Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Lingua dei segni italiana

La Torre di Guardia (per lo studio)  |  luglio 2017

Geova benedica tutti i tuoi progetti!

Geova benedica tutti i tuoi progetti!

“Prova squisito diletto in Geova, ed egli ti darà secondo le richieste del tuo cuore” (SAL. 37:4)

CANTICI: 89, 140

1. Cosa deve decidere chi è giovane riguardo al proprio futuro, ma perché non c’è bisogno di farsi prendere dall’ansia? (Vedi l’immagine iniziale.)

SEI d’accordo che prima di partire per un viaggio è saggio decidere in anticipo dove si vuole andare? La vita è come un viaggio, e il momento giusto per decidere dove andare è quando si è giovani. Naturalmente, per chi è giovane fare progetti non è sempre facile. Una ragazza di nome Heather ha detto: “Hai paura, perché ti rendi conto che devi decidere cosa fare per il resto della vita”. Ma non farti prendere dall’ansia! Geova dice a chi lo serve: “Non aver timore, poiché io sono con te. Non guardare in giro, poiché io sono il tuo Dio. Di sicuro ti fortificherò. Sì, realmente ti aiuterò” (Isa. 41:10).

2. Cosa ti fa capire che Geova desidera la tua felicità?

2 Geova desidera che tu faccia progetti per il futuro in modo saggio (Eccl. 12:1; Matt. 6:20). Inoltre, vuole che tu sia felice. Lo puoi capire se pensi alle cose meravigliose che Dio ha creato. Pensa anche a quello che fa per prendersi cura di noi e per insegnarci qual è il miglior modo di vivere. Alle persone che si rifiutano di seguire i suoi consigli Geova dice: “Sceglieste la cosa in cui non provavo diletto. [...] Ecco, i miei propri servitori si rallegreranno, ma voi stessi proverete vergogna. Ecco, i miei propri servitori grideranno di gioia a causa della buona condizione del cuore” (Isa. 65:12-14). Quando nella nostra vita facciamo scelte sagge, diamo gloria a Geova (Prov. 27:11).

PROGETTI CHE TI RENDERANNO FELICE

3. Cosa desidera Geova che tu faccia?

3 Che tipo di progetti Geova desidera che tu faccia? Per essere felici, abbiamo bisogno di conoscere Geova e servirlo fedelmente. È così che ci ha creati (Sal. 128:1; Matt. 5:3). Gli animali invece sono stati creati in modo molto diverso: si accontentano di mangiare, bere e riprodursi. Ma Dio vuole che nella vita tu faccia progetti per cose ben più significative. Il tuo Creatore è “l’Iddio dell’amore”, il “felice Dio”, che ha creato gli uomini “a sua immagine” (2 Cor. 13:11; 1 Tim. 1:11; Gen. 1:27). Quindi quello che ti renderà felice è imitare Dio. La Bibbia dice che “c’è più felicità nel dare che nel ricevere” (Atti 20:35). Hai mai sperimentato quanto siano vere queste parole? Questa è una verità fondamentale. Ecco perché Geova vuole che i tuoi progetti dimostrino che ami lui e gli altri. (Leggi Matteo 22:36-39.)

4, 5. Perché Gesù era felice?

4 Gesù Cristo è un esempio perfetto per i giovani. Sicuramente da piccolo giocava e si divertiva. Infatti la Parola di Dio dice che c’è “un tempo per ridere [...] e un tempo per saltare” (Eccl. 3:4). Ma Gesù studiava anche le Scritture, e questo lo fece avvicinare a Geova. Quando aveva 12 anni, parlò di argomenti spirituali con i maestri del tempio e loro si meravigliarono “del suo intendimento e delle sue risposte” (Luca 2:42, 46, 47).

5 Gesù diventò un adulto felice. Qual era il segreto della sua felicità? Sapeva che Dio gli aveva detto di “dichiarare la buona notizia ai poveri, [...] e il ricupero della vista ai ciechi” (Luca 4:18). Gesù era felice perché faceva quello che Dio gli aveva chiesto di fare. Salmo 40:8 esprime bene quello che provava: “A fare la tua volontà, o mio Dio, mi sono dilettato”. A Gesù piaceva molto insegnare alle persone la verità sul suo Padre celeste. (Leggi Luca 10:21.) In un’occasione, dopo aver parlato della vera adorazione con una donna, Gesù disse ai suoi discepoli: “Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e finire la sua opera” (Giov. 4:31-34). Dimostrare il suo amore a Dio e agli altri lo rendeva felice. Questo può rendere felice anche te!

6. Perché è utile parlare dei tuoi progetti con fratelli che hanno esperienza?

6 Molti fratelli e sorelle hanno provato la gioia di servire come pionieri da ragazzi. Perché non parli dei tuoi progetti con alcuni di loro? La Bibbia dice: “I piani sono frustrati dove non si parla in maniera confidenziale, ma nella moltitudine dei consiglieri c’è la riuscita” (Prov. 15:22). Questi fratelli dalla mentalità spirituale possono dirti che il ministero a tempo pieno ti darà un’istruzione che ti sarà utile per tutta la vita. Quando era in cielo, Gesù fu istruito da suo Padre e anche durante il suo ministero sulla terra continuò a imparare. Ad esempio, imparò che si prova molta gioia parlando ad altri della buona notizia e mantenendo l’integrità nella prova (leggi Isaia 50:4; Ebr. 5:8; 12:2). Vediamo ora perché il servizio a tempo pieno può renderti molto felice.

DEDICARSI ALL’OPERA DI FARE DISCEPOLI: LA SCELTA MIGLIORE

7. Perché a tanti ragazzi piace svolgere l’opera di fare discepoli?

7 Gesù disse: “Andate [...] e fate discepoli [...] insegnando loro” (Matt. 28:19, 20). La scelta di usare la tua vita per fare discepoli ti farà provare enorme soddisfazione e darà gloria a Dio. Ma come per qualunque altra attività, c’è bisogno di tempo per diventare esperti. Di recente, un fratello di nome Timothy, pioniere da quando era adolescente, ha detto: “Mi piace servire Geova a tempo pieno: è il mio modo di esprimere l’amore che provo per lui. All’inizio non trovavo studi biblici, ma poi mi sono trasferito in un altro territorio e in meno di un mese ho cominciato a studiare la Bibbia con tante persone. Una di loro ha anche iniziato a venire alla Sala del Regno. Dopo aver frequentato la Scuola biblica per fratelli non sposati, * mi è stato chiesto di trasferirmi in un altro territorio, dove ora conduco quattro studi biblici. Mi piace tantissimo insegnare la verità, perché vedo come lo spirito santo aiuta le persone a cambiare” (1 Tess. 2:19).

8. Cosa hanno fatto alcuni ragazzi per partecipare più pienamente all’opera di fare discepoli?

8 Alcuni ragazzi hanno imparato un’altra lingua. Ad esempio, Jacob, che viene dal Nordamerica, scrive: “Quando avevo sette anni nella mia classe c’erano tanti bambini vietnamiti. Volevo parlare loro di Geova, così decisi che in futuro avrei studiato quella lingua. Imparai soprattutto confrontando l’edizione inglese della Torre di Guardia con quella vietnamita. Feci anche amicizia con alcuni della congregazione di lingua vietnamita della mia zona. A 18 anni cominciai il servizio di pioniere. Poi frequentai la Scuola biblica per fratelli non sposati. L’istruzione ricevuta mi è molto utile, dato che servo come pioniere e sono l’unico anziano in un gruppo di lingua vietnamita. Molti vietnamiti si meravigliano del fatto che io abbia imparato la loro lingua. Mi invitano a entrare e spesso inizio a studiare la Bibbia con loro. Alcuni si sono battezzati”. (Confronta Atti 2:7, 8.)

9. Perché l’opera di fare discepoli ti può insegnare molto?

9 L’opera di fare discepoli ti insegna molto perché ti permette di acquisire capacità utili nel lavoro, migliorare il modo di comunicare, sviluppare fiducia in te stesso e imparare ad avere tatto (Prov. 21:5; 2 Tim. 2:24, nt.). Comunque, fare discepoli ti dà gioia soprattutto perché ti aiuta a conoscere meglio gli insegnamenti della Bibbia su cui è basata la tua fede. Ti insegna anche a collaborare strettamente con Geova (1 Cor. 3:9).

10. Come puoi provare gioia nell’opera di fare discepoli anche in un territorio difficile?

10 Puoi provare gioia in quest’opera anche se nel tuo territorio ci sono poche persone che reagiscono in maniera positiva alla buona notizia. Infatti, fare discepoli è un lavoro di squadra. Tutta la congregazione si impegna per trovare persone interessate alla verità. Anche se forse pochi studieranno con qualcuno che poi diventerà un discepolo, tutti collaborano a questa ricerca e tutti possono provare gioia. Ad esempio, Brandon ha predicato per nove anni in un territorio dove pochi erano disposti ad ascoltare. Lui dice: “Mi piace predicare la buona notizia perché è proprio quello che Geova ci chiede di fare. Ho cominciato il servizio di pioniere subito dopo aver finito la scuola. Sono felice anche di poter incoraggiare i ragazzi della mia congregazione e vedere come crescono spiritualmente. In seguito ho frequentato la Scuola biblica per fratelli non sposati e poi ho ricevuto un nuovo incarico come pioniere. È vero, in questo territorio non ho mai trovato nessuno che poi si sia battezzato, ma ad altri fratelli è successo. Sono contento di essermi organizzato per partecipare pienamente all’opera di fare discepoli” (Eccl. 11:6).

ALTRE OPPORTUNITÀ DI SERVIZIO

11. In quale forma di sacro servizio si impegnano molti giovani?

11 Ci sono molte forme di servizio a tempo pieno. Per esempio, tanti giovani lavorano come volontari a progetti di costruzione. Oggi c’è bisogno di centinaia di nuove Sale del Regno. Partecipare a lavori di costruzione è una forma di sacro servizio che dà gloria a Dio e che può renderti felice. Come accade per ogni altra forma di servizio, si prova molta gioia stando insieme ai fratelli con cui si lavora. Partecipare a simili progetti è anche istruttivo perché ti insegna a prestare attenzione alla sicurezza, a prendere sul serio il lavoro e a cooperare con chi ha incarichi di responsabilità.

Chi si impegna nel servizio a tempo pieno avrà tante benedizioni! (Vedi i paragrafi da 11 a 13)

12. Perché possiamo dire che servire come pioniere può aprire la strada ad altre opportunità di servizio?

12 Un fratello di nome Kevin dice: “Già da piccolo volevo servire Geova a tempo pieno. A 19 anni cominciai il servizio di pioniere. Mi mantenevo lavorando part time per un fratello che aveva un’attività nel settore edile. Imparai a installare tetti, porte e finestre. Poi per due anni collaborai con una squadra di soccorso alla ricostruzione di Sale del Regno e di case di fratelli danneggiate dagli uragani. In seguito sentii che in Sudafrica c’era bisogno di aiuto per dei progetti di costruzione, quindi compilai la domanda e fui invitato a partecipare. Qui in Africa collaboro alla costruzione di una Sala del Regno per qualche settimana e poi mi sposto. La mia squadra è diventata anche la mia famiglia: lavoriamo insieme, viviamo insieme e studiamo la Bibbia insieme. Mi piace anche predicare ogni settimana con i fratelli del posto. Le scelte che ho fatto da ragazzo mi hanno reso felice in modi che non avrei mai immaginato”.

13. Perché i giovani che servono alla Betel sono felici?

13 Alcuni che stavano già servendo a tempo pieno ora sono alla Betel. Questa forma di servizio rende molto felici perché ogni cosa che si fa alla Betel la si fa per Geova. Chi serve alla Betel contribuisce a rendere disponibile il cibo spirituale. Un fratello che si chiama Dustin dice: “Quando avevo nove anni decisi che mi sarei impegnato nel servizio a tempo pieno. Così, una volta finita la scuola, iniziai a fare il pioniere. Dopo un anno e mezzo fui invitato a servire alla Betel, dove ho imparato a far funzionare le rotative e poi anche a programmare i computer. Qui ho il privilegio di ricevere subito informazioni aggiornate riguardo all’opera di fare discepoli a livello mondiale. Mi piace tanto questo servizio perché quello che si fa qui aiuta le persone ad avvicinarsi a Geova”.

QUALI SONO I TUOI PROGETTI PER IL FUTURO?

14. Come puoi prepararti per il ministero a tempo pieno?

14 Come puoi prepararti per il ministero a tempo pieno? Per servire Geova pienamente devi soprattutto sviluppare qualità spirituali. Quindi, studia regolarmente la Parola di Dio, medita profondamente su quello che studi e cerca di fare commenti significativi alle adunanze. Sfrutta quello che impari a scuola per migliorare il modo in cui predichi la buona notizia. Impara a interessarti degli altri chiedendo con tatto il loro punto di vista e ascoltando quello che dicono. Puoi anche offrirti di fare qualcosa per la congregazione, come ad esempio dare una mano per mantenere pulita e in buono stato la Sala del Regno. Geova è felice di impiegare chi ha un atteggiamento umile e volenteroso (leggi Salmo 110:3; Atti 6:1-3). Ricorda che l’apostolo Paolo invitò Timoteo a servire come missionario perché “di lui rendevano buona testimonianza i fratelli” (Atti 16:1-5).

15. Cosa puoi fare ora per riuscire a mantenerti in futuro?

15 Di solito chi è impegnato nel ministero a tempo pieno deve essere in grado di mantenersi (Atti 18:2, 3). Forse puoi frequentare un breve corso che ti prepari a svolgere un lavoro part time di cui c’è bisogno nella tua zona. Parla con il tuo sorvegliante di circoscrizione e con altri pionieri e chiedi quali sono, secondo loro, dei lavori adatti a un pioniere. Inoltre, ricorda che la Bibbia dice: “Rotola le tue opere su Geova stesso e i tuoi piani saranno fermamente stabiliti” (Prov. 16:3; 20:18).

16. In che modo servire Geova a tempo pieno da giovane può prepararti per responsabilità future?

16 Puoi essere sicuro di una cosa: Geova vuole che tu ‘afferri fermamente’ un futuro felice. (Leggi 1 Timoteo 6:18, 19.) Servendo Geova a tempo pieno conoscerai altri fratelli impegnati nello stesso servizio e potrai crescere spiritualmente. Molti che da giovani hanno servito Geova pienamente hanno riscontrato che questo li ha anche aiutati ad avere un matrimonio felice. E spesso chi era pioniere prima di sposarsi è riuscito a continuare questo tipo di servizio anche insieme al coniuge (Rom. 16:3, 4).

17, 18. In che senso fare progetti per servire Geova pienamente è una cosa che parte dal cuore?

17 Fare progetti per servire Geova pienamente è una cosa che parte dal cuore. Riguardo a Geova, Salmo 20:4 dice: “Ti dia egli secondo il tuo cuore, e compia tutto il tuo consiglio”. Quindi pensa a cosa vuoi fare della tua vita. Rifletti su quello che Geova sta facendo nei nostri giorni e su quello che tu puoi fare nella sua opera. Poi fai dei progetti per impiegare la tua vita in modo da rendere felice Geova.

18 Servire Geova pienamente ti farà provare profonda soddisfazione, perché questo è il modo di vivere che gli dà gloria. Sperimenterai quanto siano vere le parole del Salmo 37:4, che dice: “Prova squisito diletto in Geova, ed egli ti darà secondo le richieste del tuo cuore”.

^ par. 7 Ora sostituita dalla Scuola per evangelizzatori del Regno.