Giobbe 27:1-23

27  E Giobbe riprendeva la sua espressione proverbiale+ e diceva:   “Come vive Dio,*+ che ha tolto il mio giudizio,+E come [vive] l’Onnipotente, che ha amareggiato la mia anima,+   Mentre il mio alito è ancora tutto dentro di me,E lo spirito di Dio* è nelle mie narici,+   Le mie labbra non pronunceranno ingiustiziaE la mia propria lingua non borbotterà inganno!   È impensabile da parte mia che io vi dichiari giusti!+Finché spirerò non rimuoverò da me la mia integrità!+   Mi sono aggrappato alla mia giustizia, e non la lascerò;+Il mio cuore non [mi] biasimerà per nessuno dei miei giorni.+   Il mio nemico divenga in ogni modo un uomo malvagio,+E chi si rivolta contro di me realmente un malfattore.   Poiché qual è la speranza dell’apostata nel caso che egli [lo] stronchi,+Nel caso che Dio* gli porti via l’anima?+   Udrà Dio* il suo gridoNel caso che l’angustia venga su di lui?+ 10  O proverà nell’Onnipotente squisito diletto?Invocherà Dio in ogni tempo? 11  Vi istruirò mediante la mano di Dio;Non occulterò ciò che è presso l’Onnipotente.+ 12  Ecco, voi stessi avete tutti visto visioni;Perché dunque vi mostrate completamente vani?+ 13  Questa è da Dio la parte dell’uomo* malvagio;+E riceveranno dall’Onnipotente stesso l’eredità dei tiranni. 14  Se i suoi figli divengono molti, è per la spada;+E i suoi stessi discendenti non avranno sufficiente cibo.* 15  I suoi propri superstiti saranno sepolti durante una piaga mortale,*E le loro proprie vedove non piangeranno.+ 16  Se ammassasse argento come la stessa polvere,E se preparasse abiti proprio come l’argilla, 17  Egli preparerebbe, ma sarebbe il giusto a vestirsene,+E sarebbe l’innocente a spartire l’argento. 18  Ha edificato la sua casa come una semplice tignola,E come una capanna+ che un guardiano ha fatto. 19  Ricco si metterà a giacere, ma non sarà raccolto nulla;*Ha aperto gli occhi, ma non ci sarà nulla.+ 20  Come acque* lo raggiungeranno improvvisi terrori;+Di notte lo rapirà certamente un uragano. 21  Lo porterà via un vento orientale+ ed egli se ne andrà,E come un turbine lo porterà via dal suo luogo.+ 22  E si getterà su di lui e non avrà compassione;+Dalla sua potenza egli immancabilmente cercherà di fuggire.+ 23  Uno batterà le mani a motivo di lui+E gli fischierà+ dal suo luogo.*

Note in calce

“Dio”: ebr. ʼEl.
“Dio”: ebr. ʼElòhah.
“Dio”: ebr. ʼElòhah.
“Dio”: ebr. ʼEl.
O, “uomo terreno”. Ebr. ʼadhàm.
O, “pane”.
Lett. “morte”.
O, “egli non sarà raccolto”, M; LXXSy, “egli non aggiungerà nulla”.
“Come acque”: o, “Durante il giorno”, con una correzione.
O, “[uno che passerà accanto al] suo luogo fischierà verso di esso”.