzzìa. 31  Il resto della storia di Peca, tutto quello che fece, è riportato nel libro dei fatti storici dei re d’Israele. 32  Nel secondo anno di Peca, figlio di Remalìa, re d’Israele, Iòtam,+ figlio di Uzzìa,+ re di Giuda, diventò re. 33  Aveva 25 anni quando diventò re, e regnò 16 anni a Gerusalemme. Sua madre era Ierùsa, figlia di Zàdoc.+ 34  Iòtam continuò a fare ciò che era giusto agli occhi di Geova, proprio come aveva fatto suo padre Uzzìa.+ 35  Tuttavia gli alti luoghi non furono eliminati, e il popolo continuò a sacrificare e a offrire fumo di sacrificio sugli alti luoghi.+ Fu Iòtam a costruire la porta superiore della casa di Geova.+ 36  Quanto al resto della storia di Iòtam, quello che fece, non è forse riportato nel libro dei fatti storici dei re di Giuda? 37  In quei giorni Geova cominciò a mandare contro Giuda Rezìn, re di Siria, e Peca,+ figlio di Remalìa.+ 38  Alla fine Iòtam morì,* e fu sepolto con i suoi antenati nella Città di Davide suo antenato; e suo figlio Àcaz diventò re al suo posto.

Note in calce

Cioè Geroboàmo II.
Significa “Geova ha aiutato”. Chiamato Uzzìa in 2Re 15:13; 2Cr 26:1-23; Isa 6:1; Zac 14:5.
O “palazzo”.
Lett. “giacque con i suoi padri”.
O “Ozìa”.
Un talento corrispondeva a 34,2 kg. Vedi App. B14.
Un siclo corrispondeva a 11,4 g. Vedi App. B14.
Lett. “giacque con i suoi padri”.
O “palazzo”.
O “Oshèa”.
Lett. “giacque con i suoi padri”.

Approfondimenti

Galleria multimediale