Salmo 91:1-16

91  Chiunque dimora nel luogo segreto+ dell’Altissimo+Si procurerà albergo sotto la medesima ombra dell’Onnipotente.+   Certamente dirò a Geova:* “[Sei] il mio rifugio e la mia fortezza,+Il mio Dio in cui di sicuro confiderò”.+   Poiché egli stesso ti libererà dalla trappola dell’uccellatore,+Dalla pestilenza che causa avversità.+   Con le sue penne remiganti ostruirà l’accesso verso di te,+E sotto le sue ali troverai rifugio.+La sua verità+ sarà un grande scudo+ e un baluardo.*   Non avrai timore di nessuna cosa terribile di notte,+Né della freccia+ che vola di giorno,   Né della pestilenza che cammina nella caligine,+Né della distruzione che spoglia a mezzogiorno.+   Mille cadranno al tuo medesimo fiancoE diecimila alla tua destra;A te non si accosterà.+   Solo guarderai con i tuoi occhi+E vedrai la retribuzione stessa dei malvagi.+   Perché [hai detto]: “Geova* è il mio rifugio”,+Hai fatto dell’Altissimo stesso la tua dimora;+ 10  Non ti accadrà nessuna calamità,+E nemmeno una piaga si avvicinerà alla tua tenda.+ 11  Poiché egli darà ai suoi propri angeli un comando riguardo a te,+Di custodirti in tutte le tue vie.+ 12  Sulle loro mani ti porteranno,+Affinché non urti il tuo piede contro alcuna pietra.+ 13  Sul giovane leone e sul cobra camminerai;+Calpesterai il giovane leone fornito di criniera e la grossa serpe.+ 14  Poiché in me ha riposto il suo affetto,+Anch’io gli provvederò scampo.+Lo proteggerò* perché ha conosciuto il mio nome.+ 15  Egli mi invocherà, e io gli risponderò.+Sarò con lui nell’angustia.+Lo libererò e lo glorificherò.+ 16  Lo sazierò con lunghezza di giorni,+E gli farò vedere la mia salvezza.+

Note in calce

“Geova”, M(ebr. יהוה)TSy; Vg, “Signore [Geova]”; AqTaylor, il Tetragramma in caratteri ebr. antichi inserito nel testo gr. Vedi App. 1C (8).
O, “una cotta di maglia”.
Vedi App. 1C (8).
Lett. “Lo porrò in alto”, cioè fuori portata.