Esodo 8:1-32

  • 2a piaga: rane (1-15)

  • 3a piaga: zanzare (16-19)

  • 4a piaga: tafani (20-32)

    • Gosen non viene colpito (22, 23)

8  Quindi Geova disse a Mosè: “Va’ dal faraone e digli: ‘Questo è ciò che Geova dice: “Lascia andare via il mio popolo perché mi serva.+  Se continui a rifiutarti di lasciarlo partire, piagherò tutto il tuo territorio con le rane.+  E il Nilo pullulerà di rane, che saliranno ed entreranno nella tua casa, nella tua camera, nel tuo letto, nelle case dei tuoi servitori, in mezzo al tuo popolo, nei tuoi forni e nelle tue madie.*+  Le rane saliranno su di te, sul tuo popolo e su tutti i tuoi servitori”’”.  In seguito Geova disse a Mosè: “Di’ ad Aronne: ‘Stendi la mano con il tuo bastone sui fiumi, sui canali del Nilo e sugli stagni, e fa’ salire le rane sul paese d’Egitto’”.  Allora Aronne stese la mano sulle acque dell’Egitto, e le rane salirono e coprirono il paese d’Egitto.  Comunque, i sacerdoti che praticavano la magia fecero la stessa cosa con le loro arti occulte, e anche loro fecero salire le rane sul paese d’Egitto.+  Il faraone chiamò quindi Mosè e Aronne, e disse: “Implorate Geova di allontanare le rane da me e dal mio popolo;+ sono infatti disposto a mandar via il popolo perché offra sacrifici a Geova”.  Quindi Mosè disse al faraone: “Lascio a te l’onore di dirmi quando dovrò supplicare perché le rane siano allontanate da te, dai tuoi servitori, dal tuo popolo e dalle tue case. Saranno lasciate solo nel Nilo”. 10  Il faraone rispose: “Domani”. Quindi Mosè disse: “Sia come tu dici, affinché tu sappia che non c’è nessun altro simile a Geova nostro Dio.+ 11  Le rane si allontaneranno da te, dalle tue case, dai tuoi servitori e dal tuo popolo. Saranno lasciate solo nel Nilo”.+ 12  Pertanto Mosè e Aronne se ne andarono dal cospetto del faraone, e Mosè implorò Geova a motivo delle rane che Egli aveva mandato contro il faraone.+ 13  Quindi Geova fece quello che Mosè aveva chiesto, e le rane iniziarono a morire nelle case, nei cortili e nei campi. 14  E le ammassarono, mucchi su mucchi, e il paese cominciò a puzzare. 15  Quando vide che c’era un po’ di sollievo, il faraone indurì il suo cuore+ e si rifiutò di ascoltarli, proprio come aveva detto Geova. 16  Geova disse ora a Mosè: “Di’ ad Aronne: ‘Stendi il tuo bastone e colpisci la polvere della terra, ed essa deve trasformarsi in zanzare* in tutto il paese d’Egitto’”. 17  E fecero così. Aronne stese la mano con il bastone e colpì la polvere della terra, e le zanzare vennero su uomini e animali. Tutta la polvere della terra si trasformò in zanzare in tutto il paese d’Egitto.+ 18  I sacerdoti che praticavano la magia cercarono di fare la stessa cosa e di produrre zanzare con le loro arti occulte,+ ma non ci riuscirono. E le zanzare vennero su uomini e animali. 19  Perciò i sacerdoti dissero al faraone: “È il dito di Dio!”+ Ma il cuore del faraone rimase ostinato, e lui non li ascoltò, proprio come aveva detto Geova. 20  Quindi Geova disse a Mosè: “Alzati la mattina di buon’ora e presentati davanti al faraone quando esce per andare verso l’acqua. E gli devi dire: ‘Geova ha detto questo: “Lascia andare via il mio popolo perché mi serva. 21  Ma se non lascerai partire il mio popolo, manderò su di te, sui tuoi servitori, sul tuo popolo e nelle tue case i tafani;* e le case dell’Egitto saranno piene di tafani, che arriveranno a coprire il suolo su cui loro* stanno. 22  Quel giorno certamente terrò separato il paese di Gòsen, nel quale risiede il mio popolo. Lì non ci sarà nessun tafano,+ e da questo saprai che io, Geova, sono nel paese.+ 23  Farò una distinzione fra il mio popolo e il tuo popolo. Questo segno avverrà domani”’”. 24  E Geova fece così; e grandi sciami di tafani cominciarono a invadere la casa del faraone, le case dei suoi servitori e tutto il paese d’Egitto.+ Il paese fu devastato dai tafani.+ 25  Infine il faraone chiamò Mosè e Aronne, e disse: “Andate, offrite sacrifici al vostro Dio all’interno del paese”. 26  Ma Mosè rispose: “Una cosa del genere non è opportuna, perché ciò che sacrificheremmo a Geova nostro Dio sarebbe detestabile per gli egiziani.+ Se facessimo un sacrificio detestabile per gli egiziani proprio davanti ai loro occhi, non ci lapiderebbero? 27  Andremo nel deserto a tre giorni di cammino e lì offriremo sacrifici a Geova nostro Dio, proprio come egli ci ha detto”.+ 28  Allora il faraone disse: “Io vi lascerò andare a offrire sacrifici a Geova vostro Dio nel deserto, ma non dovete andare così lontano. Supplicate in mio favore”.+ 29  Quindi Mosè disse: “Ecco, io vado via da te e supplicherò Geova, e domani i tafani si allontaneranno dal faraone, dai suoi servitori e dal suo popolo. Ma il faraone dovrà smettere di prendersi gioco di noi rifiutando di lasciar andare il popolo a offrire sacrifici a Geova”.+ 30  Mosè se ne andò quindi dal cospetto del faraone e supplicò Geova.+ 31  Geova fece quello che Mosè aveva chiesto, e i tafani si allontanarono dal faraone, dai suoi servitori e dal suo popolo. Non ne fu lasciato nemmeno uno. 32  Comunque, il faraone indurì di nuovo il suo cuore e non mandò via il popolo.

Note in calce

O “recipienti per impastare”.
O “culici”.
Un tipo di mosca che punge.
Cioè gli egiziani.