Primo libro delle Cronache 22:1-19

22  Davide quindi disse: “Qui sarà la casa di Geova il vero Dio e qui sarà l’altare per gli olocausti d’Israele”.+  Davide ordinò poi di radunare gli stranieri+ che risiedevano nel paese d’Israele e diede loro il compito di tagliare e squadrare pietre per la costruzione della casa del vero Dio.+  Davide preparò anche ferro in abbondanza per i chiodi dei battenti delle porte e per le grappe,* rame in quantità tale da non poter essere pesato+  e un’incalcolabile quantità di legno di cedro,+ dato che i sidoni+ e i tiri+ gliene avevano portato tantissimo.  E Davide disse: “Mio figlio Salomone è giovane e inesperto,*+ e la casa da costruire per Geova dev’essere di una magnificenza straordinaria,+ così che la sua fama e la sua bellezza+ siano note in tutti i paesi.+ Perciò farò io i preparativi per lui”. Davide, quindi, prima della sua morte preparò i materiali in grandi quantità.  Inoltre chiamò Salomone, suo figlio, e gli ordinò di costruire una casa per Geova, l’Iddio d’Israele.  Davide disse a suo figlio Salomone: “Io desideravo di tutto cuore costruire una casa per il nome di Geova mio Dio.+  Ma mi fu trasmesso questo messaggio* di Geova: ‘Tu hai sparso sangue in gran quantità e hai combattuto grandi guerre. Non costruirai una casa per il mio nome,+ perché hai sparso sangue in gran quantità sulla terra davanti a me.  Ecco, avrai un figlio+ che sarà un uomo di pace,* e gli darò quiete da tutti i nemici che lo circonderanno;+ il suo nome infatti sarà Salomone,*+ e durante i suoi giorni io concederò pace e tranquillità a Israele.+ 10  Sarà lui a costruire una casa per il mio nome.+ Lui sarà mio figlio e io sarò suo padre.+ Stabilirò saldamente il trono del suo regno su Israele per sempre’.+ 11  “Ora, figlio mio, Geova sia con te, così che tu possa riuscire a costruire la casa di Geova tuo Dio, proprio come egli ha detto riguardo a te.+ 12  Geova ti conceda discrezione e discernimento+ quando ti darà autorità su Israele, perché tu possa osservare la legge di Geova tuo Dio.+ 13  Se osserverai attentamente le norme+ e le decisioni giudiziarie che Geova comandò a Mosè di dare a Israele,+ allora riuscirai. Sii coraggioso e forte. Non aver paura e non provare terrore.+ 14  Ecco, mi sono dato molto da fare per preparare per la casa di Geova 100.000 talenti* d’oro e 1.000.000 di talenti d’argento, e rame e ferro+ in quantità tale da non poter essere pesati; ho preparato anche legname e pietre.+ Tu vi aggiungerai altro. 15  Hai a disposizione un gran numero di lavoratori: tagliapietre, muratori,+ carpentieri e ogni tipo di lavoratore esperto.+ 16  Ci sono oro, argento, rame e ferro oltre misura.+ Mettiti all’opera, e Geova sia con te”.+ 17  Davide comandò poi a tutti i principi d’Israele di aiutare suo figlio Salomone, dicendo: 18  “Non è Geova vostro Dio con voi, e non vi ha forse concesso pace lungo tutti i confini? Mi ha consegnato gli abitanti del paese, e il paese è stato sottomesso davanti a Geova e davanti al suo popolo. 19  Ora siate decisi con tutto il cuore e con tutta l’anima* a ricercare Geova vostro Dio,+ e cominciate a costruire il santuario di Geova, il vero Dio,+ per portare l’Arca del Patto di Geova e gli utensili sacri del vero Dio+ alla casa costruita per il nome di Geova”.+

Note in calce

Barre usate per tenere uniti gli elementi di una struttura muraria.
O “delicato”.
Lett. “parola”.
Lett. “riposo”.
Da un termine ebraico che significa “pace”.
Un talento corrispondeva a 34,2 kg. Vedi App. B14.

Approfondimenti

Galleria multimediale