Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Lingua dei segni italiana

La Torre di Guardia (per lo studio)  |  luglio 2015

Questo è il nostro luogo di adorazione

Questo è il nostro luogo di adorazione

“Lo zelo per la tua casa mi divorerà” (GIOV. 2:17)

CANTICI: 20118

1, 2. (a) Quali luoghi di adorazione hanno utilizzato in passato i servitori di Geova? (b) Quali sentimenti provava Gesù nei confronti del tempio di Dio a Gerusalemme? (c) Qual è lo scopo di questo articolo?

FIN dall’antichità i servitori di Dio hanno avuto dei luoghi destinati alla pura adorazione. Abele probabilmente usava un altare quando presentava le sue offerte a Dio (Gen. 4:3, 4). Noè, Abraamo, Isacco, Giacobbe e Mosè eressero degli altari (Gen. 8:20; 12:7; 26:25; 35:1; Eso. 17:15). Sotto la guida di Geova, gli israeliti costruirono il tabernacolo (Eso. 25:8). In seguito edificarono un tempio per adorare Geova (1 Re 8:27, 29). Dopo essere tornati dall’esilio babilonese, gli ebrei si radunavano regolarmente nelle sinagoghe (Mar. 6:2; Giov. 18:20; Atti 15:21). I primi cristiani si riunivano nelle case dei componenti della congregazione (Atti 12:12; 1 Cor. 16:19). Oggi i servitori di Geova si riuniscono per ricevere istruzione e per adorare Dio in decine di migliaia di Sale del Regno in tutto il mondo.

2 L’amore e l’apprezzamento di Gesù per il tempio di Geova che si trovava a Gerusalemme erano così grandi che un evangelista applicò a lui le seguenti parole profetiche: “L’assoluto zelo per la tua casa mi ha divorato” (Sal. 69:9; Giov. 2:17). Nessuna Sala del Regno può essere chiamata “casa di Geova” nello stesso senso in cui queste parole si applicavano al tempio di Gerusalemme (2 Cron. 5:13; 33:4). Nonostante ciò, la Bibbia contiene princìpi che ci mostrano come dovremmo comportarci nei nostri luoghi di adorazione e come dovremmo prendercene cura. Lo scopo di questo articolo è esaminare alcuni di tali princìpi e vedere come si applicano al modo in cui le nostre Sale del Regno dovrebbero essere considerate, sostenute economicamente e mantenute in buono stato. *

MOSTRIAMO RISPETTO PER LA PURA ADORAZIONE

3-5. Qual è la funzione della Sala del Regno, e come dovrebbe influire questo sul modo in cui consideriamo le adunanze che vi si tengono?

3 La Sala del Regno è il centro della pura adorazione nella comunità. Tra le disposizioni che Geova prende per nutrirci spiritualmente ci sono le adunanze settimanali nella Sala del Regno. È lì che tramite la sua organizzazione riceviamo la guida e l’incoraggiamento spirituali di cui abbiamo tanto bisogno. Tutti coloro che assistono alle adunanze lo fanno, in effetti, su invito di Geova e di suo Figlio. Sebbene tale invito a cibarci alla “tavola di Geova” sia permanente, non dovremmo mai darlo per scontato (1 Cor. 10:21).

4 Geova considera così importanti tali occasioni riservate all’adorazione e all’incoraggiamento reciproco che ha ispirato l’apostolo Paolo a esortarci a non abbandonare “la nostra comune adunanza”. (Leggi Ebrei 10:24, 25.) Dimostreremmo rispetto nei confronti di Geova se mancassimo alle adunanze per ragioni di poco conto? Possiamo mostrare concretamente quanto apprezziamo Geova e le sue disposizioni preparandoci per le adunanze e prendendovi parte con tutto il cuore (Sal. 22:22).

5 Dovremmo manifestare il dovuto rispetto nei confronti sia della Sala del Regno intesa come struttura che delle attività spirituali che vi si svolgono. Vogliamo che la nostra condotta rifletta i sentimenti che proviamo nei confronti del nome di Dio, che di solito compare sull’insegna della Sala del Regno. (Confronta 1 Re 8:17.)

6. Quali commenti hanno fatto alcuni in merito alle nostre Sale del Regno e a coloro che vi frequentano le adunanze? (Vedi l’illustrazione iniziale.)

6 Il rispetto che mostriamo per i nostri luoghi di adorazione viene spesso notato da chi non è testimone di Geova. Per esempio, in Turchia un uomo ha detto: “Sono rimasto colpito dalla pulizia e dall’ordine che ho visto nella Sala del Regno. Tutti erano vestiti bene, avevano un bel sorriso e mi hanno salutato cordialmente. Sono rimasto veramente colpito!” Quell’uomo ha iniziato a frequentare le adunanze regolarmente e nel giro di poco tempo si è battezzato. In una città dell’Indonesia, una congregazione ha invitato funzionari locali e cittadini a visitare la propria Sala del Regno prima della dedicazione. È stato presente anche il sindaco, che è rimasto piacevolmente impressionato dalla qualità e dalla funzionalità dell’edificio, oltre che dal bellissimo giardino. “La pulizia di questa sala”, ha commentato, “dimostra che avete davvero una fede forte”.

La nostra condotta potrebbe dar prova di mancanza di rispetto nei confronti di Dio (Vedi i paragrafi 7 e 8)

7, 8. Cosa dovrebbero tenere presente coloro che assistono alle adunanze?

7 Il rispetto per il Dio che ci invita ad assistere alle adunanze dovrebbe essere evidente dalle buone maniere, dal modo in cui ci vestiamo e dal nostro aspetto in generale. Tale rispetto ci farà anche evitare di andare agli estremi. Si è notato che alcuni sono fin troppo rigidi per ciò che riguarda la condotta da tenere alle adunanze, mentre altri si comportano in modo eccessivamente disinvolto. Ovviamente Geova desidera che sia i suoi servitori sia gli ospiti si sentano a loro agio nella Sala del Regno. Ma nello stesso tempo non vogliamo che vestirsi in maniera troppo casual, inviare messaggi, parlare, mangiare, bere o fare cose simili durante le adunanze sminuiscano l’importanza delle adunanze stesse. I genitori dovrebbero aiutare i figli a comprendere che la Sala del Regno non è un luogo in cui correre o giocare (Eccl. 3:1).

8 Pieno di indignazione, Gesù scacciò dal tempio coloro che vi praticavano attività commerciali (Giov. 2:13-17). Anche le Sale del Regno sono luoghi riservati alla pura adorazione e all’istruzione spirituale. Pertanto, non sarebbe corretto occuparsi di questioni commerciali mentre siamo in sala. (Confronta Neemia 13:7, 8.)

SOSTENIAMO I PROGETTI PER NUOVE SALE DEL REGNO

9, 10. (a) Come vengono rese disponibili e finanziate nuove Sale del Regno, e con quali risultati? (b) Quale amorevole disposizione è stata di grande aiuto per le congregazioni che non avevano le risorse economiche per costruire una Sala del Regno?

9 L’organizzazione di Geova fa enormi sforzi per provvedere Sale del Regno modeste e contribuire economicamente alla loro realizzazione. Il lavoro di progettazione, costruzione e ristrutturazione viene svolto da volontari non retribuiti. Quali risultati sono stati ottenuti? Dal 1° novembre 1999, quando è partito il programma di costruzione di Sale del Regno in paesi con risorse limitate, sono stati resi disponibili più di 28.000 nuovi centri per la pura adorazione a beneficio di congregazioni di tutto il mondo, il che significa una media di cinque Sale del Regno ogni giorno.

10 Si stanno compiendo sforzi per sostenere la costruzione di Sale del Regno ovunque ce ne sia bisogno. Questa amorevole disposizione si fonda sul principio scritturale secondo cui l’avanzo di alcuni supplisce all’indigenza di altri, “affinché ci sia un’uguaglianza”. (Leggi 2 Corinti 8:13-15.) Come risultato sono stati resi disponibili nuovi centri per la pura adorazione a beneficio di congregazioni che diversamente non avrebbero mai avuto le risorse economiche per costruire da sole una Sala del Regno.

11. Come si sono espressi alcuni fratelli a proposito della loro nuova Sala del Regno, e quali sentimenti suscitano in voi le loro parole?

11 Una congregazione della Costa Rica che ha beneficiato di questa disposizione ha scritto: “Ogni volta che vediamo la Sala del Regno ci sembra di vivere in un sogno! Non riusciamo a crederci. La nostra bellissima sala è stata completata fin nei minimi particolari in soli otto giorni! Tutto questo è stato possibile grazie alla benedizione di Geova, alle disposizioni messe in atto dalla sua organizzazione e al contributo dato dai nostri cari fratelli. Questo luogo di adorazione è davvero un dono prezioso, un gioiello che Geova ci ha dato. Siamo felici oltre ogni dire”. È davvero incoraggiante sentire tali espressioni di gratitudine e sapere che molti altri fratelli, in migliaia di luoghi in tutto il mondo, provano la stessa gioia. Questa è l’opera di Geova, e ciò è evidente dal fatto che molto spesso, non appena una Sala del Regno viene completata, si riempie di persone sincere che desiderano conoscere meglio il nostro amorevole Creatore (Sal. 127:1).

12. Come possiamo dare il nostro sostegno alla costruzione di Sale del Regno?

12 Molti fratelli e sorelle hanno provato grande gioia nel partecipare alla costruzione di Sale del Regno. Sia che possiamo lavorare o meno in un cantiere, tutti noi abbiamo il privilegio di partecipare alla buona riuscita di tali progetti tramite le nostre contribuzioni. Nei tempi biblici lo zelo per la pura adorazione spingeva i servitori di Dio a finanziare i progetti teocratici; oggi avviene la stessa cosa, sempre alla gloria di Geova (Eso. 25:2; 2 Cor. 9:7).

LA PULIZIA DELLA SALA DEL REGNO

13, 14. Quali princìpi scritturali hanno relazione con la pulizia e l’ordine della Sala del Regno?

13 Una volta che è stata costruita, la Sala del Regno deve essere tenuta pulita e ordinata in modo che possa riflettere le qualità e la personalità di Geova, che è un Dio di ordine. (Leggi 1 Corinti 14:33, 40.) La Bibbia mette in relazione la santità e la purezza spirituale con la purezza fisica (Riv. 19:8). Pertanto, chi desidera piacere a Geova deve osservare buone norme igieniche.

14 In armonia con questi princìpi dovremmo sentirci sempre a nostro agio quando invitiamo le persone interessate alle adunanze, certi che le condizioni della sala faranno da complemento alla buona notizia che predichiamo. In questo modo i nuovi comprenderanno che adoriamo un Dio santo che presto trasformerà la terra in un paradiso incontaminato (Isa. 6:1-3; Riv. 11:18).

15, 16. (a) Perché non è sempre facile mantenere pulita la Sala del Regno, ma perché è necessario farlo? (b) Quali disposizioni vengono prese localmente per pulire la sala, e quale privilegio ha ognuno di noi?

15 Alcuni forse danno più importanza di altri alla pulizia. La loro percezione di quanto sia necessario pulire è influenzata dall’ambiente in cui sono cresciuti e da circostanze locali quali la presenza di fango o polvere, la condizione delle strade e la disponibilità di acqua e prodotti per le pulizie. Qualunque sia l’atteggiamento prevalente o l’ambiente in cui viviamo, la nostra Sala del Regno dovrebbe essere tenuta in modo esemplare dal momento che porta il nome di Dio, Geova, ed è un luogo riservato alla pura adorazione (Deut. 23:14).

16 Le pulizie della Sala del Regno non possono essere lasciate al caso. Tutti i corpi degli anziani devono assicurarsi che venga stilato un programma e che ci siano attrezzature e prodotti necessari per le pulizie in quantità sufficiente per mantenere la Sala del Regno in condizioni ottimali. Dato che alcuni lavori di pulizia devono essere svolti al termine di ogni adunanza, mentre altri si possono fare con minore frequenza, occorrono collaborazione e sorveglianza in modo che nulla venga trascurato. Tutti i componenti della congregazione hanno il privilegio di collaborare a questo riguardo.

LA MANUTENZIONE DELLA SALA DEL REGNO

17, 18. (a) Quali precedenti scritturali ci sono in relazione alla manutenzione dei luoghi di adorazione? (b) Perché le Sale del Regno devono essere mantenute in buono stato?

17 I servitori di Geova compiono anche sforzi diligenti per mantenere i loro luoghi di adorazione in buono stato. Ioas re di Giuda ordinò ai sacerdoti di usare le contribuzioni fatte per la casa di Geova per riparare “le parti danneggiate del tempio” (2 Re 12:4, 5, CEI). Più di 200 anni dopo anche il re Giosia usò le contribuzioni del tempio per effettuare le riparazioni necessarie. (Leggi 2 Cronache 34:9-11.)

18 Le filiali riferiscono che in alcuni paesi non si dà la priorità alla manutenzione di edifici e attrezzature. Forse in quei paesi sono in pochi ad avere le competenze necessarie o le risorse per fare il lavoro. È ovvio però che se la manutenzione della Sala del Regno venisse trascurata, ne risulterebbe un deterioramento precoce della struttura e una cattiva testimonianza nella comunità. D’altro canto, quando i componenti della congregazione fanno tutto il possibile per mantenere la Sala del Regno in buono stato, questo reca lode a Geova e permette di risparmiare il denaro donato dai compagni di fede.

La pulizia e la manutenzione della Sala del Regno non vanno trascurate (Vedi i paragrafi 16 e 18)

19. Cosa siete determinati a fare in relazione agli edifici che usiamo per la pura adorazione?

19 Le Sale del Regno sono edifici dedicati a Geova. Pertanto non sarebbe corretto dire che appartengono a una persona o a una congregazione, a prescindere da quanto indicato sul titolo di proprietà. I princìpi cristiani impongono che collaboriamo pienamente per far sì che questi edifici siano all’altezza dello scopo per il quale sono stati costruiti. Tutti i componenti della congregazione possono fare la loro parte a questo riguardo mostrando il dovuto rispetto per i nostri luoghi di adorazione, contribuendo per costruirne di nuovi e dedicando il proprio tempo e le proprie energie a mantenere la Sala del Regno pulita e in buono stato. Sostenendo questi sforzi dimostriamo il nostro zelo per i luoghi in cui adoriamo Geova, proprio come fece Gesù (Giov. 2:17).

^ par. 2 Anche se questo articolo si riferisce principalmente alle Sale del Regno, gli stessi princìpi sono applicabili alle Sale delle Assemblee e ad altre strutture usate per la pura adorazione.