Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Lingua dei segni italiana

La Torre di Guardia (per lo studio)  |  novembre 2017

Imitiamo la giustizia e la misericordia di Geova

Imitiamo la giustizia e la misericordia di Geova

“Giudicate con vera giustizia; e praticate amore leale e misericordie l’uno verso l’altro” (ZACC. 7:9, nt.)

CANTICI: 21, 69

1, 2. (a) Quali sentimenti provava Gesù per la Legge di Dio? (b) In che modo gli scribi e i farisei trasmettevano un’idea sbagliata della Legge?

GESÙ amava la Legge mosaica. Questo non ci stupisce perché la Legge era stata data dalla Persona più importante nella vita di Gesù: suo Padre, Geova. I profondi sentimenti di Gesù per la legge di Dio erano stati espressi in modo profetico nel Salmo 40:8, che dice: “A fare la tua volontà, o mio Dio, mi sono dilettato, e la tua legge è dentro le mie parti interiori”. Gesù dimostrò con le parole e con le azioni che la Legge di Dio era perfetta, portava ai migliori risultati e si sarebbe adempiuta sicuramente (Matt. 5:17-19).

2 Di conseguenza, Gesù si sarà sentito addolorato vedendo che gli scribi e i farisei trasmettevano un’idea sbagliata della Legge di suo Padre. Osservavano scrupolosamente alcuni dei più piccoli dettagli della Legge, tanto che Gesù disse di loro: “Date la decima della menta e dell’aneto e del comino”. Qual era il problema allora? Gesù aggiunse: “Ma avete trascurato le cose più importanti della Legge, cioè la giustizia e la misericordia e la fedeltà” (Matt. 23:23). A differenza degli scribi e dei farisei, che si sentivano superiori agli altri, Gesù capiva lo spirito che c’era dietro la Legge e le qualità di Dio che emergevano da ogni singolo comando.

3. Cosa prenderà in esame questo articolo?

3 I cristiani non sono sotto il patto della Legge (Rom. 7:6). Comunque, Geova ha fatto includere quella Legge nella sua Parola. Non vuole che ci concentriamo eccessivamente sui dettagli della Legge, ma che capiamo e mettiamo in pratica “le cose più importanti”, cioè gli alti princìpi che stanno alla base delle singole norme. Per esempio, su quali princìpi è fondata la disposizione delle città di rifugio? L’articolo precedente ha messo in risalto le lezioni che si imparano dalle azioni di chi fuggiva alla città di rifugio. Ma possiamo imparare anche qualcosa su Geova e su come imitare le sue qualità. Quindi questo articolo risponderà a tre domande: In che modo la disposizione delle città di rifugio dimostra che Geova è misericordioso? Cosa ci insegna riguardo al modo in cui Geova considera la vita? In che modo rispecchia la perfetta giustizia di Geova? Vedremo come imitare il nostro Padre celeste sotto ognuno di questi aspetti. (Leggi Efesini 5:1.)

“VI DOVETE SCEGLIERE CITTÀ CONVENIENTI”

4, 5. (a) In che modo le città di rifugio vennero rese facilmente raggiungibili, e perché? (b) Cosa ci insegna questo riguardo a Geova?

4 Le sei città di rifugio erano facili da raggiungere. Geova, infatti, aveva comandato agli israeliti di sceglierne tre a ovest del Giordano e tre a est, in modo che chiunque potesse trovare rifugio facilmente e in breve tempo (Num. 35:11-14). Le strade che portavano a quelle città erano tenute in buono stato (Deut. 19:3). Opere di consultazione ebraiche riferiscono che erano stati collocati dei segnali per indicare a chi fuggiva la direzione da prendere. Grazie alla disposizione delle città di rifugio, l’omicida non era costretto a fuggire in un paese straniero, dove forse sarebbe stato tentato di adorare falsi dèi.

5 Riflettiamo: Geova aveva stabilito la pena capitale per chi commetteva un omicidio volontario, ma a chi commetteva un omicidio involontario aveva dato la possibilità di essere trattato con compassione e di ricevere protezione. “Tutto veniva reso il più chiaro, il più semplice e il più facile possibile”, ha scritto uno studioso della Bibbia. “Dio era benigno fino a questo punto”. Geova non è un giudice inflessibile che non vede l’ora di punire i suoi servitori; al contrario, è “ricco in misericordia” (Efes. 2:4).

6. Perché possiamo dire che i farisei non imitavano la misericordia di Dio?

6 I farisei, invece, non erano disposti a mostrare misericordia. Per esempio, secondo la tradizione, non perdonavano lo stesso torto più di tre volte. Per mostrare quanto fosse sbagliato il loro atteggiamento, Gesù pronunciò una parabola riguardo a un fariseo che diceva in preghiera: “O Dio, ti ringrazio che non sono come il resto degli uomini, rapaci, ingiusti, adulteri, e neanche come questo esattore di tasse”. Il fariseo si riferiva a un esattore di tasse che stava umilmente chiedendo misericordia a Dio. Perché i farisei non erano misericordiosi? La Bibbia dice che “consideravano gli altri come nulla” (Luca 18:9-14).

Quanto è facile per gli altri venire da noi a chiedere perdono? (Vedi i paragrafi da 4 a 8)

7, 8. (a) Quando qualcuno ci fa un torto, come possiamo imitare Geova? (b) Perché per riuscire a perdonare ci vuole umiltà?

7 Noi vogliamo imitare Geova, non i farisei. Quindi, dobbiamo mostrare compassione. (Leggi Colossesi 3:13.) Per esempio, dobbiamo fare in modo che sia facile per gli altri venire da noi a chiedere perdono (Luca 17:3, 4). Riflettiamo su queste domande: “Se una persona mi ha offeso, magari diverse volte, è facile per lei ottenere il mio perdono? Desidero davvero fare pace con chi mi ha fatto un torto o mi ha ferito?”

8 Per riuscire a perdonare, ci vuole umiltà. I farisei non si dimostrarono umili perché consideravano gli altri inferiori a loro. Noi cristiani, invece, dobbiamo umilmente ‘considerare che gli altri siano superiori a noi’, e quindi degni di ricevere il nostro perdono (Filip. 2:3). Imiteremo Geova e dimostreremo di essere umili? Dobbiamo mantenere aperta e in buono stato la “strada” che gli altri possono percorrere per ottenere il nostro perdono. ‘Affrettiamoci’ a mostrare misericordia e cerchiamo di non offenderci facilmente (Eccl. 7:8, 9).

EVITIAMO LA “COLPA DI SANGUE” MOSTRANDO RISPETTO PER LA VITA

9. In che modo Geova ricordò agli israeliti che la vita umana è sacra?

9 Uno degli scopi principali delle città di rifugio era proteggere gli israeliti dalla colpa di sangue (Deut. 19:10). Geova ama la vita, e di conseguenza odia “le mani che spargono sangue innocente” (Prov. 6:16, 17). Essendo giusto e santo, Dio non poteva ignorare un omicidio, nemmeno se causato involontariamente. È vero che in quest’ultimo caso all’omicida veniva mostrata misericordia; tuttavia, l’omicida doveva esporre il caso agli anziani e, una volta stabilito che l’omicidio era stato involontario, sarebbe dovuto rimanere nella città di rifugio fino alla morte del sommo sacerdote. Questo poteva significare passare il resto della vita in quella città. Le serie conseguenze che l’omicida doveva affrontare ricordavano a tutti gli israeliti che la vita umana è sacra. Se volevano onorare Colui che dà la vita, gli israeliti dovevano fare di tutto per non mettere in pericolo la vita di un altro essere umano.

10. Secondo Gesù, in che modo gli scribi e i farisei mostravano di non avere alcun rispetto per la vita?

10 Diversamente da Geova, gli scribi e i farisei mostravano di non avere alcun rispetto per la vita. Infatti Gesù disse loro: “Avete tolto la chiave della conoscenza; voi stessi non siete entrati, e a quelli che entravano lo avete impedito!” (Luca 11:52). Gli scribi e i farisei avrebbero dovuto spiegare agli altri il significato della Parola di Dio e avrebbero dovuto aiutarli a camminare sulla via che porta alla vita eterna. Invece, cercavano di impedire loro di seguire Gesù, “il principale Agente della vita”, portandoli verso la distruzione (Atti 3:15). Gli scribi e i farisei, orgogliosi ed egoisti, avevano scarso rispetto per la vita e per il benessere degli altri esseri umani: erano davvero crudeli!

11. (a) In che modo l’apostolo Paolo mostrò di considerare la vita come la considera Dio? (b) Cosa ci aiuterà ad avere lo stesso zelo di Paolo nel ministero?

11 Come possiamo imitare Geova ed evitare l’atteggiamento degli scribi e dei farisei? Dobbiamo apprezzare il dono della vita e rispettarlo. L’apostolo Paolo fece proprio questo dando completa testimonianza. Ecco perché poté dire: “Sono puro del sangue di tutti gli uomini”. (Leggi Atti 20:26, 27.) Comunque, Paolo non era spinto né dal senso di colpa né dal senso del dovere, ma dall’amore per le persone e dal fatto che considerava preziosa la loro vita (1 Cor. 9:19-23). Anche noi dovremmo sforzarci di considerare la vita come la considera Geova, il quale “desidera che tutti pervengano al pentimento” (2 Piet. 3:9). Se sviluppiamo un atteggiamento misericordioso, saremo motivati a svolgere il ministero con maggiore zelo e proveremo più gioia.

12. Perché i servitori di Dio rispettano scrupolosamente le norme di sicurezza?

12 Un altro modo per dimostrare che consideriamo la vita come la considera Geova è sviluppare il giusto atteggiamento per le norme di sicurezza. Dobbiamo rispettare queste norme sul posto di lavoro, quando partecipiamo alla costruzione o alla manutenzione dei nostri luoghi di adorazione e quando guidiamo, magari per recarci a un evento teocratico. La sicurezza e la salute delle persone sono sempre più importanti dei risultati, del denaro o delle scadenze. Il nostro Dio fa sempre ciò che è giusto, e noi vogliamo imitarlo. In particolare gli anziani si sforzano di prestare attenzione sia alla propria sicurezza sia a quella di chi lavora con loro (Prov. 22:3). Quindi, se un anziano ci ricordasse una norma di sicurezza, dovremmo ascoltarlo (Gal. 6:1). Se consideriamo la vita come la considera Geova, eviteremo la colpa di sangue.

‘GIUDICATE SECONDO QUESTI GIUDIZI’

13, 14. In che modo gli anziani di Israele potevano imitare la giustizia di Geova?

13 Geova comandò agli anziani di Israele di imitare le sue alte norme di giustizia. Prima di tutto, gli anziani dovevano stabilire i fatti. Poi, per decidere se si poteva mostrare misericordia, dovevano valutare attentamente le motivazioni dell’omicida, il suo atteggiamento e il comportamento che aveva tenuto in passato. Per imitare la giustizia di Dio, gli anziani dovevano stabilire se l’omicida aveva agito “con odio” e “con cattiva intenzione”. (Leggi Numeri 35:20-24, nt.) Se si fossero presentati dei testimoni, ne sarebbero serviti almeno due per confermare un’accusa di omicidio volontario (Num. 35:30).

14 Dopo aver stabilito i fatti, quindi, gli anziani dovevano concentrarsi sulla persona, non solo sulle azioni che aveva compiuto. Avevano bisogno di perspicacia, la capacità di vedere oltre ciò che è ovvio e di capire a fondo una situazione. Soprattutto, avevano bisogno dello spirito santo, che li avrebbe aiutati a manifestare perspicacia, misericordia e giustizia a imitazione di Geova (Eso. 34:6, 7).

15. Mettete a confronto il modo in cui Gesù e i farisei consideravano i peccatori.

15 I farisei si concentravano solo su quello che il peccatore aveva fatto e non sul tipo di persona che era. Quando videro Gesù a un banchetto a casa di Matteo, i farisei chiesero ai suoi discepoli: “Perché il vostro maestro mangia con gli esattori di tasse e con i peccatori?” Gesù rispose: “I sani non hanno bisogno del medico, ma quelli che stanno male sì. Andate, dunque, e imparate che cosa significa questo: ‘Voglio misericordia, e non sacrificio’. Poiché io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori” (Matt. 9:9-13). Gesù stava forse giustificando i peccati gravi? Assolutamente no. Infatti, un aspetto importante del messaggio di Gesù era l’invito a pentirsi dei propri peccati (Matt. 4:17). Gesù mostrò perspicacia notando che almeno alcuni di quegli ‘esattori di tasse e peccatori’ volevano cambiare. Non erano andati a casa di Matteo solo per mangiare. La Bibbia lo conferma dicendo che molti di loro seguivano Gesù (Mar. 2:15). Purtroppo, però, la maggioranza dei farisei non vedeva in quelle persone ciò che vedeva Gesù. Anche se affermavano di adorare un Dio giusto e misericordioso, i farisei consideravano gli altri come peccatori che non sarebbero mai potuti cambiare.

16. Cosa deve cercare di capire un comitato giudiziario?

16 Oggi gli anziani devono assicurarsi di imitare Geova, che “ama la giustizia” (Sal. 37:28). Prima di tutto, devono “investigare e domandare con cura” per stabilire se è stato commesso un peccato. In questo caso, devono gestire la situazione seguendo istruzioni basate sulle Scritture (Deut. 13:12-14). Quando prestano servizio in un comitato giudiziario, gli anziani devono valutare il caso con attenzione per stabilire se un cristiano che ha commesso un peccato grave sia pentito o meno. E questo non è sempre facile da capire. Bisogna esaminare l’atteggiamento del peccatore, la sua condizione di cuore e il modo in cui considera il peccato che ha commesso (Riv. 3:3). Per ricevere misericordia, il peccatore deve essere pentito. *

17, 18. In che modo gli anziani possono capire se il pentimento è sincero? (Vedi l’immagine iniziale.)

17 Diversamente da Geova e da Gesù, gli anziani non possono leggere il cuore. Se siete anziani, come potete capire se il pentimento è sincero? Primo, pregate per avere sapienza e discernimento (1 Re 3:9). Secondo, consultate la Parola di Dio e le pubblicazioni dello schiavo fedele affinché vi aiutino a distinguere “la tristezza del mondo” dalla “tristezza secondo Dio”, cioè il pentimento sincero (2 Cor. 7:10, 11). Notate in che modo la Bibbia descrive persone che si pentirono e altre che non si pentirono, e analizzate i loro sentimenti, atteggiamenti e comportamenti.

18 Infine, cercate di vedere la persona nella sua totalità. Tenete conto dell’ambiente da cui proviene, delle sue motivazioni e dei suoi limiti. Parlando di Gesù, il capo della congregazione, la Bibbia aveva profetizzato: “Non giudicherà da ciò che solo appare ai suoi occhi, né riprenderà semplicemente secondo la cosa udita dai suoi orecchi. E deve giudicare con giustizia i miseri, e deve dare riprensione con rettitudine a favore dei mansueti della terra” (Isa. 11:3, 4). Voi anziani siete pastori nominati da Gesù, quindi lui vi aiuterà a imitare il suo modo di giudicare (Matt. 18:18-20). Siamo felici di avere anziani amorevoli che si sforzano di agire in questo modo. E apprezziamo molto tutto quello che fanno per promuovere la misericordia e la giustizia nelle congregazioni!

19. Quale delle lezioni imparate esaminando la disposizione delle città di rifugio volete mettere in pratica?

19 La Legge mosaica rispecchiava “l’ossatura della conoscenza e della verità” riguardo a Geova e ai suoi giusti princìpi (Rom. 2:20). La legge sulle città di rifugio, per esempio, insegna agli anziani come ‘giudicare con vera giustizia’ e a tutti noi come ‘praticare amore leale e misericordie l’uno verso l’altro’ (Zacc. 7:9). È vero che non siamo più sotto la Legge, ma Dio non cambia, quindi per lui la giustizia e la misericordia sono ancora importanti. Adorare Geova è davvero un grande privilegio: siamo fatti a sua immagine, possiamo imitare le sue qualità e possiamo rifugiarci in lui!

^ par. 16 Vedi “Domande dai lettori” nella Torre di Guardia del 15 settembre 2006, pagina 30.