Prima lettera a Timoteo 6:1-21

6  Quelli che si trovano sotto il giogo della schiavitù continuino a considerare i loro padroni degni di ogni onore,+ affinché non si parli in modo offensivo del nome di Dio e del suo insegnamento.+  Inoltre quelli che hanno padroni credenti non manchino loro di rispetto solo perché sono fratelli. Piuttosto, servano con maggiore impegno, proprio perché quelli che beneficiano del loro buon servizio sono credenti e amati. Continua a insegnare queste cose e a dare queste esortazioni.  Se qualcuno insegna un’altra dottrina e non è d’accordo con il sano* insegnamento+ che viene dal nostro Signore Gesù Cristo, né con l’insegnamento che è in armonia con la devozione a Dio,*+  è pieno d’orgoglio e non capisce nulla;+ è ossessionato* da discussioni e dibattiti intorno a parole.+ Queste cose suscitano invidie, liti, calunnie,* sospetti maligni  e continue dispute su questioni frivole da parte di uomini mentalmente corrotti+ e privi della verità, i quali pensano che la devozione a Dio* sia una fonte di guadagno.+  Certo, la devozione a Dio* è fonte di grande guadagno,+ purché ci si sappia accontentare.*  Infatti non abbiamo portato nulla nel mondo, e nulla possiamo portarne via.+  Quindi, avendo di che mangiare e di che vestirci,* di queste cose ci accontenteremo.+  Ma quelli che sono decisi a diventare ricchi cadono in tentazione, in una trappola+ e in molti desideri insensati e dannosi, che fanno sprofondare gli uomini nella distruzione e nella rovina.+ 10  L’amore del denaro infatti è la radice di ogni tipo di male, e facendosi prendere da questo amore alcuni si sono sviati dalla fede e si sono procurati* molti dolori.+ 11  Comunque tu, uomo di Dio, rifuggi queste cose. Persegui invece giustizia, devozione a Dio,* fede, amore, perseveranza e mitezza.+ 12  Combatti l’eccellente combattimento della fede; afferra saldamente la vita eterna a cui sei stato chiamato e per cui hai fatto l’eccellente dichiarazione pubblica di fronte a molti testimoni. 13  Alla presenza di Dio, che conserva in vita tutte le cose, e di Cristo Gesù, che come testimone fece l’eccellente dichiarazione pubblica davanti a Ponzio Pilato,+ ti ordino 14  di osservare il comandamento in modo immacolato e irreprensibile fino alla manifestazione del nostro Signore Gesù Cristo,+ 15  manifestazione che il felice e unico Governante* mostrerà al tempo stabilito. Lui è il Re di quelli che sono re e il Signore di quelli che sono signori,+ 16  l’unico che ha l’immortalità,+ che risiede in una luce inaccessibile+ e che nessun uomo ha visto né può vedere.+ A lui vadano l’onore e il potere eterno. Amen. 17  A quelli che sono ricchi nell’attuale sistema di cose* ordina di non essere arroganti* e di riporre la loro speranza non nelle ricchezze incerte,+ ma in Dio, che ci provvede in abbondanza tutte le cose di cui godiamo.+ 18  Di’ loro di fare il bene, di essere ricchi di opere eccellenti, generosi, pronti a condividere,+ 19  così si metteranno da parte un tesoro sicuro, un eccellente fondamento per il futuro,+ in modo da afferrare saldamente la vera vita.+ 20  Timòteo, custodisci quello che ti è stato affidato,+ evitando i discorsi vuoti che violano ciò che è santo e le contraddizioni di quella che è falsamente chiamata “conoscenza”.+ 21  Per ostentare tale conoscenza alcuni hanno deviato dalla fede. L’immeritata bontà* sia con voi.

Note in calce

O “benefico”.
O “santa devozione”.
O “ha un’insana attrazione”.
O “parole offensive”.
O “santa devozione”.
O “santa devozione”.
Lett. “con autosufficienza”.
O “un riparo”.
O “si sono feriti dappertutto con”.
O “santa devozione”.
O “Potentato”.
O “era”, “epoca”. Vedi Glossario, “sistema di cose”.
O “di mente altera”.

Approfondimenti

Galleria multimediale