Vai direttamente al contenuto

Vai direttamente al menu secondario

Vai direttamente al sommario

Testimoni di Geova

Lingua dei segni italiana

Impariamo dai racconti della Bibbia

CAPITOLO 59

Quattro ragazzi che ubbidirono a Geova

Quattro ragazzi che ubbidirono a Geova

Quando portò i principi di Giuda a Babilonia, Nabucodonosor li affidò a un funzionario di corte di nome Aspenaz. Nabucodonosor disse ad Aspenaz di scegliere i ragazzi più intelligenti e con una salute migliore. Questi ragazzi sarebbero stati istruiti per tre anni. In questo modo venivano preparati per diventare persone importanti a Babilonia. I ragazzi dovevano imparare a leggere, scrivere e parlare in accadico, la lingua babilonese. Dovevano anche mangiare gli stessi cibi che mangiavano il re e la sua corte. Tra questi ragazzi c’erano Daniele, Hanania, Misael e Azaria. Aspenaz diede loro dei nomi babilonesi: Baltassar, Sadrac, Mesac e Abednego. Adesso che dovevano essere istruiti dai babilonesi, questi quattro ragazzi avrebbero smesso di servire Geova?

Daniele, Hanania, Misael e Azaria erano decisi a ubbidire a Geova. Sapevano che non dovevano mangiare i cibi del re, perché secondo la Legge di Geova alcune delle cose che il re mangiava erano impure. Allora dissero ad Aspenaz: “Per favore, non farci mangiare i cibi del re”. Aspenaz rispose: “Se non li mangiate, quando il re vi vedrà penserà che siete malati e mi ucciderà”.

A Daniele venne un’idea. Disse al loro custode: “Ti prego, dacci da mangiare soltanto verdure, legumi e acqua per 10 giorni, e poi confrontaci con i ragazzi che hanno mangiato i cibi del re”. Il custode fu d’accordo.

Dopo questa prova di 10 giorni, Daniele e i suoi tre amici avevano un aspetto più sano di tutti gli altri ragazzi. Geova era felice che gli avessero ubbidito. Geova diede a Daniele perfino la capacità di capire le visioni e i sogni.

Quando il periodo di addestramento finì, Aspenaz portò i ragazzi da Nabucodonosor. Il re parlò con loro e vide che Daniele, Hanania, Misael e Azaria erano più intelligenti e svegli di tutti gli altri ragazzi. Così decise di far lavorare tutti e quattro nella sua corte reale. Spesso il re chiedeva loro dei consigli su questioni importanti. Grazie a Geova quei ragazzi avevano più saggezza di tutti i saggi del re e di tutti i sacerdoti che praticavano la magia.

Anche se erano in un paese straniero, Daniele, Hanania, Misael e Azaria non dimenticarono mai di essere servitori di Geova. E tu? Ti ricorderai sempre di Geova, anche quando i tuoi genitori non saranno con te?

“Nessuno disprezzi la tua giovane età. Diventa piuttosto un esempio per i fedeli nel parlare, nel comportamento, nell’amore, nella fede, nella castità” (1 Timoteo 4:12)